Senza glutine e a marchio Coop, sono presenti da ottobre in iper e supermercati

Gluten free sugli scaffali
Sono arrivati sugli scaffali
di ipermercati e supermercati i prodotti senza glutine a marchio Coop, prodotti destinati a chi soffre di celiachia, ovvero l'intolleranza al glutine. A marchio Coop e con la spiga sbarrata, simbolo di riconoscimento dell'approvazione di AIC, l'Associazione italiana celiachia. Una scelta innovativa quella di Coop, prima catena distributiva a immettersi con prodotti a proprio marchio in questo mercato. Due i risultati che si vogliono centrare: aumentare le scelte per chi soffre di questa patologia e calmierare i prezzi dei prodotti specifici.
«Lavoriamo con Coop già da diversi anni - dice Caterina Pilo, direttore generale di AIC -, quando poi si è delineato il progetto di prodotti a marchio abbiamo insieme individuato un paniere di referenze adatto a soddisfare le esigenze più sentite dai consumatori celiaci. Contiamo che la sensibilità di Coop per un servizio ad un consumatore particolare come il celiaco si manifesti anche nella proposta di prezzi giusti, visto che i prodotti senza glutine costano anche 15 volte i corrispettivi prodotti normali». Il gruppo in arrivo comprende alcune proposte che includono pasta, biscotti, preparati per prodotti da forno e surgelati come pizza e panini.

Può sembrare semplice la preparazione di prodotti privi di glutine, ma non è così perché la contaminazione anche accidentale è quanto mai facile. Basta infatti che la lavorazione di materie prime naturalmente prive di glutine avvenga negli stessi luoghi nei quali è stato lavorato frumento, per esempio, ed ecco che tracce possono inquinare il processo produttivo. Tanto basta per essere rischioso per un celiaco. Per questo motivo i senza glutine Coop sono prodotti in stabilimenti autorizzati, come richiesto dalle disposizioni di legge, sono notificati al ministero della Salute e seguono procedure rigorose dalla fornitura di materie prime al confezionamento finale.

Come tutti i prodotti a marchio Coop devono essere anche buoni, oltre che sicuri, e allora prima di essere lanciati sul mercato hanno superato il test Approvato dai soci, il test di assaggio che misura il gradimento, in assoluto e in confronto con il leader di riferimento, da parte dei soci. Solo il raggiungimento di un determinato punteggio garantisce l'uscita del prodotto valutato. I senza glutine Coop sono stati testati da un gruppo di soci abituali utilizzatori di questo tipo di prodotti, che li hanno promossi a pieni voti.



Per saperne di più

La celiachia è un'intolleranza permanente al glutine, sostanza proteica presente in frumento, farro, kamut, orzo, segale, spelta e triticale. L'incidenza di questa intolleranza in Italia è stimata in un soggetto ogni 100/150 persone. I celiaci potenzialmente sarebbero quindi 400 mila, ma ne sono stati diagnosticati attualmente circa un decimo. Ogni anno vengono effettuate 5 mila nuove diagnosi e nascono 2.800 nuovi celiaci, con un incremento del 10% circa. L'unica terapia, al momento, è la dieta senza glutine, che deve essere rigorosa. Possono bastare poche tracce di glutine per provocare gravi lesioni all'intestino e molti altri problemi a tutto l'organismo. L'AIC promuove l'assistenza ai celiaci, informa sulle possibilità diagnostiche e terapeutiche. Stimola la ricerca genetica, immunologica e clinica. Ha raggiunto importanti obiettivi come la distribuzione gratuita dei prodotti dietoterapeutici per tutti i celiaci diagnosticati da parte del servizio sanitario nazionale e la creazione di una "rete" di ristoranti informati (oltre 400 in tutta Italia). Mette a disposizione un ricco sito internet (www.celiachia.it) sul quale è consultabile anche il Prontuario degli alimenti.

Il Prontuario degli alimenti è un elenco di prodotti alimentari non destinati all'alimentazione particolare cui è sottoposto il celiaco, ma al comune consumatore. Prodotti normalmente a rischio per un celiaco, per i quali però le aziende produttrici dichiarano l'assenza di glutine (caramelle, gelati, salumi...), tenendo conto della lavorazione e di tutti gli ingredienti, anche quelli non in etichetta. Le dichiarazioni sono poi valutate dai tecnici dell'associazione. Nel prontuario sono inseriti ben 140 prodotti a marchio Coop.

Il Registro nazionale degli alimenti comprende i prodotti destinati ad un'alimentazione particolare, secondo quanto previsto dal decreto 111/92. È edito e periodicamente aggiornato dal ministero della Salute e riporta l'elenco dei prodotti senza glutine che possono essere erogati gratuitamente dal servizio sanitario nazionale.

Per un approfondimento sul tema della celiachia, puoi consultare lo speciale su questo sito Indovina chi viene a cena