Estremamente sensibile all'inquinamento, vive solo in acque limpide e pulite

Scritto da Rossana De Caro |    Settembre 2007    |    Pag.

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

Il pesce ecologista
Timida, furbetta e sempre molto affamata. La trota (Salmo trutta) è un pesce fondamentalmente d'acqua dolce (molto più raramente può essere di mare, la Salmo trutta trutta) e appartiene ai salmonidi, la stessa famiglia dei salmoni. È molto diffusa in Europa. Ha una carne magra dal sapore delicato, molto versatile in cucina. Estremamente sensibile all'inquinamento, la trota vive solo in acque limpide e pulite, sia nei laghi (Salmo trutta lacustris) che nei torrenti (Salmo trutta fario). Oltre che in natura, la trota viene anche comunemente allevata.

Dal 1999 Coop l'ha inserita tra i pesci a proprio marchio,
allevati secondo il disciplinare ministeriale che prevede norme precise sui mangimi, sulla percentuale di grassi nelle carni e sul benessere animale, limitando la presenza ad un certo numero - a seconda della taglia - di pesci per metro cubo di acqua.
Il mercato della trota in Italia è abbastanza diffuso e stabile ma molto meno di quello del nord Europa, dove questo pesce è molto più apprezzato.
La trota può raggiungere un peso importante tra 1 kg e 15 kg, ma sia in natura che allevati sono molto apprezzati gli esemplari di 300-500 g. La trota di fiume ha un colore molto variabile, dal giallo al bruno con puntini rossi e neri, la trota allevata ha dei colori meno evidenti ma sempre sulle stesse tonalità. Oltre alle specie di trote sopra citate si trova in vendita la trota salmonata, dalle carni rosate per una particolare alimentazione costituita da una miscela a base del carapace (gusci) di gamberi, e una pelle coperta di macchie nere. In commercio, come per il salmone, si trova anche la trota affumicata, che viene venduta confezionata in busta, sia in filetti che a fettine.
Come tutti i pesci anche la trota deperisce in fretta perciò, in attesa di cucinarla, deve essere eviscerata (senza levare le squame), lavata, asciugata, messa in frigo e consumata entro un giorno o due dall'acquisto.
Si può anche congelare (previa pulitura ed evisceratura) in freezer, dove si conserva per circa due mesi. In questo caso meglio non lavarla, perché l'acqua residua, gelando, potrebbe rompere le fibre della carne.

La trota è facilmente digeribile, essendo ricca di proteine e povera di grassi, adatta perciò anche agli stomaci più delicati o a chi ha problemi di colesterolo. Fra gli altri vantaggi uno non trascurabile è che è una tipologia di pesce molto economica e generalmente fresca, visto il poco tempo che trascorre tra la pesca in allevamento e la vendita sui banchi. In cucina la trota si presta a diverse cotture e si possono gustare ottime preparazioni sia al forno che alla griglia o al cartoccio.

Come di consuetudine a settembre nei supermercati e ipermercati Coop potrete trovare la promozione "Speciale pesce", dove avrete la possibilità di scegliere tra le varie tipologie di pesce a prezzi scontati.