Studenti in visita al laboratorio Coop di Bologna

Laboratorio con assaggio
Sono andati in gita a Casalecchio sul Reno, in provincia di Bologna, accompagnati dai loro insegnanti di chimica e microbiologia. In tutto una ventina di ragazzi, studenti dell'Ipia di Firenze, l'istituto professionale per l'industria e l'artigianato 'Leonardo da Vinci', di due classi a indirizzo chimico-biologico. Destinazione il laboratorio microbiologico di Coop Italia, che i ragazzi, futuri tecnici chimico-biologici, hanno visitato con interesse e curiosità. La visita è durata tutta la mattinata, sotto la guida del responsabile del laboratorio, Martino Barbanera, e dei suoi collaboratori.
Analisi e prove microbiologiche sugli alimenti sono state dettagliatamente illustrate in tutte le varie fasi. Così i ragazzi si sono molto divertiti nel constatare che, tra i vari test sugli alimenti, c'è anche l'assaggio vero e proprio, con tanto di coltello, forchetta e tovagliolo. Una volta tornati a casa ai ragazzi è stato chiesto di fare un resoconto dettagliato sulla visita. Toccherà anche a loro, in un prossimo futuro, vigilare sulla qualità dell'aria, dell'acqua, del suolo e di ciò che mangiamo.

Analisi ok
´Abbiamo cominciato a lavorarci tre anni fa, mettendo in piedi quel sistema di qualità richiesto dalle norme europee Iso 9000. Poi, a metà dello scorso anno, è arrivato il riconoscimento del Sinal, il sistema nazionale per l'accreditamento dei laboratori, l'unico organismo del settore in Italia riconosciuto anche all'estero'. E' soddisfatto Martino Barbanera, responsabile del laboratorio microbiologico di Coop Italia: l'accreditamento è una garanzia che le analisi effettuate nel laboratorio della Coop sono affidabili, perché sono il risultato di una seria organizzazione delle procedure gestionali e operative, e quindi sono riconosciute valide nelle controversie che possono sorgere per i risultati. L'ente di controllo sottopone l'azienda a visite ispettive periodiche, durante le quali le varie fasi della lavorazione vengono controllate attentamente e confrontate con quanto riportato sul manuale del sistema qualità.

Nel laboratorio Coop si fanno analisi e prove microbiologiche su gelati, alimenti surgelati, latticini (formaggi freschi), carne e prodotti a base di carne, paste alimentari, cereali e derivati, conserve animali e vegetali. Nel corso del '97 il solo laboratorio microbiologico di Coop Italia ha eseguito una media di 25 mila analisi, tra le quali:
  • 600 sulle crescenze
  • 300 sulle mozzarelle
  • 500 sulle carni Prodotti con amore
  • 6 mila su verdure e pizze surgelate