Studenti delle superiori raccontano a turisti e fiorentini le bellezze della città

Scritto da Serena Wiedenstritt |    Maggio 2017    |    Pag. 5

Ambasciatori dell'Arte Musei

Ambasciatori d’arte a casa propria. Sono gli studenti delle scuole superiori di Firenze – duemila per l’anno scolastico 2016/2017, in arrivo da 26 istituti – che da aprile a metà giugno sono impegnati a guidare i visitatori fra i capolavori della città.

Il progetto “Ambasciatori dell’arte”, promosso da Miur e Mibact con il contributo scientifico del Dipartimento scuola e giovani delle Gallerie degli Uffizi e la collaborazione del Museo nazionale del Bargello, del Polo museale regionale della Toscana e dell’Opificio delle Pietre dure, rappresenta una opportunità per i più giovani per conoscere e far scoprire le bellezze di Firenze.

«Abbiamo iniziato 16 anni fa – racconta Silvia Mascalchi, attuale coordinatrice del progetto all’interno della sezione didattica del Polo museale fiorentino – con le prime scuole. Oggi il format è stato adattato alle esigenze dell’alternanza scuola-lavoro, prevista obbligatoriamente dalla legge della Buona scuola, ma lo spirito resta lo stesso. I ragazzi vengono formati dalle nostre educatrici museali, poi entrano in contatto con il luogo d’arte che li ospiterà. Lì, prima di “prendere servizio”, fanno alcuni approfondimenti con i futuri “colleghi”, vale a dire il personale interno, che li introduce alle specificità del museo e alle dinamiche di lavoro. Così imparano le regole fondamentali di sicurezza e sperimentano il dietro le quinte dei musei».

Gli studenti, che arrivano sia dai licei, sia dagli istituti tecnici, professionali e linguistici, vengono poi inseriti nelle strutture museali secondo un calendario – disponibile anche sul sito www.coopfirenze.it – che copre 24 musei e luoghi d’arte della città, dalla Galleria di arte moderna al Museo di Palazzo Davanzati, da Orsanmichele alla Loggia dei lanzi, dal Museo del Novecento al Giardino della Villa di Castello. Le visite guidate degli studenti sono gratuite e, per venire incontro alle esigenze dei turisti stranieri, si svolgono in italiano, francese, tedesco e spagnolo.

Ma gli Ambasciatori dell’arte non si fermano davanti a quadri e sculture: «Da metà maggio a metà giugno partirà il progetto sperimentale “Panchina delle fiabe”, che vede anche la partecipazione del Teatro della Pergola per insegnare ai ragazzi l’arte di raccontare – spiega Silvia Mascalchi – . Arte che eserciteranno al Giardino di Boboli e in quello di Villa il Ventaglio, dove accoglieranno i visitatori più piccoli con un repertorio di racconti legati alla storia dei luoghi, con il duplice obiettivo di appassionare i più giovani alla storia della loro città e far riscoprire ai fiorentini il verde storico cittadino». Fra le novità del 2017 anche il percorso Ambasciatori del verde, orientato soprattutto agli studenti che frequentano indirizzi più scientifici, con un occhio alla botanica.


L’intervistata

Silvia Mascalchi

coordinatrice progetto “Ambasciatori dell’arte” del Polo museale fiorentino



Firenze

Cortili aperti al Museo degli Innocenti

È l’occasione per visitare i cortili monumentali del Museo degli Innocenti, da poco restaurati. Il 28 maggio saranno visitabili gratuitamente dalle 11 alle 16, mentre la Bottega dei ragazzi, anch’essa rinnovata, proporrà giochi e laboratori per grandi e piccini. Tutto dedicato al tema del "putto in fasce”, immagine simbolo dell'istituto che è stata reinterpretata da molti artisti, a partire dai tondi realizzati da Andrea Della Robbia nel 1487 per la facciata. I lavori di recupero, adeguamento e restauro sono durati quattro anni e hanno coinvolto l’intero complesso dell’Istituto degli Innocenti, con la rinascita del museo: ventidue opere restaurate, un nuovo allestimento museale, nuovi spazi per la Bottega dei ragazzi, il cortile e la facciata progettati da Filippo Brunelleschi restituiti alla città. Dalle 10 alle 18.30 sarà anche possibile visitare gli spazi del museo a prezzo ridotto e partecipare a visite guidate nelle quali sarà approfondito il tema della rappresentazione dei bambini nelle opere presenti agli Innocenti. L'iniziativa è organizzata in collaborazione con Fila Giotto e Unicoop Firenze, partner del Museo degli Innocenti e della Bottega dei ragazzi.


www.istitutodeglinnocenti.it



Notizie correlate

museo casa di giotto

A casa di Giotto

A Vicchio (Fi) un museo dedicato al grande protagonista della pittura italiana


Vacanze al museo

Vacanze al museo

In tutta la Toscana iniziative per bambini alla scoperta di arte, scienza e cultura

Photogallery

Filippo Saporito

Porta a porta col museo

Una stella Michelin al ristorante con vista su Firenze

Video