Le specie più adatte a vivere in condizioni di scarsa luminosità. L’importanza dei vasi

Scritto da Càrola Ciotti |    Settembre 2016    |    Pag. 42

Fotografa. Collabora dal 1994 con l'Informatore, soprattutto realizzando immagini, ma ultimamente anche scrivendo testi. Ha iniziato a fotografare nel 1979 dedicandosi da subito allo sviluppo e alla stampa delle proprie immagini in bianco e nero. Nel 1987, dopo alcuni anni di collaborazione con professionisti, apre un proprio studio. Portata alla ritrattistica e alla moda, non trascura il reportage e la fotografia naturalistica. In varie esposizioni ha presentato il frutto di una ricerca sul corpo e sul volto femminile.
Ha partecipato come fotografa ufficiale al festival "France Cinéma". Sue fotografie sono apparse su libri, cataloghi e riviste.

Piante

Molte vecchie case dei centri cittadini o degli antichi borghi possiedono spazi esterni – corti, cortili o androni – dove spesso, per la poca luce solare che vi filtra, predomina l’ombra. Nonostante questa situazione, in genere, renda difficile la vita delle piante, esistono specie adatte a essere coltivate e mantenute in condizioni simili, senza troppe difficoltà.

Di questo, e molto altro, abbiamo parlato con Francesca Moscatelli, una simpatica e vivacissima signora di origine marchigiana, ormai toscana di adozione; dopo aver frequentato l’Istituto agrario a Pesaro, si è laureata all’Università di Firenze, in Scienze forestali.

Attualmente presta la sua opera presso un importante vivaio pistoiese; gestisce, inoltre, un proprio negozio on line, dove propone essenze particolari e soluzioni fantasiose per il giardino e il terrazzo.

Francesca ha approfondito il tema degli spazi bui, osservando durante i suoi numerosi viaggi in Andalusia i tipici patii di case e palazzi della regione spagnola.

Visitando Granada, Siviglia, Malaga, Cordoba e i piccoli paesi dei dintorni, è rimasta colpita dalla bellezza del patio, dove predominano colori e allegria, grazie anche alla presenza dei tipici vasi smaltati e delle pareti rivestite di azulejos – le piastrelle di ceramica decorata – ornamento dell’architettura spagnola, eredità araba.

«L’Andalusia ha ricevuto una forte impronta dagli Arabi – esordisce Francesca –, poiché fino al 1492 fu da loro dominata. Tutte le città andaluse presentano schemi e caratteristiche architettoniche tipiche di questa cultura. Anche il clima è simile a quello dei paesi arabi: un caldo torrido, che persiste molti mesi, e che invita – o, per meglio dire, costringe – a creare all’interno delle abitazioni un luogo fresco, ombreggiato e chiuso, per proteggersi dalla calura. Per far sì che nel patio vi sia un microclima più fresco e gradevole – prosegue Moscatelli – è necessario dotarlo di piante che siano però adatte a vivere in condizioni di scarsa luce. Piante sempreverdi, con fogliame persistente, in alcuni casi colorato, poiché l’elemento del fiore viene quasi del tutto a mancare, proprio a causa dell’ombra quasi totale».

Le piante indicate a questo scopo sono quelle che troviamo sia nel fresco patio spagnolo sia in molte chiese e conventi, chiostri e borghi del nostro Paese.

Piante di facile coltivazione, resistenti, longeve, che richiedono poche cure; citiamo tra queste l’Aspidistria, dalle grandi foglie verdi scure; l’Aucuba, con foglie di vari punti di verde, punteggiate o screziate di bianco, giallo o color crema secondo le varietà; l’Alocasia, con le belle foglie venate di bianco, la Felce, l’Asparagus sprengeri, dal fogliame voluminoso e leggero, e il Falangium, che con le sue foglie ricadenti e lanceolate si trova in tante colorazioni diverse.

Sono specie che richiedono un normale terriccio universale e pochissima acqua: il terreno dovrà mantenersi moderatamente umido. Per verificare se c’è bisogno di irrigare o no, basta infilare nella terra del vaso un dito, cui deve restare attaccato solo un po’ di terriccio.

Sarà sufficiente una concimazione di base, con un nutrimento liquido per piante verdi da sciogliere nell’acqua per innaffiare. Si consiglia il rinvaso ogni due anni o lo sfoltimento delle radici, se non è possibile aumentare la dimensione dei vasi per motivi di spazio.

Non è escluso che alcune di queste piante siano già presenti in casa, magari abbandonate in un angolo perché non hanno colorazioni accese, né un aspetto particolarmente attraente. Ma se le accostiamo ai giusti vasi... diventano bellissime!

Entrano così in gioco i vasi andalusi, ricchi di colori e fregi: l’accostamento vaso/pianta diviene un vero e proprio elemento di arredo che dà carattere agli spazi esterni.

«I colori e i disegni dei vasi andalusi, che ho deciso di importare e proporre anche in Italia – spiega Francesca – sono diversi da zona a zona e presentano sempre gli stessi colori e fregi delle mattonelle del patio: su sfondo bianco, troviamo disegni verde smeraldo, giallo ocra, blu o azzurro».

A Granada, per esempio, il disegno tipico è il melograno, simbolo stesso della città (granada in spagnolo significa proprio melograno). Siviglia, invece, ha per tradizione disegni che raffigurano la montería, cioè la caccia. Sono quindi rappresentati, sui vasi di questa città, cervi, leprotti, uccelli da selvaggina, ritratti in paesaggi campestri. I colori tipici di Siviglia sono il blu, il verde e l’ocra; quest’ultimo colore invece non compare mai a Granada.

Interessante sapere che in alcune case patrizie della regione spagnola i vasi sono presenti nel patio anche vuoti, poiché hanno una fattura artigianale così raffinata da essere considerati veri e propri componenti di arredo. Come nel bellissimo patio del Real Alcázar a Siviglia, la fortezza ex-residenza del califfo, luogo ricco di fascino esotico dove sono presenti grandi vasi con tali caratteristiche.

Info: www.donnadipiante.com

L’intervistata: Francesca Moscatelli, dottoressa in Scienze forestali; vivaista

Video


Notizie correlate

Le tre perle d'Andalusia

Cordoba, Granada e Siviglia, tre città bellissime da visitare in primavera



Colori d’autunno

Proteggere le piante “freddolose”, piantare i fiori colorati invernali

Video

I nemici delle piante

Le malattie e i parassiti che le provocano. Come affrontarle e prevenirle

Video

Orsu orti in terrazza

L’orto in terrazza

Coltivare le piante anche in un piccolo spazio. I consigli dell’ideatore di Orsù.

Video

Giardino giapponese

Pietre, piante e acqua

Nati come luoghi di contemplazione e meditazione, esaltano l’equilibrio degli elementi naturali