Un libro e un programma: Un'altra vita è possibile di Turiddo Campaini

Scritto da Antonio Comerci |    Dicembre 2010    |    Pag.

Da molti anni nell'Unicoop Firenze, si è occupato di varie tematiche, soprattutto dal punto di vista consumerista e storico.

Autore alla fine degli anni ’80 di alcune pubblicazioni: Guida alla spesa - per spendere meglio e sapere cosa si compra (1989); Ecologia domestica - suggerimenti per rispettare l'ambiente (1989); Vivere la sicurezza - i pericoli dell'ambiente domestico; Frutti esotici – Piccola guida per conoscerli, riconoscerli e apprezzarli (1987); A come agrumi (1987).

Nel 1982 ha organizzato le Giornate dei giovani consumatori, a Firenze, che hanno visto la partecipazione di oltre 12 mila studenti e sono state la prima esperienza in grande stile della Coop nel mondo della scuola e dell'educazione ai consumi.

Dirige dal 1981 l'Informatore, mensile inviato ai soci dell'Unicoop Firenze, con una tiratura di oltre 600 mila copie. Dal '92 è responsabile della comunicazione istituzionale dell'Unicoop Firenze.

Nel 2004 esce “All’origine dell’oggi – Cronaca degli ultimi 40 anni della cooperativa”, una cronologia dei più significativi eventi che hanno caratterizzato l’Unicoop Firenze e la cooperazione di consumo dal 1960 in poi. Stampato in proprio dall’Unicoop Firenze, la ricerca, le immagini e i testi della pubblicazione sono di Comerci.

Nel 2007 ha pubblicato per "I tipi" della Mauro Pagliai Editore, il libro "sComunicati - Viaggio fra i mezzi e i messaggi della società che comunica", con la prefazione del prof. Carlo Sorrentino, docente dell'Università di Firenze.

Per i cinquanta anni dalla registrazione della testata, nel 2013 esce “Quelli che... informano – Storia e considerazioni sul giornale dell’Unicoop Firenze” pubblicato dall’Unicoop Firenze e diffuso in migliaia di copie. Nella pubblicazione s’intreccia la biografia dell’autore, la comunicazione e la storia dell’Unicoop Firenze.

Nel 2018 Comerci va in pensione e pubblica un’edizione aggiornata de “All’origine dell’oggi”. È incaricato dalla cooperativa della responsabilità dell’Archivio storico dell’Unicoop Firenze.

I miei primi settanta anni così poteva essere titolato il libro di Pietro Iozzelli - ex, da pochi mesi, capo della redazione fiorentina de La Repubblica - nel quale ha raccolto una lunga intervista a Turiddo Campaini, presidente del Consiglio di sorveglianza dell'Unicoop Firenze.

Il paradosso è solo apparente. Nel libro c'è la storia personale di Campaini e la storia e la cronaca recente della cooperazione di consumo, ripercorsa nei momenti principali e più difficili. Ma soprattutto si parla di etica, di valori, di futuro e di prospettive. Infatti, nell'ultima pagina Campaini dice: "la mia più grande aspirazione è di trasmettere esperienze professionali e di vita, vorrei far vivere idee e progetti proiettandoli nel futuro, indipendentemente da chi le porterà avanti".

Quindi una riflessione di quanto fatto, ma soprattutto quel che c'è da fare per mantenere quella leadership che la cooperativa guidata da Campaini ha conquistato sia nella distribuzione che come cooperativa di cittadini.

Pietro Iozzelli in questo libro si dimostra un giornalista vero: quasi non si nota la sua presenza. Eppure il ritmo, le domande, lo scorrere dei capitoli sono suoi. Domande che partono dall'infanzia, dai primi passi di una cooperazione conosciuta solo dai protagonisti, alle polemiche degli ultimi anni: il libro Falce e carrello del patron di Esselunga Caprotti contro le cooperative, l'entrata nel Monte dei Paschi, la vicenda Consorte-Unipol, le aperture domenicali della grande distribuzione.

E poi nel libro ci sono tutti quegli elementi che porranno Un'altra vita è possibile - Quando i valori dell'uomo condizionano le leggi del profitto (B.C.Dalai editore, pagg. 160, 20 euro) al centro del dibattito politico e sulle strade da percorrere per uscire dalla crisi economica e morale che ci attanaglia, nonostante l'ottimismo di facciata che si cerca d'imporre.

E non solo. Nelle riflessioni di Campaini ci sono i colleghi, dagli addetti alle vendite ai gruppi dirigenti, ci sono i soci della cooperativa, ci sono i cittadini toscani.

A chi è rivolto questo libro? Si possono dare varie risposte e tutte giuste, vista la varietà di spunti e riflessioni su varie tematiche che contiene. Però c'è, a ben guardare, un "convitato di pietra" sempre presente in ogni pagina del libro: il socio della cooperativa. A lui, come entità collettiva, è rimandato ogni giudizio ed è rivolto ogni sforzo per lo sviluppo e il miglioramento dell'impresa. Un socio mai considerato solo consumatore, ma cittadino responsabile e partecipe al quale è rivolta la speranza che fa da titolo al libro: Un'altra vita è possibile"!

 

Il libro
Due euro per Il Cuore

C'è un legame concreto fra Il cuore si scioglie e il libro di Turiddo Campaini Un'altra vita è possibile, di cui parliamo nell'editoriale. Per ogni copia venduta, due euro, in pratica i diritti d'autore, andranno alla Fondazione Il Cuore si scioglie onlus e serviranno a finanziare progetti di solidarietà. Ecco quindi che il successo che avrà il libro contribuirà a quello della Fondazione.

Numerose saranno le occasioni di presentazione del libro sia a dicembre che nei primi mesi del prossimo anno. Con tre obiettivi: discutere sui temi della cooperazione e le prospettive della società, diffondere il libro, contribuire ai progetti di solidarietà.

La prima presentazione di dicembre si terrà a Cascina giovedì 2, alle ore 18, presso il centro commerciale "I Borghi", e poi sarà la volta di San Giovanni Valdarno venerdì 10, sempre alla 18 presso il Palazzo d'Arnolfo.

Tutte le date delle presentazioni su questo sito.


Notizie correlate

Chi paga il debito?

Si esce dalla crisi solo con la consapevolezza della sua gravità. Nuove regole per il mercato



I più bassi sono qui

Non esiste l'"azienda Coop", ma 135 cooperative di consumatori


La festa è finita

Le aperture festive degli esercizi commerciali