Quasi duemila...

Scritto da Antonio Comerci |    Novembre 1998    |    Pag.

Da molti anni nell'Unicoop Firenze, si è occupato di varie tematiche, soprattutto dal punto di vista consumerista e storico.

Autore alla fine degli anni ’80 di alcune pubblicazioni: Guida alla spesa - per spendere meglio e sapere cosa si compra (1989); Ecologia domestica - suggerimenti per rispettare l'ambiente (1989); Vivere la sicurezza - i pericoli dell'ambiente domestico; Frutti esotici – Piccola guida per conoscerli, riconoscerli e apprezzarli (1987); A come agrumi (1987).

Nel 1982 ha organizzato le Giornate dei giovani consumatori, a Firenze, che hanno visto la partecipazione di oltre 12 mila studenti e sono state la prima esperienza in grande stile della Coop nel mondo della scuola e dell'educazione ai consumi.

Dirige dal 1981 l'Informatore, mensile inviato ai soci dell'Unicoop Firenze, con una tiratura di oltre 600 mila copie. Dal '92 è responsabile della comunicazione istituzionale dell'Unicoop Firenze.

Nel 2004 esce “All’origine dell’oggi – Cronaca degli ultimi 40 anni della cooperativa”, una cronologia dei più significativi eventi che hanno caratterizzato l’Unicoop Firenze e la cooperazione di consumo dal 1960 in poi. Stampato in proprio dall’Unicoop Firenze, la ricerca, le immagini e i testi della pubblicazione sono di Comerci.

Nel 2007 ha pubblicato per "I tipi" della Mauro Pagliai Editore, il libro "sComunicati - Viaggio fra i mezzi e i messaggi della società che comunica", con la prefazione del prof. Carlo Sorrentino, docente dell'Università di Firenze.

Per i cinquanta anni dalla registrazione della testata, nel 2013 esce “Quelli che... informano – Storia e considerazioni sul giornale dell’Unicoop Firenze” pubblicato dall’Unicoop Firenze e diffuso in migliaia di copie. Nella pubblicazione s’intreccia la biografia dell’autore, la comunicazione e la storia dell’Unicoop Firenze.

Nel 2018 Comerci va in pensione e pubblica un’edizione aggiornata de “All’origine dell’oggi”. È incaricato dalla cooperativa della responsabilità dell’Archivio storico dell’Unicoop Firenze.

Filo diretto con i soci
Un altro anno sta per finire, il penultimo pezzetto del XX secolo poi saremo nel duemila. Questi ultimi trenta anni ci hanno ampiamente abituato a grossi cambiamenti, per cui una data, una scadenza non fa più effetto. E poi il ritmo, l'enfasi, le anticipazioni continue che vengono dal mondo della comunicazione fanno vivere in anticipo sui fatti i cambiamenti che avverranno, per cui quando ci si arriva davvero sembrano pratiche già archiviate.
E così, in campo commerciale, sono già arrivati gli ipermercati, e sui giornali si parla ancora dei rischi, delle rotture che creeranno e non ci si accorge, quasi, di come sono cambiate le abitudini e le esigenze dei consumatori. Quando avvengono questi cambiamenti nelle Coop di consumatori ci si domanda qual è il ruolo dei soci e delle cooperative nel nuovo scenario, così come si è dovuto fare tante volte in 150 anni di storia. Il prossimo anno sarà, crediamo, largamente dedicato nella nostra base sociale a rispondere a queste domande. E, in questi mesi, si vota per il rinnovo dei consigli delle sezioni soci, cioè si sceglieranno i rappresentanti dei consumatori che daranno identità alle Coop di consumatori per l'inizio del prossimo millennio.