Dall'educazione ai media, all'ecologia al volontariato. Le proposte di Unicoop Firenze

Scritto da Sara Barbanera |    Settembre 2012    |    Pag.

Laureata in Scienze della comunicazione presso l'Università La Sapienza di Roma nel 2001, nel 2016 consegue la laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale presso l'Università degli studi di Firenze.

È giornalista dal 2001, dopo la collaborazione con la cronaca umbra del Messaggero e con altri periodici locali.

Dal 2004 lavora in Unicoop Firenze dove, per 5 anni, ha svolto attività in vari punti di vendita, con un percorso di formazione da addetta casse a capo reparto servizio al cliente. Dal 2009 al 2011 ha coordinato le sezioni soci Coop di Firenze.

Dal giugno 2011 è direttore responsabile dell'Informatore Unicoop Firenze, responsabile della trasmissione Informacoop e della comunicazione digitale presso gli spazi soci Coop.

Il catalogo è talmente vasto che docenti e alunni non avranno che l'imbarazzo della scelta e di sicuro anche molta curiosità di fronte alle esperienze educative che Unicoop Firenze propone alle scuole toscane per l'anno 2012-13.
I progetti sono tanti, differenziati fra scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, e parlano di consumo, comunicazione e cittadinanza: tre "C" legate fra loro dalla responsabilità comune verso il futuro del pianeta e dei viventi che lo popolano.
Nelle proposte per i più grandi, la riflessione si unisce all'azione con laboratori sul campo che completano il percorso in aula. I contenuti riguardano l'uomo con tutte le sue diversità che rimano bene con dignità: in questo senso la riflessione su diversità e tolleranza tornerà in scena nel 2012 - 2013 con la mostra "Di razza umana" che dal 2010 conta 23 tappe in Toscana per un totale di 17.000 visite di ragazzi e adulti.

Informazione e solidarietà
Al centro delle proposte ci sono anche parole chiave come "guardare, capire, sapere", per consumare le cose giuste e nella giusta misura: una regola che vale anche quando si parla di informazione e tv, sulle quali Lorella Zanardo guiderà anche quest'anno i più giovani in un percorso di educazione critica ai media.
Capire però non basta e occorre anche darsi da fare, per sé e per gli altri, e proprio a questo mira il progetto in collaborazione con il Dynamo Camp di Limestre (PT), il centro di terapia ricreativa per bambini affetti da gravi patologie: qui i ragazzi potranno svolgere mansioni di supporto agli operatori specializzati del centro, provando sul campo una vera e propria scuola di volontariato che unisce impegno, gioco e spirito di collaborazione. E se la solidarietà è senza confini, il progetto "Noi con gli Altri" propone esperienze a tutto campo, dalla Toscana, alla Calabria, fino ai Paesi extraeuropei: dopo un anno di lavoro in aula, i ragazzi delle classi quarte potranno partecipare a stages o viaggi all'estero per conoscere da vicino le realtà studiate.

Amici per natura
Nel 2012, anno internazionale del pipistrello, non poteva certo mancare una riflessione sulla sostenibilità ambientale e sulla biodiversità: l'impegno inizia dal piccolo chirottero, protagonista del percorso Amici per Natura e della campagna per le Bat Box di Unicoop Firenze, fino ad arrivare alla riflessione su un uso più equilibrato e consapevole di tutte le risorse del pianeta esaminato nei due percorsi "I semi della discordia" e "Polli senza frontiere".
Gli stessi spunti vengono ripresi nelle scuole secondarie di primo grado che trattano ambiente, solidarietà e stili di consumo da una prospettiva ampia e con un invito deciso all'azione: con i due progetti "Accadueò" e "Impatto Zero", il viaggio comincia dall'acqua e dai rifiuti ai quali applicare ogni giorno buone pratiche e soluzioni innovative.

La storia nel piatto
La tappa successiva è il cibo, protagonista del nuovo percorso "A tavola tra cultura e storia": qui da semplice bisogno primario, gli alimenti si fanno simbolo di un territorio e di un'identità, che sia di famiglia o di comunità.
E se il mondo non finisce sul cancello di casa propria, l'itinerario tocca anche il Sud del mondo, dove i progetti "Minori al lavoro" e "Flip flop" esaminano gli effetti di una globalizzazione squilibrata, fatta anche di pregiudizi e stereotipi.
Anche per le scuole primarie le attività ruotano attorno al "valore delle cose", sperimentato con giochi e attività pratiche di educazione al gusto, all'immagine e a scelte alimentari e ambientali corrette: personaggi fantastici come U.G.O. faranno quindi da maestri in un viaggio avventuroso che va dal cibo agli imballaggi, ai rifiuti dai quali far nascere oggetti riciclati.

