Oltre 51 mila votanti, i consiglieri di nuova nomina sono quattro su dieci

Scritto da Antonio Comerci |    Maggio 2005    |    Pag.

Da molti anni nell'Unicoop Firenze, si è occupato di varie tematiche, soprattutto dal punto di vista consumerista e storico.

Autore alla fine degli anni ’80 di alcune pubblicazioni: Guida alla spesa - per spendere meglio e sapere cosa si compra (1989); Ecologia domestica - suggerimenti per rispettare l'ambiente (1989); Vivere la sicurezza - i pericoli dell'ambiente domestico; Frutti esotici – Piccola guida per conoscerli, riconoscerli e apprezzarli (1987); A come agrumi (1987).

Nel 1982 ha organizzato le Giornate dei giovani consumatori, a Firenze, che hanno visto la partecipazione di oltre 12 mila studenti e sono state la prima esperienza in grande stile della Coop nel mondo della scuola e dell'educazione ai consumi.

Dirige dal 1981 l'Informatore, mensile inviato ai soci dell'Unicoop Firenze, con una tiratura di oltre 600 mila copie. Dal '92 è responsabile della comunicazione istituzionale dell'Unicoop Firenze.

Nel 2004 esce “All’origine dell’oggi – Cronaca degli ultimi 40 anni della cooperativa”, una cronologia dei più significativi eventi che hanno caratterizzato l’Unicoop Firenze e la cooperazione di consumo dal 1960 in poi. Stampato in proprio dall’Unicoop Firenze, la ricerca, le immagini e i testi della pubblicazione sono di Comerci.

Nel 2007 ha pubblicato per "I tipi" della Mauro Pagliai Editore, il libro "sComunicati - Viaggio fra i mezzi e i messaggi della società che comunica", con la prefazione del prof. Carlo Sorrentino, docente dell'Università di Firenze.

Per i cinquanta anni dalla registrazione della testata, nel 2013 esce “Quelli che... informano – Storia e considerazioni sul giornale dell’Unicoop Firenze” pubblicato dall’Unicoop Firenze e diffuso in migliaia di copie. Nella pubblicazione s’intreccia la biografia dell’autore, la comunicazione e la storia dell’Unicoop Firenze.

Nel 2018 Comerci va in pensione e pubblica un’edizione aggiornata de “All’origine dell’oggi”. È incaricato dalla cooperativa della responsabilità dell’Archivio storico dell’Unicoop Firenze.

I risultati del voto
I più solleciti
sono stati i soci dei paesi e delle piccole città, dove i legami fra la gente sono più stretti e i candidati sono persone conosciute e non semplici nomi in una lunga lista. E così, alle votazioni per eleggere i consigli delle sezioni soci che si sono svolte dal 14 al 19 marzo, a San Casciano ha votato oltre il 15 per cento dei soci, e sopra il 10 per cento si sono piazzate Volterra, Certaldo, Impruneta e la Valdera. Buono il risultato in tre capoluoghi di provincia, Pistoia, Lucca e Pisa, dal 6,65 al 7,05 per cento; mentre gli altri tre, Firenze, Arezzo e Prato, si sono tenuti al di sotto della media con risultati dal 2 al 3 per cento. Per finire il quadro dei capoluoghi di provincia: a Siena ha votato quasi il 4 per cento dei soci.
Nel complesso i votanti sono stati 51 mila, con una media del 5,35 per cento, l'1,20 per cento in più che nelle precedenti votazioni del 2002.

I risultati del voto 2
Sono stati eletti,
nelle 38 sezioni soci, 774 consiglieri. Ogni sezione ha un numero di consiglieri proporzionale alla propria base sociale, e si passa dai 9 della Val di Cecina ai 33 di due sezioni di Firenze. I consiglieri di nuova nomina (non presenti nel precedente consiglio) sono risultati ben 289, pari al 37,34%. Insomma, un bel cambiamento, che fa sperare in un nuovo slancio di attivismo per le nostre sezioni. Hanno rinnovato per più della metà i consiglieri eletti le sezioni soci di Pisa, Val d'Era, Impruneta, Valdarno Inferiore (zona del Cuoio), Figline Valdarno, San Giovanni Valdarno, Sesto Fiorentino e Fucecchio. Ma in genere quasi tutte le sezioni soci hanno registrato un buon ricambio fra i propri membri del consiglio.
Buona anche la presenza femminile: 276 consigliere, pari al 35,66 per cento. Risultano più "femministe", con oltre la metà di consiglieri, le sezioni soci del Valdarno Inferiore (zona del Cuoio), Pistoia, Firenze Sud Est (Gavinana), Barberino di Mugello e Firenze Sud Ovest (Isolotto).

Le sezioni soci sono il primo tassello della struttura democratica della cooperativa. Sono i consigli delle sezioni che propongono le candidature per il Consiglio d'amministrazione e quindi per l'organismo di governo della cooperativa. Le elezioni di marzo non rappresentano un punto di arrivo. Con l'insediamento dei nuovi consigli si apre una scommessa e una sfida per tutti i consiglieri: riuscire ad essere rappresentativi di tutta la base sociale e rafforzare l'impegno per la difesa degli interessi dei consumatori.

Link
L'elenco dei consiglieri e dei presidenti eletti a marzo
Il nuovo Statuto della cooperativa