Libri per bambini sotto l’albero di Natale

Scritto da Bruno Santini |    Dicembre 2016    |    Pag. 8

Attore e giornalista. Attore teatrale (con esperienze al fianco di S. Randone, E. M. Salerno, A. Asti...), cinematografico (in film di Pieraccioni, Monicelli, Panariello, Vanzina...) e televisivo (in fiction come 'La squadra', 'Carabinieri 2", "Vivere", "Questa casa non è un albergo"...). Giornalista dal 1990, è anche speaker ed autore radiofonico. E' il conduttore del programma televisivo "InformaCoop".

Libri infanzia Libri

In una bancarella del centro di Firenze, fino a poco tempo fa, era esposto un cartello scritto a penna che, nella sua disarmante logica, faceva riflettere il passante: “Avvicinatevi, i libri non mordono!”.

C’è sempre un senso di pudore, di rispetto, quasi di inadeguatezza nell’approcciarsi ad un libro; per questo, forse, imbattersi nello scaffale dei volumi all’interno dell’abituale punto vendita ce lo può rendere un atto quotidiano, come salutare il vicino sulla soglia di casa, togliendo quel timore che abbiamo verso i libri.

«Cerchiamo sempre di invogliare all’acquisto di un libro – dichiara Stefania Masini, del settore acquisti Educazione e intrattenimento nell’Unicoop Firenze –. Non a caso, oltre allo sconto del 15 per cento sul prezzo di copertina, premiamo la scelta dei volumi in promozione con 150-300 punti sulla carta socio».

Unicoop Firenze propone un ricco ventaglio di titoli, circa 1200 sugli scaffali e un milione on-line. E in questo catalogo, molto spazio è dedicato alle letture per i piccoli.

«Il settore bambini – precisa Masini – è presente in maniera notevole nel reparto libri. Con buoni riscontri anche per quanto riguarda la vendita: nel 2016 (fino a novembre) ha un’incidenza sul totale del 14,5%».

Novelle e grandi classici, riccamente illustrati... l’editoria per i piccoli, all’interno del punto vendita, è ottimamente rappresentata, con proposte che partono da 3,90 euro.

Domandiamo quali sono i titoli più gettonati: «sicuramente quelli che la televisione o il grande schermo hanno in qualche modo imposto. Il fenomeno “Peppa Pig”, per esempio, in passato ha avuto riscontri più che positivi anche all’interno del nostro scaffale, così come non sta lasciando indifferenti, oggi, l’ultimo capitolo della saga creata dalla Rowling, Harry Potter e la maledizione dell’erede (Salani): all’interno dei supermercati Unicoop Firenze ha già venduto oltre 2400 copie».


Libri nostrani

Contributo importante all’editoria locale è rappresentato dallo scaffale Toscana da leggere , con volumi che spaziano dalla cucina alla narrativa non ignorando, anche in questo caso, i piccoli e piccolissimi lettori. Coinvolge una trentina di editori della regione come, per esempio, la Federighi Edizioni con sede a Certaldo.

A Gloria Pampaloni, responsabile della casa editrice, chiediamo d’illustrarci la filosofia che sta alla base delle tante proposte del catalogo rivolte ai bambini: «il nostro slogan è “imparare giocando”; abbiamo l’obiettivo di avvicinare i bambini, e spesso anche gli adulti, alle opere classiche, alla storia e alla vita dei grandi personaggi. Descrivere questi temi con le illustrazioni, oltre che con i testi, rende più facile l’apprendimento e permette ai ragazzi di ritrovarli durante il percorso scolastico, avendo già una base di conoscenza. Con i nostri laboratori entriamo nelle scuole ed è una grande soddisfazione vedere quanto i bambini si appassionino a scoprire usi e costumi del periodo che raccontiamo e come siano attenti ai piccoli particolari (pettinature, arredamento, abbigliamento, tutti rigorosamente attinenti al periodo) che l’illustratrice mette in evidenza».


Quali sono le caratteristiche indispensabili in un libro per bambini?

«Penso che non dovrebbe mai mancare l’illustrazione, che riesce a catturare l’attenzione e a raccontare più delle parole».


Cosa rappresenta lo scaffale Toscana da leggere per una piccola casa editrice?

«È un veicolo importante per noi, editori del territorio, che abbiamo così la possibilità di farci conoscere dal grande pubblico; nelle librerie, dove siamo quasi invisibili, questa opportunità spesso ci è negata a favore di editori con nomi più famosi».


Dove, oltre alla Coop e in libreria, trovano posto i libri Federighi?

«Siamo in molti musei italiani, dove siamo presenti perché i nostri titoli sono anche in lingua inglese e stanno riscontrando un notevole successo».


Per finire, perché regalare un libro ai propri figli o nipoti?

«Perché un libro è tempo di qualità da condividere con i propri cari. Un momento di evasione e anche di apprendimento per la crescita».


E visto che Babbo Natale può essere dispensatore di regali utili come un buon libro, lasciamo che Stefania Masini ci segnali qualche titolo da mettere sotto l’albero. «Abbiamo scelto sei libri in promozione nel mese di dicembre: Oceania - cine magie, Frozen e Star Wars, che sono tre storie da leggere, ascoltare e proiettare, pubblicate dalla Giunti, un grande editore di casa nostra; e Oceani, Safari e Polo, con illustrazioni in photicular dell’editore Rizzoli».


Lettori premiati

Per chi prenota libri on line su piùscelta, dal 19 novembre al 24 dicembre, per ogni libro acquistato, 50 punti premio sulla propria carta socio.


Gli intervistati

Stefania Masini, settore acquisti educazione e intrattenimento Unicoop Firenze

Gloria Pampaloni, responsabile Federighi Edizioni, Certaldo



Notizie correlate

Risparmio sui libri

Modalità, vantaggi e punti vendita. Le novità

Video

Piccoli ma indipendenti

Torna l’appuntamento con il Festival dei libri

Video

L'Isolotto di libri

In via Canova, un luogo di incontri per la gente del quartiere. Tante iniziative