Sono Labrador e arrivano dall’Irlanda. Le loro caratteristiche, l’addestramento, la meritata pensione

Scritto da Silvia Amodio |    Novembre 2008    |    Pag.

Giornalista e fotografa Milanese, laureata in filosofia con una tesi svolta alle isole Hawaii sulle competenze linguistiche dei delfini. Ha collaborato come giornalista free-lance con settimanali e mensili (Famiglia Cristiana, Airone, D la Repubblica delle Donne, l'Espresso, Mondo Sommerso, New Age), scrivendo sempre di animali e accompagnando gli articoli con le sue foto. Ha lavorato anche all'enciclopedia sul gatto della De Agostini. Negli ultimi tempi la fotografia d'autore è divenuta la sua occupazione principale.

L’11 settembre è una data storica che ha segnato in ciascuno di noi, per aspetti vari, un grosso cambiamento. La distruzione delle Torri gemelle, un simbolo americano che sembrava inattaccabile, oltre alle drammatiche conseguenze ci ha lasciato una sensazione di totale vulnerabilità. La percezione della nostra sicurezza è completamente cambiata. Prima di questa fatidica data i luoghi presi di mira dal terrorismo erano principalmente istituzionali, frequentati da politici e diplomatici; ora la tendenza è quella di fare più danni possibili ai civili e colpire i luoghi maggiormente affollati.

Anche il profilo del terrorista, come le armi di cui fa uso, è completamente cambiato rispetto al passato, ed è più difficile classificarlo. Un terrorista “moderno” può avere dai 5 ai 100 anni, può essere un uomo oppure una donna. Ultimamente, per trasportare esplosivi, sono stati addirittura impiegati animali: cani, muli, mucche. In Iraq, le “tradizionali” bombe umane, in gergo i kamikaze, sono state sostituite dagli animali… Il terrorista è perfettamente inserito nella società: è istruito, parla la lingua del paese che ha deciso di colpire, ne conosce tutte le sfumature culturali, svolge un lavoro normale. In poche parole passa del tutto inosservato.

 

Meglio della tecnologia

K9 è un’azienda italiana che si occupa di combattere il terrorismo, concentrandosi soprattutto sulla prevenzione, utilizzando cani addestrati. «La prevenzione rimane l’arma migliore», sottolinea Luca Migliavacca, direttore di K9 e istruttore di unità cinofile, che insieme a Gabriele Perone, paracadutista e specialista in protezione ravvicinata, ha preso parte a moltissime missioni nelle zone più calde del mondo: Serbia, Congo, Sudafrica, Sudamerica, Afghanistan. «I cani hanno dimostrato un’affidabilità superiore a qualsiasi altro strumento tecnologico e rimangono a tutt’oggi il mezzo migliore per contrastare questo fenomeno», spiega Migliavacca.

Sono animali specializzati nell’individuare varie tipologie di esplosivo, ma anche sostanze stupefacenti o incendiarie; possono cercare persone disperse, in fuga, o vittime di calamità naturali. Naturalmente sono cani speciali, che hanno caratteristiche ben precise, poiché si devono muovere in ambienti affollati: dai centri commerciali, agli autobus, alle navi. Prima di tutto devono avere un carattere socievole, partecipare con curiosità alla missione e perseguire con determinazione il proprio compito. Vivono in simbiosi con il “padrone”, ma al tempo stesso non devono farsi condizionare da lui. Anche fisicamente devono corrispondere a canoni precisi: devono essere agili, né troppo piccoli, né troppo pesanti.

 

Questione di naso

Tutti aspetti che hanno delineato nel labrador il soggetto perfetto. Ma non labrador qualsiasi, bensì labrador che arrivano direttamente dall’Irlanda del nord, un paese che conosce fin troppo bene i problemi legati al terrorismo. È qui che i cuccioli ricevono i primi insegnamenti, che vengono poi perfezionati una volta arrivati in Italia con tanto di certificato Act (Advance canine technology).

I piccoli devono giocare per i primi 8 mesi e solo successivamente, dopo un addestramento che rispetta la loro natura e la loro individualità, inizia l’attività vera e propria. I cani vengono preparati con metodologie cognitivo-mentalistiche, senza alcuna forma di coercizione o maltrattamento, sfruttando la loro innata curiosità, l’attitudine al gioco e ovviamente le straordinarie capacità olfattive. Durante il training, per ragioni di sicurezza, gli esplosivi veri sono sostituiti da pseudoessenze, sviluppate su richiesta della Marina degli Stati Uniti. Durante le esercitazioni, in una grande stanza chiamata palestra, le essenze vengono posizionate sulle pareti dentro piccoli contenitori (sniffer). Una sola è la sostanza da individuare, le altre sono essenze familiari al cane: tè, pepe, zucchero… e hanno il compito di distrarre l’animale. Quando il labrador si trova davanti alla sostanza “giusta” si siede. A questo punto un secondo cane viene mandato di conferma.

 

Spirito di squadra

Non solo i cani devono essere ben selezionati, ma anche le persone che lavorano con loro, i cosiddetti conduttori. Il tipo ideale, contrariamente a quanto si possa immaginare, deve essere distante dal modello “Rambo”. La paura, per esempio, è un elemento importante che fa stare allerta e aumenta la concentrazione. Allo stesso tempo, però, non deve dominare sulle altre emozioni.

È necessario essere altruisti e saper lavorare in gruppo, perché questo aiuta a proteggersi a vicenda e può salvare la vita nelle circostanze più difficili. Umiltà e spirito critico sono altri aspetti del carattere, indispensabili per poter fare questo lavoro. Naturalmente non si deve trascurare l’affiatamento che lega il conduttore al cane. Il rapporto che si stabilisce è molto forte ed è naturale che, raggiunta l’età pensionabile per il cane, intorno ai 10 anni, i due continuino a vivere insieme…

Arliano

Chiude il canile

Gli ospiti della struttura sono circa una quarantina, cane più cane meno. Alcuni sono lì solo da pochi mesi (anche nell’estate 2008 si è rinnovata, purtroppo, la deplorevole pratica dell’abbandono), altri hanno fatto del canile la loro casa ormai da tempo. Su tutti pende la minaccia dello sfratto. Entro il mese di novembre, infatti, il canile di Arliano (Lucca) verrà chiuso: i volontari lanciano un appello per trovare ai loro amici a quattro zampe una nuova casa e una famiglia che si prenda cura di loro. I cani sono tutti microchippati e controllati: l’adozione è l’unico modo per salvarli da un triste futuro.

Per informazioni e visite al canile: 3407781849, 3495303423, 3355218338, 058355429, www.canilearliano.it


 

Ogni cucciolo addestrato, esclusivamente di sesso maschile, arriva a costare circa 12.000 euro

 

Info: www.k9services.eu

 


Notizie correlate

Curati da cani

Gli animali sono un valido aiuto nella cura di malattie fisiche e psicologiche. Un centro a Figline