Eventi in tutta la regione per scoprire le produzioni di qualità

Scritto da Rossana De Caro |    Novembre 2001    |    Pag.

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

Dal 29 novembre al 2 dicembre 2001 si svolgerà, nelle dieci province della Toscana, la manifestazione "Toscana Slow,
Il bello e il buono della Toscana
itinerari golosi tra agricoltura, arte e qualità di vita", organizzata da Slow Food e sponsorizzata da Coop, con il patrocinio della Regione Toscana e la collaborazione fattiva delle Province e delle associazioni agricole (Cia, Coldiretti, Unione Agricoltori). Una kermesse di quattro giorni, con eventi dislocati su tutto il territorio della regione (dalle città maggiori ai piccoli centri e borghi), che unisce all'aspetto mangereccio e gaudente quello ambientale, storico e culturale, «per mostrare quanto di più bello ha la Toscana - dice Carlo Macchi, esponente di Slow Food e uno degli artefici della manifestazione -. Non solo prodotti agroalimentari, ma arte, cultura e storia, che tutto il mondo ci invidia». Insomma, si potrà bere, mangiare e godere dei luoghi. «Inoltre - prosegue Macchi - è un'occasione data ai consumatori per incontrare i produttori, per assistere ai metodi di produzione locale, per conoscere l'eccellenza dei prodotti di cui è ricca la nostra regione». I percorsi artistico-gastronomici si svolgeranno in strade, piazze, ma anche presso musei e monumenti celebri che rappresentano la Toscana nel mondo: a cominciare dall'inaugurazione agli Uffizi, con l'attraversamento del Corridoio Vasariano fino a Palazzo Pitti e la degustazione dei vini rossi toscani più blasonati. Sotto la Torre di Pisa rappresentanti di Slow Food e Regione Toscana firmeranno un accordo importante per il miglioramento dei pasti negli ospedali e nelle case di riposo, mentre nel vicino e bellissimo Chiostro dell'Opera del Duomo ci sarà una degustazione di vini con assaggi di prodotti pisani. Un programma fittissimo, ricco di appuntamenti, tutti appetibili, nel vero senso della parola, volti a soddisfare le esigenze di ogni palato. Ne citiamo solo alcuni fra i tanti per mancanza di spazio, per rendere l'idea dell'atmosfera e del senso di questo evento.

A Firenze
Giovedì 29 novembre, dalle 12 alle 16, sotto la Loggia degli Uffizi degustazioni gratuite di prodotti tradizionali della provincia, dal pane all'olio, dal vino (Chianti Ruffino e dei Colli fiorentini) agli ortaggi, per finire con i dolci. Saranno gli stessi produttori a illustrare le caratteristiche dei propri prodotti proponendo assaggi. Sempre giovedì, dalle 12 alle 19, nella vicina Piazza della Repubblica c'è "Strada mangiando"; i migliori produttori di cibo da strada saranno presenti con i loro banchetti (trippai, caldarrostai, friggitori ecc.) per far gustare le loro prelibatezze. Ci sarà anche uno stand con vini novelli toscani, messi a disposizione dall'Istituto toscano del vino novello. "Ogni provincia un piatto" (giovedì dalle 12 alle 16): in nove ristoranti fiorentini si potrà assaggiare un piatto tradizionale delle province toscane. Con buoni acquistati in precedenza si potranno assaggiare uno o più piatti, in un simpatico tour gastronomico (lire 12 mila a piatto).

A Pisa
L'appuntamento è alla stazione centrale con "Il treno delle dolcezze" (giovedì 29 novembre, partenza ore 11), un treno specialissimo che partirà dalla città della Torre e proseguirà per Lucca, Pistoia, Firenze (ritorno ore 18), in un susseguirsi di soste al cioccolato, proposte dai maestri cioccolatai, prodotti tradizionali e sigaro toscano (a Lucca). Costo del viaggio lire 65 mila. Un secondo treno delle dolcezze partirà venerdì 30 novembre, sempre da Pisa, alle ore 11, e si fermerà a Prato.

A Prato
"Un Prato di dolcezze" al Museo Pecci (venerdì 30 novembre, ore 17-21): i maestri pasticceri della toscana proporranno al pubblico le loro leccornie. Costo del biglietto, con un minimo di 10 assaggi, lire 40 mila.

A Piombino
"Barcalonga", ovvero andar per mare mangiando, ovviamente i piatti tipici della costa toscana. La partenza è alla stazione marittima di Piombino (domenica 2 dicembre, ore 9.45) dove i partecipanti saranno imbarcati sulla nave Oglasa della Toremar, che salperà per Portoferraio e Rio Marina. La manifestazione è a numero chiuso e su prenotazione. Costo lire 65 mila. Ricordiamo anche "I gioielli della Montagna", mercato a Lucca (sabato 1° dicembre ore 11-17), nei portici del Palazzo Ducale, con i migliori produttori della montagna toscana, dove si potrà assaggiare e comprare castagne, funghi, miele, formaggi, carne, e "Il mercato dei mille sapori" a Grosseto (domenica 2 dicembre, ore 11-18), nel centro della città, dove saranno in mostra per essere gustati e acquistati mille grandi prodotti toscani. Saranno disponibili "pacchetti" con sconti per la partecipazione a più eventi. Per informazioni e prenotazioni rivolgersi a Toscana Slow: 0577983534-983883, e-mail: toscanaslow@cybermarket.it