Scritto da Rossana De Caro |    Settembre 2008    |    Pag.

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

È la tipica pianta da appartamento. Originario dell’Asia, comprende più di ottocento specie. Ha rami sottili e un ricco fogliame lucidissimo, verde o striato, estremamente ornamentale. Di origine tropicale o subtropicale, ama il caldo: tollera bene le alte temperature, mentre difficilmente sopravvive sotto i 10 gradi.
In casa il ficus va collocato in un ambiente luminoso, protetto da correnti d’aria. Una scarsa luminosità, spifferi o un ambiente troppo asciutto provocano la caduta delle foglie.
Quando il clima si fa mite, da maggio-giugno in poi, è possibile metterlo sul balcone o in terrazza, in una posizione ombreggiata: l’aria fresca, dopo il lungo inverno trascorso in casa, gli gioverà. Assolutamente da evitare il sole diretto, che potrebbe bruciare le foglie.
Nel periodo estivo le annaffiature devono essere abbondanti e frequenti, almeno due alla settimana, mentre in quello invernale è sufficiente bagnare la pianta ogni 10 giorni circa.

Anche la nebulizzazione delle foglie è un’operazione molto gradita da questo tipo di pianta, che ama l’umidità e teme il secco.
Spruzzatela dunque almeno una volta alla settimana, o lavate le foglie con un batuffolo di cotone bagnato, utilizzando in entrambi i casi acqua tiepida o a temperatura ambiente (mai fredda). Aiuterete così la pianta a liberarsi dalla polvere e a “respirare” meglio.
Fate attenzione anche ai ristagni di acqua nel sottovaso, che potrebbero far marcire le radici. Un consiglio: riempite il sottovaso del vostro ficus con argilla espansa; in questo modo il vapore acqueo sprigionato dall’argilla manterrà il giusto grado di umidità per la pianta.

Ficus in promozione per i soci negli iper, super e Incoop, dal 16 al 30 settembre.


Foto di Federcio Magonio