Scritto da Melania Pellegrini |    Marzo 2011    |    Pag.

Nata a Roma, si è laureata in Lettere moderne nel 1993. Comincia la sua attività giornalistica nel 1996 con il quotidiano on line Ultime Notizie che un anno dopo approda nelle edicole romane. Nello stesso periodo comincia a lavorare presso l’ufficio comunicazione e stampa dell’ass. di categoria Unione nazionale costruttori macchine agricole dove si occupa della rivista mensile MondoMacchina/MachineryWorld.

Nel 2001 si trasferisce a Firenze. Qui lavora come organizzatrice di congressi e eventi culturali al Convitto della Calza e comincia a scrivere per il settimanale locale Metropoli con cui collabora fino al 2011. Nel 2003 partecipa al concorso per entrare all’ipercoop di Sesto Fiorentino, passa tutte le selezioni e viene assunta come cassiera. Da questa sua esperienza lavorativa, che continua tutt’oggi, nel 2011 nasce “Diario di una cassiera”, una rubrica pubblicata sull’Informatore, la rivista mensile di Unicoop Firenze. Sempre nel 2011 scrive il volume “I nostri primi 30 anni. La sezione soci Coop di Campi Bisenzio fra impegno, solidarietà, socialità e partecipazione”. Da gennaio 2012 si occupa delle rubrica Guida alla spesa dell’Informatore.

Sarebbe bello poter conoscere tutto, sapere tutto quello che un ipermercato o un supermercato vende, anche per chi ci lavora, sapere tutto di ogni reparto di ogni promozione nuova, essere preparati per ogni singola domanda.
«Posso farle una domanda?», «Sì, ma solo se so rispondere»; spesso per sdrammatizzare le mie carenze, rispondo così e un sorriso lo strappo sempre; poi in realtà se non so rispondere, faccio una telefonata al reparto e cerco di soddisfare ogni curiosità, di togliere ogni dubbio.
Un cliente però è riuscito a spiazzarmi. Lo conosco da quando sono entrata a lavorare qui, conosco lui e la moglie; i nipotini, li ho visti crescere; oramai vanno a scuola, la loro mamma pareva incinta solo ieri. Poi se la situazione alle casse è calma, questo è un cliente che ama fermarsi a conversare.

Così conosco i gusti nel mangiare della sua famiglia, la loro passione per il ballo, so quando vanno al mare o in montagna e a volte con la moglie ci scambiamo ricette (adoro cucinare!). Ogni giorno scopro di loro qualcosa di nuovo comunque, come quando è arrivato alla mia cassa e mi ha chiesto: «Mi sa dire se questa batteria è adatta alla mia macchina?». Ecco, questo mi manca, m'ha colta impreparata.
«Lo sa che io la vedo sempre in bici o a piedi? Ha pure una macchina?». Ha riso, «Sì, la macchina ce l'ho eccome, solo che abito vicino e non mi serve per venire qui». Io di batterie però ci capisco poco; così faccio la telefonata di rito, viene il collega e lo lascio nelle sue mani. Dopo un po' viene a pagare: articolo giusto trovato.
Ecco fatto: cliente soddisfatto ma... a ognuno il suo lavoro!