Intestino: flora batterica, fermenti lattici e fibra

Scritto da Elena Mugnaini |    Aprile 2011    |    Pag.

"Fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo", diceva il fondatore dell'arte medica Ippocrate. E oggi potremmo aggiungere "fa che cibo e stile di vita siano la tua medicina...."
Le abitudini alimentari, l'attività fisica e l'attenzione a piccoli, ma fondamentali, dettagli del vivere quotidiano, sono alla base del benessere psichico e fisico. E al centro del benessere c'è, in molti casi, lui: l'intestino. Se non funziona bene ne risente tutto l'organismo, per questo è opportuno prendersene cura ogni giorno, con la dieta e non solo.
Potremmo paragonare l'intestino ad un grande condominio abitato da una popolazione, la "flora intestinale", che si sviluppa prevalentemente nell'intestino crasso (colon ascendente, traverso e discendente). L'intestino alla nascita è sterile, ma poi si popola di più di 500 specie di batteri: circa l'80% sono "buoni", i lattobacilli e i bifido batteri, il restante 20% sono quelli che provocano la putrefazione. Una dieta ricca in grassi e proteine, può determinare uno squilibrio a favore di specie batteriche che promuovono la putrefazione con aumento di gas intestinali. Ulteriori problemi possono insorgere se, per assunzione di antibiotici e/o eccessivo consumo di zuccheri, si ha un aumento dei lieviti come la Candida, comunemente presente (come saprofita) nel tratto digerente e sulle mucose.
Per raggiungere una buona salute intestinale bisogna quindi nutrire correttamente l'intestino, inserendo nell'alimentazione probiotici e alimenti prebiotici che danno la possibilità ai batteri benefici della flora intestinale di nutrirsi e svilupparsi.

Pro e pre
Probiotici (pro bios, che significa "in favore della vita"), sono definiti dal Ministero della Salute: "microrganismi vivi e vitali che, quando assunti in quantità adeguata, conferiscono un effetto benefico all'organismo ospite". I probiotici sono contenuti, in dosi differenti, sia in alcuni alimenti (latte fermentato, yogurt arricchiti) sia in prodotti farmaceutici. Mentre i prebiotici sono sostanze che promuovono la crescita e/o l'attività metabolica di alcune delle specie batteriche che fisiologicamente compongono la microflora intestinale. Sono sostanze non digeribili d'origine alimentare che, quando assunte in quantità adeguata, favoriscono selettivamente la crescita e l'attività di uno o più batteri già presenti nel tratto intestinale o che vengono assunti insieme al prebiotico (Ministero della Salute). I prebiotici sono in gran parte fibre alimentari solubili che si trovano nella frutta e nella verdura. Le più importanti sono i cosiddetti fructani o frutto-oligo-saccaridi (FOS) e il guar idrolizzato, fibra ottenuta dall'idrolisi dei semi di guar, una pianta della famiglia delle Leguminose. Altri prebiotici sono i GOS (galatto-oligosaccaridi come lattulosio e lattitolo), il sorbitolo, lo xilitolo, le pectine.

Sugli scaffali
I probiotici si trovano anche nei banchi refrigerati, insieme agli yogurt e ad altri latticini, mentre un buon assortimento di prebiotici e probiotici sono nel reparto parafarmacia. Vediamo le caratteristiche di alcuni in assortimento:

Enterolactis Plus. È un integratore stabile sia all'acidità gastrica che ai sali biliari. La principale fibra alimentare presente in questo prodotto è l'inulina: attraversa senza modificarsi lo stomaco e l'intestino tenue per raggiungere il colon, dove diventa nutrimento specifico per lo sviluppo selettivo dei bifidobatteri.

Psyllogel Megafermenti. Integratore alimentare di fibra psyllium pura al 99% con cinque ceppi di fermenti lattici vivi; 24 miliardi di fermenti per dose. La fibra di psyllium (Plantago ovata) è utile nella sindrome del colon irritabile (diarrea o stitichezza), senso di incompleto svuotamento, gonfiore, tensione addominale. In particolare dopo trattamento con antibiotici, chemioterapici, abuso di lassativi, antinfiammatori e altri farmaci in genere.
Lactoflorene. Le innovative capsule gastroresistenti garantiscono che il 100% dei fermenti lattici contenuti raggiunga vivo l'intestino, dove è necessaria la colonizzazione dei ceppi batterici e dove avviene l'assorbimento delle vitamine.
Prolife Enzimi. Fermenti Lattici vivi e Vitamine del gruppo B. Preso dopo i pasti elimina la fastidiosa sensazione di gonfiore addominale e dona equilibrio al tuo intestino
Lactò Più. I Fermenti contenuti in Lactò (Sporolactobacillus), grazie alla loro microincapsulazione naturale, giungono vivi e vitali nell'intestino là dove servono. Integrato con vitamine del gruppo B.
Enteroflora 40 Celsius. Fermenti lattici probiotici vivi (Bacillus coagulans e Streptococcus termophilus), vitamine e Saccaromyces cerevisiae (lievito di birra). Molto pratico per i viaggi in Paesi caldi perchè possiede una formula stabile alle temperature ambientali fino a 40°C.