Scritto da Edi Ferrari |    Settembre 2018    |    Pag. 36, 37

Giornalista. Dal 1988 nel magico mondo della comunicazione (uffici stampa, pubbliche relazioni, editoria, eccetera), e con una quasi (senza rimpianti) laurea in Lettere, collabora con Unicoop Firenze anche per l'aggiornamento dei contenuti del sito internet, per le pagine del tempo libero. Ha lavorato anche nella redazione di Aida (attuale Sicrea), dove si è occupata principalmente della realizzazione di trasmissioni televisive, fra le quali anche InformaCoop. Per l'Informatore si occupa delle pagine degli "Eventi".

Foto F. Manzini

Eventi

Da “mi iscrivo in palestra” a “mi metto a dieta”, il mese di settembre è, come tutti sappiamo, lastricato di buone, anzi ottime intenzioni. Perché non utilizzare l’energia positiva che ci viene dalle vacanze per programmare un autunno di buoni appuntamenti culturali?

Le occasioni sono davvero tante, e per i soci, grazie alle convenzioni, di ancor più facile realizzazione. Un primo rapidissimo giro fra le proposte teatrali parte dalla Pergola di Firenze. Ventuno gli spettacoli di questa stagione per la Sala grande, come sempre espressione del meglio del panorama nazionale, dal nuovo spettacolo di e con Filippo Timi (Un cuore di vetro in inverno, ottobre), a Luca Zingaretti che dirige Luisa Ranieri in The deep blue sea, straordinaria storia d’amore e di passione con uno dei più grandi ruoli femminili mai scritti nella drammaturgia contemporanea (novembre), allo shakespeariano Misura per misura, commedia cupa e attuale, immersa nell’attrazione del male e nella fascinazione dell’ambiguo (dicembre). www.teatrodellapergola.com.

Da Firenze a Prato dove in tutte le quattro sale della Fondazione Teatro Metastasio (Metastasio, Fabbricone, Fabbrichino e Magnolfi) il programma mescola, attraverso 31 spettacoli, comprovati artisti di fama e nuovi “maestri”, vecchie e giovani leve italiane, testi classici e riletture, adattamenti di grandi testi letterari e nuove drammaturgie. Fra le tante proposte dei prossimi mesi, Franco Branciaroli protagonista del capolavoro letterario di Victor Hugo I miserabili (novembre), e una tra le più strazianti e tormentate storie d’amore della letteratura, Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov, interpretata da Anna Maria Guarnieri e Michele Riondino (dicembre). www.metastasio.it.

Parte con un po’ di anticipo rispetto alle altre la stagione dell’Associazione teatrale pistoiese, che già a settembre presenta al Bolognini Risveglio di primavera – secondo movimento, seconda tappa del progetto pedagogico, iniziato due anni fa con La tragedia di Riccardo III, di dar vita a una Compagnia dei ragazzi, tutti giovani under 20, pistoiesi. Fino a primavera, Manzoni e Bolognini spaziano dai classici (Molière, Čechov, Pirandello) alla rilettura dell’opera lirica (il Don Giovanni di Mozart, proposto dall’Orchestra di Piazza Vittorio). A ottobre va in scena in prima nazionale la “rilettura” di un mito dei fumetti con Goodbye Diabolik. www.teatridipistoia.it.

Compagnie e artisti fra i più interessanti e rilevanti del panorama nazionale anche nei teatri di Fondazione Toscana Spettacolo onlus dove, fra grandi e piccoli centri, per la stagione 2018-2019 sfileranno su una lunga passerella le eccellenze del teatro italiano. Restando ai capoluoghi, tra le novità, prime nazionali al Verdi di Pisa con il nuovo lavoro di Armando Punzo, Beatitudo, ultima fatica con gli attori carcerati di Volterra; al Giglio di Lucca con Ultimo Chisciotte, il nuovo lavoro del Teatro del Carretto, compagnia in residenza nello storico teatro, conosciuta in tutto il mondo; al Petrarca di Arezzo con Laura Morante in Voci nel buio, scritto e diretto da John Pielmeier.

Per la danza, il palcoscenico pisano dividerà con il Teatro dei Rinnovati di Siena un balletto storico come Paquita, presentato dal Teatro accademico statale dell’opera e del balletto Mikhail Glinka di Chelyabinsk e l’ultimo lavoro di Aterballetto, Tempesta. www.toscanaspettacolo.it. Le convenzioni (costi e modalità) su biglietti e/o abbonamenti variano a seconda dei singoli teatri, ai quali è necessario rivolgersi per avere tutte le informazioni. Mentre nella sezione Cultura del sito coopfirenze.it è disponibile, mese per mese, il cartellone completo di tutte le proposte.