Pancetta stesa.
I prodotti del mese
La pancetta non è altro che ciò che resta dell pancia del maiale una volta tolta la ben nota rosticciana. Ha una parte magra e una evidentemente grassa anche se oggi i maiali grazie alla loro alimentazione sono molto meno "opulenti" di quelli di una volta. Di pancette ce ne sono di vario tipo: affumicata magretta e così via. Quella tipica toscana proviene da maiali nazionali di circa 9 mesi di età. Viene lavorata in varie fasi. Prima la si struscia con pepe e aglio; poi viene salata e lasciata ferma per 15 giorni circa; in seguito una volta ripulita dal sale viene messa a stagionare per oltre un mese. Alla fine si lava con l'aceto e si aggiunge di nuovo pepe e aglio. Si può consumare tranquillamente togliendo una fetta ogni tanto e si mantiene anche per sei mesi. Basta avere l'accortezza di conservarla in luogo fresco.

Riso arborio
Si dice che il riso sia alla base dell'alimentazione di circa tre quarti dell'umanità. Ma l'Italia pur essendo il primo produttore di riso fra i paesi dell'Unione Europea preferisce restare in quel quarto che mangia preferibilmente pastasciutta. Anche se con significative differenze territoriali. Nel nord ovest ad esempio c'è un consumo storico di riso e una grande cultura del risotto. In altre parti d'Italia al contrario spesso non si riesce neanche a orientarsi fra le sue tante varietà.
Esistono almeno sei famiglie di riso da cui discendono tanti tipi diversi. Fra i superfini i più pregiati il più diffuso è l'arborio. Perché ha qualità particolari: tiene la cottura assorbe il condimento ed è adattissimo per i risotti.

Sapone di Marsiglia
Il sapone di Marsiglia in realtà è nato a Savona e poi è emigrato. E' rimasto più o meno intatto dal 1500 a qualche anno fa quando improvvisamente da prodotto quasi in disuso si è fatto liquido e ha sconvolto il mercato dei delicati. Perché si può usare anche in lavatrice ha un profumo estremamente delicato ed è garantito completamente naturale: contiene infatti il 70% di grassi e nessun additivo chimico. Comunque sia da vecchio sapone-cubo per lavare i vestiti nelle parti critiche il sapone di Marsiglia ne ha fatta di strada. Oggi per le sue caratteristiche è molto usato anche in dermatologia. Oltre che naturalmente per i prodotti di profumeria maschile e femminile.

Vinse la candeggina
SCONTO 40 % PER I SOCI IN TUTTI I PUNTI VENDITA
C'era una volta il buono soci per ritirare un fustino di detersivo per lavatrice a prezzo scontato: e giù lettere e telefonate dei soci "che ce ne facciamo di tanti fustini" "io adopero quello liquido" "uso poco la lavatrice". Nel gennaio del 99 per i soci si è attuato lo sconto del 40 per cento su tutti i detersivi per bucato a marchio Coop per due settimane. Un successo. In pratica i soci hanno fatto scorta per poter lavare per mesi a costi quasi dimezzati scegliendo ciascuno i prodotti più usati ed apprezzati. Visto il risultato l'offerta verrà ripetuta anche questo gennaio.
Sono questi indubbiamente i risparmi veri che si possono fare sulla spesa infatti i detergenti sono una voce importante per una famiglia.
Siamo andati per pura curiosità a vedere cosa hanno comprato i soci in quell'occasione. Su 100 pezzi venduti ben 29 erano bottiglie di candeggina e 22 confezioni - dalle bottiglie ai fustini - di detersivi per lavatrice seguono con distacco quelli per il bucato a mano gli ammorbidenti e i saponi. Naturalmente a valore e quindi nello scontrino della spesa la classifica si capovolge e i detersivi per lavatrice rappresentano 53 su 100 lire spese per tutti i tipi di detersivo.

E' ora di agrumi
Per quanto riguarda le arance l'Italia è il quarto produttore al mondo e addirittura il secondo per i limoni. Negli ultimi anni in particolare sono stati fatti grandi progressi nella coltivazione degli agrumi. Ottenendo ad esempio specie sempre più resistenti e dunque meno esposte agli attacchi di insetti e malattie. Fra i nuovi arrivati c'è il Tangelo Mapo che è un ibrido fra mandarino e pompelmo e ha il pregio di maturare prima di tutti gli altri agrumi. Per le arance invece ci sono le Navel di origine americana così dette per la presenza al loro interno di un altro piccolo frutto (o ombelico in inglese detto appunto navel). Ma questo è soprattutto il periodo del tarocco. Frutto con buccia fine e senza semi polpa croccante dolce e di aroma gradevole. Qualità che si esaltano nei frutti provenienti dalle zone più tipiche della Sicilia il cosiddetto "triangolo d'oro" in provincia di Catania.