Per i soci Coop visite guidate alle opere più belle di Piero della Francesca

La leggenda del Piero
E' un itinerario studiato per conoscere da vicino Piero della Francesca e alcune delle sue opere più belle. La Coop lo propone in esclusiva ai propri soci, con un percorso a tappe nei luoghi dove il grande artista studiò e creò i suoi capolavori. Il programma prevede orari di partenza diversificati, con ritrovo ai caselli autostradali. Quindi partenza in pullman e prima sosta in piazza San Francesco, ad Arezzo. Qui saranno formati due gruppi, entrambi accompagnati da una guida qualificata: il primo visiterà la Basilica di San Francesco dove, da aprile scorso, dopo 15 anni di restauro, il ciclo di affreschi della "Leggenda della vera Croce" è tornato ad essere visibile al pubblico. Il secondo gruppo si dirigerà invece verso il Duomo, per ammirare un'altra opera di Piero della Francesca, "La Maddalena". Il piccolo affresco, anche questo recentemente restaurato, raffigura la Maria Maddalena contro il cielo azzurro, incorniciata da un bell'arco decorato con le palmette della Grecia classica. Dopodiché i due gruppi si scambieranno, per poi partire alla volta di Sansepolcro, terza tappa di questo itinerario. Lungo il tragitto è prevista una sosta a Monterchi per ammirare "La Madonna del parto", una delle più belle opere di tutti i tempi. Inizialmente dipinta sulla parete di fondo di una piccola chiesa del XIII secolo, Santa Maria a Momentana, oggi l'opera è custodita in una teca protettiva allestita all'interno di un piccolo edificio del paese. Non ci sono notizie certe né sulla committenza, né sulla data, né sulle motivazioni che spinsero Piero della Francesca a dipingere questo affresco. L'unico legame conosciuto di Piero con Monterchi è che era il paese natale della madre, Monna Romana, morta nel periodo in cui l'artista si trovava a Roma.
Affascina il volto della Madonna, nel quale Piero ha saputo unire la naturalezza di una fanciulla di paese a qualcosa di regale e soprannaturale, nobile e contadina allo stesso tempo.
L'ultima tappa, dopo una meritata sosta per il pranzo al convento dei frati francescani di Sansepolcro, è al Museo civico, in via Giunti 65 a Sansepolcro, a pochi passi dalla casa natale di Piero della Francesca dove oggi ha sede la Fondazione dedicata al pittore. Il museo accoglie quattro sue opere: La Resurrezione, Il Polittico della Madonna della Misericordia, il San Giuliano e il San Ludovico, oltre ad opere di altri grandi artisti come i Della Robbia, Perugino, Pontormo, Santi di Tito e Signorelli.

Le date
L'itinerario, così come descritto, sarà proposto ai partecipanti (minimo 50) in tre date: 18 novembre, 25 novembre e 2 dicembre. Quota individuale di partecipazione lire 59 mila, tariffe ridotte (da 57 a 39 mila lire) a seconda delle fasce di età. Per informazioni rivolgersi alle sezioni soci; prenotazioni presso le agenzie di Toscana Turismo. La quota comprende: viaggio andata e ritorno, ingressi e visite guidate ai musei, pranzo.