Castelfiorentino

Casa nuova per Benozzo

Il 30 gennaio 2009 è stato inaugurato a Castelfiorentino (FI) un nuovo Museo interamente dedicato a Benozzo Gozzoli, che ospita alcuni preziosi affreschi realizzati dall'artista nella Valdelsa fiorentina.

Il museo - realizzato grazie anche ad un finanziamento dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e disegnato dall'architetto Massimo Mariani (che gli ha conferito le sembianze di uno scrigno per sottolineare il valore delle opere contenute) - è stato concepito come un abito su misura, in modo da consentire al visitatore di ammirare nel loro integrale splendore due opere che il celebre pittore fiorentino realizzò all'interno di due cappelle viarie: il Tabernacolo della Madonna della Tosse (1484) e quello della Madonna delle Grazie, detto anche della Visitazione (1490-91) mediante le quali il Gozzoli lasciò nella campagna toscana due testimonianze importanti della cultura rinascimentale fiorentina.

In particolare il Tabernacolo della Visitazione presenta dimensioni imponenti (oltre sei metri di altezza) e narra vari episodi legati alla Vita della Vergine, raccordati da una sapiente architettura.

All'interno del Museo sono presenti postazioni didattiche e multimediali realizzate in collaborazione con l'Istituto e Museo di storia della scienza, attraverso le quali - grazie ad un'applicazione interattiva - è possibile esplorare nei dettagli gli affreschi oppure guardare un video per conoscerne più a fondo la storia.

Il Museo di Benozzo Gozzoli osserva il seguente orario di apertura: lunedì 9-13 (riservato a gruppi scolastici); martedi 16-19, giovedì 16-19, venerdì 9-13, sabato e domenica 10-12 e 16-19. Mercoledì chiuso.

Costo del biglietto: intero 3 euro, ridotto 2 euro.

Info: tel. 0571686341-348, www.museobenozzogozzoli.it

 

San Gimignano

Serata futurista

L'appuntamento con “Pranzo d’amore, ovvero le curve del mondo ed i loro segreti” è per giovedì 19 febbraio, ore 20.30. Si tratta del testo scritto da Filippo Tommaso Marinetti, uno degli esponenti più in vista del Futurismo: proprio la pubblicazione su Le Figaro del suo “Manifesto”, avvenuta il 20 febbraio 1909, segnò in pratica l’avvio del movimento.

Con qualche ora di anticipo rispetto alle celebrazioni per il centenario, il ristorante la Mandragola di San Gimignano ospiterà le Giubbe Rosse di Firenze: i camerieri-attori dello storico locale fiorentino – ritrovo agli inizi del Novecento di storici e letterati – daranno vita al menu erotico-futurista scritto in forma di testo teatrale da Marinetti negli anni ’30. Tra l’antipasto ed il dessert ne uscirà una trama, messa in scena col diretto coinvolgimento dei presenti. Prezzo al pubblico euro 30.

La serata fa parte del calendario dell'ottava edizione di “Girogustando”, la manifestazione promossa dalla Confesercenti di Siena, dal 4 febbraio al 25 marzo e poi ancora dal 14 ottobre al 5 novembre. Venti serate-evento, con una coppia di cuochi protagonista per sera: in cucina si alterneranno chef provenienti da 12 regioni italiane, ospiti di un collega e del suo ristorante. Quaranta protagonisti suddivisi in coppie, ognuna delle quali proporrà un diverso “menu a quattro mani” con due opzioni di prezzo, a seconda della serata.

Info: tel. 0577252237, www.girogustando.tv; prenotazioni cena futurista tel. 0577940377

 

Firenze

Ballando alla Fortezza

Centinaia di eventi, concorsi, spettacoli e lezioni gratuite aperte a tutti. È la quarta edizione di “Danza in fiera”, la grande kermesse dedicata alla passione per la danza e il ballo, dal 19 al 22 febbraio alla Fortezza da Basso di Firenze.


