Proposte di "tendenza" a settembre negli iper

Scritto da Rossana De Caro |    Settembre 2004    |    Pag.

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

Idee d'arredo
Rispecchiano il nostro modo
di essere e di vivere. Indubbiamente i mobili di casa sono testimoni del gusto di chi la abita, anche se la loro scelta è guidata talora non solo dal senso estetico ma anche dal lato economico.
Sempre più spesso troviamo anche nella grande distribuzione un'attenzione per l'arredamento e il mobilio, non più solo quello standard o seriale, ma anche per quello di tendenza o di stile più classico, che trovano molto riscontro presso il grande pubblico. Come i mobili etnici o in arte povera, entrambi in promozione a settembre negli ipermercati.

Mobili etnici
Il nuovo concetto di abitare, predominante oggi, vede accostati stili e oggetti diversi, incurante di un unico modello, tendente al pluralismo e alla libertà assoluta di scelta secondo il proprio gusto e personalità. I mobili etnici sono molto particolari, suggestivi come i luoghi esotici da cui provengono, dalla Cina, dall'India, dall'Indonesia.
Risalgono alla fine dell'Ottocento e alla prima metà del Novecento. Racchiudono i segreti di lontane tradizioni e rievocano il periodo coloniale, a suo modo affascinante. Sono un connubio di culture differenti, frutto di lavorazioni artigianali originali.
Vetrinette, sedie, dormeuse, tavolini, armadi, cassepanche, dal disegno bello ed elegante, realizzati in legni pregiati (teak, mogano, palissandro), spesso arricchiti da intarsi e colori, si inseriscono perfettamente sia in arredamenti ultramoderni che in quelli classici, dando un tocco personale all'ambiente e creando un'atmosfera calda.
Inizialmente gli arredi etnici interessavano un pubblico d'elite, adesso hanno conquistato un numero sempre più grande di persone sia per il loro particolare design sia per la convenienza dei costi. C'è chi ama arredare stanze intere in stile etnico e chi si 'accontenta' di un pezzo per dare un che di esotico all'ambiente.

Arte povera
Si chiama arte povera per il rigore e la semplicità che la caratterizza. In realtà questa tipologia di mobili è ricca di lavorazione e di esperienza ed ha una manifattura altamente artigianale.
Fatta con legni in massello nazionali, si ispira allo stile semplice ma unico dei mobili tipici delle case di campagna toscane dell'inizio del '900. Come le madie, i tavolini da fumo, o i tavoli con le ribaltine, le sedie impagliate, i portaprofumi, in tutto uguali a quelli originali dal gusto tipico toscano. In legno color noce, sono lucidati a cera e anticati con la tecnica della tarlatura.
Sono l'ideale per chi ama lo stile tradizionale e un ambiente 'povero' solo in apparenza, rustico ma molto elegante, senza ridondanze stilistiche. Perfetti per le case coloniche, questi mobili fanno una splendida figura anche negli appartamenti cittadini, per la loro bellezza senza tempo.

E per i bimbi...
Infine un'idea per i bambini: una simpatica cameretta completa con lettino, comodino, libreria, molto semplice e molto conveniente nel prezzo.
Si può acquistarla in blocco oppure in singoli pezzi (il prezzo non cambia) e renderla ancora più allegra e simpatica arredandola con gli eroi della Walt Disney: lenzuola, trapunte, cuscini con Winnie the Pooh, Topolino & Company (in promozione a settembre).