Inaugurate tre nuove sale del Museo di Storia Naturale e del Territorio a Calci

Scritto da Edi Ferrari |    Aprile 2006    |    Pag.

Giornalista. Dal 1988 nel magico mondo della comunicazione (uffici stampa, pubbliche relazioni, editoria, eccetera), e con una quasi (senza rimpianti) laurea in Lettere, collabora con Unicoop Firenze anche per l'aggiornamento dei contenuti del sito internet, per le pagine del tempo libero. Ha lavorato anche nella redazione di Aida (attuale Sicrea), dove si è occupata principalmente della realizzazione di trasmissioni televisive, fra le quali anche InformaCoop. Per l'Informatore si occupa delle pagine degli "Eventi".

Il mondo a Calci
Com'era la Toscana
- o meglio l'area nella quale attualmente si trovano i Monti Pisani - 500 milioni di anni fa? Per saperlo basta mettersi in fila e visitare le nuove (inaugurazione il 7 aprile) sale del Museo di Storia Naturale e del Territorio dell'Università di Pisa, ospitato nella suggestiva Certosa di Calci, a un tiro di schioppo dal capoluogo.
Tre sale per un percorso che va sotto il titolo di "Un viaggio di 500 milioni di anni", perché proprio a questa data risalgono i ritrovamenti rocciosi più antichi in quest'area. Attraverso dei diorami gli scenari sono stati ricostruiti fedelmente: un'ambientazione "viva", nella quale il visitatore è immerso all'interno della scena, sfiora e può anche toccare i modelli riprodotti in scala 1:1. Ogni sala sarà poi dotata di postazioni multimediali grazie alle quali ognuno potrà approfondire gli argomenti trattati e soddisfare tutte le curiosità.

Nella prima sala si fa un balzo indietro di 300 milioni di anni, nell'era Paleozoica, quando quest'area era attraversata dall'equatore: ci si ritrova dunque in una foresta umida, si cammina su una passerella e il pavimento è trattato in modo tale da simulare l'effetto acqua. Eccoci poi nel periodo Triassico dell'era Mesozoica, 217 milioni di anni fa, insieme a dinosauri e rettili mammaliani (i progenitori dei mammiferi). L'ultima sala ci porta infine a vivere questa zona com'era "solo" 3 milioni di anni fa: siamo nel Cenozoico, nel periodo del Pliocene, quando quest'area era sommersa dal mare, che lambiva però le pendici dei Monti Pisani, allora già emersi e visibili sullo sfondo.

Le visite guidate riguardano solo le tre sale nuove, ma chi lo desidera può, con lo stesso ingresso, visitare in modo autonomo tutte le altre. Curiose, per esempio, le sale "Mostri, miti... e realtà", imperdibile - anche per la suggestiva ambientazione in quello che era l'essiccatoio della Certosa - la collezione cetologica, che per numero di grandi cetacei, stato di conservazione e completezza delle parti ossee è la più importante in Italia e una fra le prime in Europa.

Per i soci è previsto anche uno sconto del 30% sulle pubblicazioni del museo. Il costo delle visite guidate è di 7,50 € per gli adulti e di 5,50 € per i minori di 18 anni. Visite a maggio il 6, 7, 13, 14, 20, 21; il sabato alle 15.30 per adulti con bambini e alle 16.30 per gli adulti, la domenica alle 10 per adulti con bambini e alle 11 per gli adulti.

Info e prenotazioni: Agenzie Toscana Turismo (Pam Vacanze).