L’Accademia nazionale di Danza e l’Opera di Roma e il San Carlo di Napoli metteranno in scena spettacoli con i loro migliori allievi. Moltissime le scuole e le accademie che insegneranno i passi di ogni genere di ballo, dalla danza moderna alle danze orientali, dalle danze irlandesi al tango argentino, dal musical all’hip hop, fino alle lezioni di acrodance e cheerleading tenute dalla Federazione italiana sport acrobatici e coreografici (Fisac) - Accademia acrobatica, che insegnerà a muoversi come le vere ragazze pon pon. Infine, cappello da cowboy in testa, i ragazzi della Country music association - Cmdj tornano anche quest’anno con folcloristiche esibizioni di country line dance e con lezioni aperte a tutti.

E ancora: stage con Rossella Brescia, lezioni aperte con Steve La Chance e il maestro Frédéric Olivieri dell’Accademia Teatro Alla Scala, Jemma Mc Kenzie Brown (alias Tiara Gold), direttamente da High School Musical 3. Per tutti i numerosi fan di “Amici”, spazio invece giovedì 19 febbraio allo spettacolo con i vincitori delle passate edizioni della trasmissione.

Orario: giovedì 15-21, venerdì e sabato 10-21, domenica 10–20, ingresso giornaliero 15 euro, 4 giorni 25 euro. Bambini 8-12 anni 10 euro, sotto gli 8 anni e disabili gratuito.

Info: www.danzainfiera.it

 

Firenze

Balli popolari

L'associazione “La Taranta” di Firenze, via degli Alfani 51, organizza corsi di ballo popolare, tipici delle regioni italiane. Questi gli appuntamenti in programma: ballo sul tamburo dell'Agro Nocerino (Campania) e balli sardi del Goceano (Nuoro), il 9 e 16 febbraio e il 2 marzo; Saltarello marchigiano e balli umbri il 9, 16, 23, 30 marzo e il 6 aprile; il 23 febbraio Festa di Carnevale in maschera e il 20 aprile Festa da ballo.

Per informazioni su costi e orari: tel. 055295178 (pomeriggio), 3475000000, www.taranta.it

 

Incisa in Val d'Arno

Teatro per ragazzi

Ancora due appuntamenti a febbraio con la X rassegna teatrale di figura “Nella pancia della balena”, spettacoli di burattini, pupazzi, clown e attori, organizzata dall'amministrazione comunale di Incisa in Val d'Arno (Firenze).

Domenica 1° febbraio va in scena L'elefantino curioso, della compagnia Teatro del Vento di Bergamo: domenica 8 febbraio è la volta di Cenerentola... la vera storia di..., della compagnia Teatrombria di Firenze. Gli spettacoli si tengono presso il Teatro Il Vivaio ad Incisa in Val d'Arno, inizio ore 16.30. L'ingresso è gratuito.

È un’occasione per avvicinare i bambini, e anche le loro famiglie, al mondo del teatro, respirando dal vivo l’emozione del palcoscenico, e al tempo partecipare ad un'iniziativa di solidarietà: alla rassegna è infatti collegata una raccolta di fondi a cura dell’associazione Amici di Barberino di Incisa in Val d’Arno, che devolverà i proventi alla Fondazione Meyer di Firenze destinandoli alla ricerca sulle malattie metaboliche.

Info: Ufficio Pubblica istruzione, tel. 0558333432-433

 

 

Firenze

Ferrovie: chiuso il museo

In seguito alla segnalazione “La storia sui binari” (Informatore gennaio 2009, pag. 44) molti soci hanno cercato – senza successo – di contattare il Museo di oggettistica ferroviaria allestito alla Stazione Leopolda di Firenze. Non hanno trovato nessuno perché il Museo è stato chiuso.

«Lo spazio di Porta al Prato dove sorge l'intero Centro storico culturale ferroviario Leopolda è inserito nel progetto relativo alla prevista “Città della Musica e della Cultura” – spiega Vincenzo Ruocco, presidente del Centro, in una mail indirizzata alla redazione –. Gli accordi tra le Ferrovie e il Comune di Firenze prevedono che il Museo sarà trasferito in un'altra area, probabilmente in zona Belfiore, sede della nuova stazione dell'Alta Velocità. I tempi sono ovviamente legati alla realizzazione delle relative opere». 

 

 

Le donne del jazz

Dal 21 febbraio al 1° marzo

Lucca jazz donna

Quinta edizione dedicata a Billie Holiday a 50 anni dalla sua scomparsa.

Spettacoli nei teatri del centro storico di Lucca

Info: www.luccajazzdonna.it