Rosso o bianco, moderatamente alcolico, da uve di origine italiana, ha un costo contenuto

Scritto da Anna Somenzi |    Luglio 2009    |    Pag.

Giornalista. Nata a Cremona, cresciuta a Bologna della quale ha assorbito, e goduto, l'emilianità. E' diventata giornalista professionista "da grande", ma lavora nell'editoria da molto tempo in giornali aziendali del movimento cooperativo, prima Comma di Conad e poi Consumatori di Coop. Si occupa soprattutto di prodotti e produzioni, consumi e consumatori. Da qualche anno, sempre per Coop, lavora anche come coordinatrice editoriale per la collana dei Quaderni dei consumatori dell'Editrice Consumatori.

Sono già sugli scaffali di super e ipercoop i due vini in brik a marchio Coop, che offrono ai consumatori garanzie di genuinità e sicurezza. Sono passati ormai venti anni dallo scandalo del metanolo, ma è solo dello scorso anno il caso del vino agli acidi con "anche" un po' di uva. La proposta Coop si fonda proprio su qualità e sicurezza, costruita assieme a due importanti cooperative di agricoltori che garantiscono la selezione delle materie prime e una lavorazione curata all'interno delle migliori cantine. Il prodotto Coop utilizza solo uve italiane provenienti da una agricoltura nazionale attenta, e accetta il 70% in meno di residui chimici rispetto ai limiti di legge.

La sua produzione è controllata per offrire le migliori caratteristiche igieniche e organolettiche, attraverso controlli tecnologici molto avanzati come ad esempio la risonanza magnetica nucleare. I vini che ne nascono sono buoni, oltre che sicuri, e per arrivare a questa certezza sono stati sottoposti al test "Approvato dai soci". Sono vini da tavola, il rosso dal gusto pieno e deciso, il bianco fresco ed equilibrato, a gradazione alcolica moderata, adatti al consumo casalingo di tutti i giorni e hanno un costo contenuto.

Un uso quotidiano che deve tuttavia essere misurato, da associare ai pasti; ricordate che non è sicuro bere alcol prima di guidare o di utilizzare macchinari delicati o pericolosi. La confezione del vino da tavola Coop è in brik: sicura, facilmente trasportabile, leggera e, ormai in gran parte del territorio nazionale, anche riciclabile. Sono infatti oltre 2.500 i comuni, con più di 24 milioni di abitanti, nei quali anche questo tipo di raccolta differenziata funziona con buoni risultati.


Notizie correlate

Anteprima Vini 2009

Degustazioni, incontri, tavole rotonde con esperti e consumatori