Viaggio nel caos
Un viaggio, ma nel tempo e nel mito, è anche quello di "Kaos", il nuovo laboratorio che ripercorre la storia dell'universo, intrecciando racconto, mito, sapere e tradizione. Più che trovare la risposta, l'obiettivo è che i protagonisti si chiedano il perché, anche di fronte ai propri consumi quotidiani e agli sprechi in essi nascosti: non può dunque mancare un passaggio su pubblicità ed educazione alle immagini che da una gomma da masticare portano fin dentro al cilindro delle strategie di vendita e di comunicazione persuasiva.
Come spiega Daniela Mori, responsabile progetti sociali di Unicoop Firenze, i progetti sono la cassetta degli attrezzi per tradurre in fatti e risultati la riflessione su temi globali, se non universali: «La novità non sta nei contenuti, che riguardano gli uomini di ogni luogo e di ogni tempo, ma nello spirito con cui i giovani possono affrontarli: vivo, creativo e attivo, perché si è cittadini ad ogni età. Aggiungerei anche critico, perché il contributo di ciascuno fa la differenza; e naturalmente solidale, perché fin da piccoli ci si senta parte di un tutto che ciascuno può migliorare».
Si comincia con il raccogliere una cartaccia e si finisce con il cambiare il mondo.


Prenotazioni
Come si fa
Le scuole possono accedere alle iniziative compilando la scheda di prenotazione e inviandola al Centro di educazione ai consumi del proprio territorio o compilando la scheda di iscrizione sul sito www.consumoconsapevole.it. Per ogni classe è possibile effettuare una sola attività del catalogo, indicando tre preferenze per la stessa utenza. Le proposte hanno durata variabile in base al tipo di percorso previsto dal progetto.


Le proposte
Dove e quando
Il mese di settembre vedrà impegnate Unicoop Firenze e le cooperative sociali in un fitto calendario di presentazioni delle proposte rivolte agli insegnanti di tutte le scuole toscane.
- Pisa, giovedì 6 settembre ore 15.30 - Santa Croce in Fossabanda - piazza S. Croce
- Firenze, lunedì 10 ore 15.30 - Villa Viviani - Via G. D'Annunzio, 230
- Montecatini Terme, mercoledì 12 ore 16 - Hotel Belvedere - Viale Fedeli, 10
- Poggibonsi, giovedì 13 ore 16 - Villa Lecchi, Loc. Lecchi - Staggia Senese
- Montelupo Fiorentino, giovedì 13 ore 16 - Scuola Coop - Via Sammontana, 11
- Pontedera, venerdì 14 ore 16 - Centro sete sois e sete luas - Viale R. Piaggio, 82
- Montevarchi, lunedì 17 ore 15.30 - Centro Sociale Polivalente "La Bartolea" - Via dei Mille, 2
- San Casciano, lunedì 17 ore 16 - Villa Montepaldi - Via Montepaldi, 12
- Arezzo, mercoledì 19 ore 16 - Galleria d'Arte Contemporanea - Piazza San Francesco, 4
- Pistoia, giovedì 20 ore 15 - Museo Marini - Corso S. Fedi, 30
- Prato, giovedì 20 ore 16.30 - Istituto F. Datini - Via di Reggiana, 26
- Siena, venerdì 21 ore 16 - Accademia dei Fisiocritici, Piazzetta S. Gigli, 2 (Prato di Sant'Agostino)
- Fucecchio, venerdì 21 ore 16 - Tinaia, Parco Corsini
Montecatini Terme presso l'Hotel Belvedere, in Viale Fedeli 10.
- Lucca, lunedì 24 ore 15.30 - Fondazione Cassa di Risparmio Lucca - Complesso San Micheletto
- Sansepolcro, lunedì 24 ore 16.30 - saletta soci Coop - Viale Osimo, 541

(Le foto dell'articolo sono di M.d'Amato)