Lo scenografico giardino di Villa Garzoni

Scritto da Càrola Ciotti |    Luglio 2012    |    Pag.

Fotografa. Collabora dal 1994 con l'Informatore, soprattutto realizzando immagini, ma ultimamente anche scrivendo testi. Ha iniziato a fotografare nel 1979 dedicandosi da subito allo sviluppo e alla stampa delle proprie immagini in bianco e nero. Nel 1987, dopo alcuni anni di collaborazione con professionisti, apre un proprio studio. Portata alla ritrattistica e alla moda, non trascura il reportage e la fotografia naturalistica. In varie esposizioni ha presentato il frutto di una ricerca sul corpo e sul volto femminile.
Ha partecipato come fotografa ufficiale al festival "France Cinéma". Sue fotografie sono apparse su libri, cataloghi e riviste.

L'antico borgo di Collodi, nei pressi di Pescia, in provincia di Pistoia, è noto per aver dato i natali alla madre dello scrittore Carlo Lorenzini, autore di Pinocchio, e per ospitare il parco intitolato al famoso burattino. Collodi riserva anche altre meraviglie per cui merita di essere visitato. Qui esiste uno dei giardini barocchi meglio conservati di tutta Europa, che per le sue sorprendenti scenografie ricorda i fasti di dimore ben più famose: è lo storico giardino di Villa Garzoni, che stupisce il visitatore per le sue atmosfere, la bellezza della sua posizione e la manutenzione eccelsa degli spazi e dei percorsi che si scoprono passeggiandovi. Il giardino è stato restaurato nel corso dei primi anni 2000 e si è inaugurato, nella nuova veste, il 31 marzo 2007.

Spettacolare barocco
L'intero complesso di Villa Garzoni, che gode dello status di Monumento Nazionale, è di proprietà privata, ma è possibile visitare il giardino grazie alla convenzione stipulata fra i proprietari e la Fondazione Collodi che gestisce le diverse attività presenti in loco. Ideato nel suo aspetto attuale, alla fine del ‘700, dall'architetto Ottaviano Diodati, il giardino rappresenta una sintesi efficace tra le geometricità rinascimentali, tipiche del giardino formale, e la spettacolarità del barocco, che progettava e realizzava con lo scopo di meravigliare e stupire i visitatori, attraverso lo stile imponente ed elegante. Il giardino si estende su una superficie di circa tre ettari e si apre con una zona pianeggiante, il cosiddetto parterre, dove trionfano aiuole che disegnano arabeschi in forme bellissime con le piantine fiorite che i giardinieri responsabili della manutenzione, ogni anno piantano con estrema cura. Qui, troviamo anche grandi fontane e molte statue raffiguranti le divinità Diana e Flora e figure maschili, sempre legate ai miti antichi, come Bacco e Apollo. Oltrepassato il parterre, si giunge a una maestosa scalinata a doppia rampa che introduce alle terrazze superiori. La pendenza qui diviene ripida, poiché questa parte del giardino s'inerpica lungo il fianco della collina: il percorso che sale verso l'alto è costellato di vasche e statue. Giunti in cima, si ammira un'imponente scala d'acqua e due statue femminili: rappresentano i due fiumi Pescia che simboleggiano Lucca e Firenze e la loro eterna, storica rivalità.

Subito dietro, al vertice del giardino, si staglia la statua della Fama, rappresentata mentre soffia in una conchiglia da cui scaturisce un getto d'acqua. Lasciando il percorso principale, si può scegliere di passeggiare lungo uno dei numerosi sentieri laterali, per scoprire altri angoli affascinanti: il labirinto vegetale, il Teatrino di Verzura, il fitto bosco di bambù, dove tra panchine e passaggi ombrosi, si gode un'atmosfera insolita e piacevole. Molto interessante (e fresca!) è la Grotta di Nettuno che ricorda, in qualche modo, la sontuosa Grotta degli Animali della Villa Medicea di Castello; qui, oltre alla presenza delle statue, si trovano anche i locali dove un tempo si conservavano in fresco gli alimenti. Tra le piante presenti nel giardino di Villa Garzoni, segnaliamo alcune specie all'epoca considerate rare, come le camelie e alcune specie di palme, tra cui si notano due esemplari di Palma Washington alti 24 metri; vi sono anche cipressi, ormai secolari, poiché originari dell'impianto settecentesco, e grandi lecci.

Butterfly house

Assolutamente consigliata, la visita alla Casa delle Farfalle ospitata all'interno del giardino di Villa Garzoni. L'idea di costruirla qui, è nata dalla considerazione che il giardino fiorito settecentesco è stato sempre l'habitat ideale per le farfalle; tuttavia, questi insetti sono sempre più rari a causa della forte antropizzazione dell'ambiente e degli agenti inquinanti. Si è voluto creare, allora, un luogo protetto per far sì che le farfalle potessero nuovamente ripopolarlo, anche se in modo diverso. La Collodi Butterfly House si è avvalsa per la sua realizzazione della consulenza di Enzo Moretto, entomologo membro della Butterfly Arc, società che gestisce una consorella nei pressi di Padova. La struttura di Collodi è un edificio-serra, costruito in pietra e cristallo, che ospita un lussureggiante giardino tropicale ricco di essenze rare, dove gli splendidi insetti vivono liberi. Queste farfalle, per la maggior parte originarie delle zone tropicali ed equatoriali, sono tra le specie esistenti più grandi e colorate: per noi è insolito ed emozionante vederle così, dal vero, volare libere, posarsi sui fiori, cibarsi e corteggiarsi tra loro. Gli esemplari qui ospitati provengono, in forma di crisalidi, dalle Butterfly Farm del Sud America, dell'Indonesia, della Cina, degli Urali e da quelle africane. In queste speciali "fattorie" le crisalidi sono allevate nel rispetto dei delicati equilibri naturali. Visitando la Casa delle Farfalle, è possibile osservare tutti gli stadi del loro sviluppo, imparare le differenze tra farfalle diurne e notturne, comprendere i significati dei diversi colori di questi leggiadri insetti. La presenza di guide qualificate all'interno della Butterfly House, aiuta i visitatori alla comprensione del percorso didattico, che si avvale anche di una presentazione audiovisiva, e a muoversi con il dovuto rispetto. Le guide mostrano anche come farsi avvicinare dalle farfalle e stabilirvi un contatto, senza danneggiarle: questa esperienza è molto emozionante, in special modo per i piccoli visitatori.

Storico Giardino di Villa Garzoni e Butterfly House
Piazza della Vittoria, 3 - Collodi (PT)
Orario: tutti i giorni dalle 8.30 al tramonto
Biglietto: intero 13 euro, ridotto 10 euro.
Info: 0572427314; www.pinocchio.it

(Le foto dell'articolo sono di F. Magonio)