Il prezzo d'Irlanda
È carne di vitellone nato, allevato e macellato in Irlanda. Controllato e garantito come tutti i prodotti Coop: pratiche d'allevamento corrette e rispettose del benessere dell'animale, analisi per verificare l'assenza di ormoni, antibiotici o altre sostanze dannose alla salute. Solo che ha un pregio che non è male di questi tempi: costa dal 10 al 15 per cento in meno dell'altra carne a marchio Coop ed ha i prezzi più bassi che si possano trovare sul mercato.
La carne irlandese è arrivata sui banchi di alcuni punti vendita dell'Unicoop Firenze qualche mese fa, ma il completamento dell'assortimento e della presenza nei reparti si ha con ottobre. Una buona notizia per quei soci e consumatori che devono stare attenti alla spesa per arrivare in fondo al mese.

Vestirsi a 5 euro
In pratica sono capi attuali con buon rapporto qualità/prezzo del settore abbigliamento uomo, donna, bambino e neonato. Cioè i prezzi più bassi per pantaloni, maglie, felpe... Un modo per dare la possibilità al consumatore di comprare capi d'abbigliamento senza una grande varietà di scelta ma "Convenienti sempre", come recita lo slogan che marchia questi capi. Infatti i prezzi vanno dai 5 ai 10 euro al massimo. L'offerta si trova in tutti gli ipermercati dell'Unicoop Firenze e si rinnova di stagione in stagione. A giudicare dalle prime reazioni - il primo "pacchetto" di prodotti è andato letteralmente a ruba - l'iniziativa ha evidentemente centrato un'esigenza particolarmente sentita da una parte consistente della nostra base sociale.

25 euro a testa
Ventimila liste di testi scolastici, prenotati nei sei ipermercati e on line sul nostro sito. E la novità è soprattutto questa: mentre le prenotazioni presso gli iper sono qualche migliaio in più dell'anno scorso (più di 14 mila), i soci che hanno prenotato su internet, e poi sono andati a ritirare i libri al supermercato più vicino, sono più di cinquemila. Insomma, un servizio gradito e sul quale la cooperativa certo non ci guadagna, visto lo sconto del 15 per cento riconosciuto al socio. Lo facciamo essenzialmente per fornire un servizio ed un risparmio considerevole ai nostri soci. Complessivamente si tratta di 160 mila euro risparmiate dalle famiglie: 25 euro a testa, di media. Una cifra di tutto rispetto, nell'economia familiare.