Un bilancio sul 2009 della Regione, i progetti per l'anno nuovo

Dopo un anno trascorso a lottare fra tagli ed emergenze come l'influenza suina, cosa si profila adesso,nel il 2010, per la sanità della nostra Regione? Ne parliamo con l'Assessore alla salute della Regione Toscana Enrico Rossi

Il 2009 è stato un anno positivo o difficile per la sanità nella nostra Regione. Si può fare un bilancio?
Il bilancio deve tenere conto di entrambi gli aspetti: i risultati raggiunti e le difficoltà che abbiamo dovuto superare per centrare gli obiettivi. Anche nel 2009 (e lo riconosce perfino il governo) il sistema sanitario pubblico della nostra regione ha riconfermato un grado di assoluta eccellenza dei servizi, verificato attraverso indicatori rigorosi, e lo ha fatto mantenendo il pareggio di bilancio senza imporre tasse aggiuntive o ticket. Ma abbiamo dovuto combattere a livello  nazionale per vedere riconosciute alla sanità pubblica le risorse  indispensabili. Il finanziamento del fondo e il rinnovo del Patto per la  salute sono costati una enorme fatica. Tuttavia abbiamo messo in piedi  un grande piano di investimenti, per ammodernare le strutture sanitarie  e rinnovare le tecnologie. Solo nel 2008 abbiamo approvato investimenti  per 1617 milioni di euro a cui vanno aggiunti 1100 milioni già destinati  al completamento di opere in corso. In questi tempi di crisi la sanità è una vera occasione di sviluppo.

Come la regione ha affrontato l'emergenza influenza?
Abbiamo pensato di cogliere l'occasione della tanto temuta pandemia per una grande esercitazione del servizio sanitario regionale. La tenuta della "prima linea" è stata affidata al territorio. Abbiamo incaricato della campagna di vaccinazione i medici di medicina generale e i pediatri che, se la situazione dovesse preoccupare, potrebbero montare in servizio anche il sabato e la domenica. Gli ospedali hanno mantenuto
inalterata l'attività programmata, quella chirurgica in particolar modo, e si sono organizzati in modo flessibile. In caso di forte pressione sulle strutture ospedaliere è previsto un aumento temporaneo dei posti letto a bassa intensità di cura, la cui gestione potrà essere affidata a personale medico e infermieristico richiamato dalla pensione. Sono state acquistate apparecchiature per la ventilazione in modo da poter
assistere in maniera appropriata le persone ricoverate senza ingolfare le terapie intensive. Complessivamente il servizio sanitario pubblico toscano sta dando una prova di efficienza e lo fa garantendo un trattamento uguale a tutti i cittadini.

Cosa bolle in pentola per il nuovo anno? Ci saranno nuove strutture o servizi per i cittadini?
Abbiamo progetti di miglioramento in ogni settore. Ma tra le ultime decisioni prese, che svilupperemo nei prossimi mesi, tengo soprattutto a due interventi. Il primo riguarda la lista unica delle attività chirurgiche. Non ho mai letto da nessuna parte che chi paga ha diritto a passare prima. Quindi stiamo inserendo tutte le prestazioni chirurgiche, sia quelle in regime normale sia quelle da svolgere in intramoenia, cioè a pagamento, in liste uniche aziendali. Passano prima i casi più urgenti, mentre al cittadino resta la libertà di scelta su chi lo opererà. Un altro bellissimo servizio appena partito è il call center oncologico, che aiuta i malati a costruire un percorso di cura certo e personalizzato e li sostiene psicologicamente. Penso anche che continueremo la collaborazione che abbiamo intrapreso con voi di Unicoop Firenze per le attività di educazione e prevenzione attraverso una corretta alimentazione e per la diffusione della Piramide alimentare toscana.

 

 

Informazione Coop

Sono stati inseriti nuovi prodotti nell'assortimento Coop per aumentare l'offerta di gel e prodotti disinfettanti nei vari formati.

Per quanto concerne gli aspetti sanitari è attivo il numero verde 1500, gestito dal Ministero della salute.


Notizie correlate

Diario del mal di testa

Un ambulatorio per individuare le cause delle cefalee e scegliere la giusta terapia


Fans per la salute

Gli effetti collaterali degli antinfiammatori non vanno sottovalutati. Il parere dell'esperto per un uso corretto



In-Forma

Informarsi per stare informa - La manifestazione di Empoli a Sesto e Navacchio


Notti bianche

La difficoltà a dormire è un disturbo diffuso e può avere riflessi negativi nella vita quotidiana. Le norme da seguire


Un dono per la vita

Donazione di organi: dal 4 all'11 maggio una settimana di appuntamenti per saperne di più