Le varietà che ci regalano profumi e colori per lunghi periodi

Scritto da Càrola Ciotti |    Giugno 2018    |    Pag. 42

Fotografa. Collabora dal 1994 con l'Informatore, soprattutto realizzando immagini, ma ultimamente anche scrivendo testi. Ha iniziato a fotografare nel 1979 dedicandosi da subito allo sviluppo e alla stampa delle proprie immagini in bianco e nero. Nel 1987, dopo alcuni anni di collaborazione con professionisti, apre un proprio studio. Portata alla ritrattistica e alla moda, non trascura il reportage e la fotografia naturalistica. In varie esposizioni ha presentato il frutto di una ricerca sul corpo e sul volto femminile.
Ha partecipato come fotografa ufficiale al festival "France Cinéma". Sue fotografie sono apparse su libri, cataloghi e riviste.

Buddleja-lyndlejana in fiore

Buddleja-lyndlejana in fiore - Foto F. Magonio

Piante

In giardino o terrazzo, la bella stagione è sinonimo di tanti colori e profumi diversi, tuttavia siamo spesso costretti a prendere atto della scarsa rifiorenza di molte specie di piante, cui abbiamo dedicato tempo ed energie ma che, alla resa dei conti, possiamo vedere in fiore per periodi molto limitati. Una simpatica signora di notevole esperienza, come Kety Cialdi, ci presenta un ventaglio di specie adatte alla coltivazione, in vaso o in piena terra, capaci di grandi produzioni di fiori per molti mesi! Kety si è dedicata dal 1992 all'azienda di famiglia, dove si producono oltre cinquantamila piante, dei generi più diversi. Il vivaio Cialdi, uno dei tanti del comparto pistoiese, fa anche parte del piccolo consorzio, tutto al femminile, Pollici rosa, che Kety gestisce con la collega Alberta Ballati.

Per tutte le stagioni

«Astrantia è una pianta da fiore, perenne, facile da coltivare, longeva che ben sopporta il freddo intenso - spiega Kety -. Vive molto bene vicino a laghetti o fossati, e la si trova allo stato spontaneo in aree montane. Forma dei bei cespi folti e di grande effetto; predilige la mezz'ombra, con insolazione mattutina». Astrantia involucrata, particolarmente decorativa, regala infiorescenze bianco-verdastre dall'inizio dell'estate fino all'autunno e i suoi fiori sono adatti anche ad essere recisi per formare mazzetti che dureranno a lungo. Un'altra pianta adattabile, che può vivere quindi in posizioni diverse, anche se preferisce il sole, è Anthemis tinctoria: Kety ne consiglia la varietà Buxton che ha una rifiorenza quasi ininterrotta da giugno a settembre. Perfetta per bordure, ha foglie odorose che ricordano la camomilla. «È una pianta seducente - spiega la nostra esperta - che cresce in cespugli compatti formati da una moltitudine di fiori simili a margherite, di un bel color giallo chiaro; ha un’altezza in genere di settanta centimetri, con un’espansione contenuta».

Facili da coltivare

Per toni di colore che invece spaziano dal bianco al rosa, fino al rosso scuro, e per chi ama piante di facilissima coltivazione, la Scabiosa è una specie da considerare: è una pianta utile e graziosa, con fiori di forma simile a cuscinetti puntaspilli, eccellenti anche come fiori da taglio. «Un tempo la si coltivava per uso medicinale - specifica Kety – poiché si riteneva curasse la scabbia; ma oggi è apprezzata per la sua bellezza. Si tratta di un'erbacea perenne, non molto alta, che si semina in primavera o a inizio estate; il primo anno necessita di essere coltivata in vaso, poi può essere messa anche in piena terra, meglio in zone soleggiate e luminose, e bisogna cimarla regolarmente per favorire un portamento compatto». Per chi ama i colori e i profumi, la Buddleja è la pianta ideale; nota anche come albero delle farfalle, è una pianta rustica che si adatta ai climi freddi come a quelli caldi. «È una pianta allegra - sostiene Kety, che ne coltiva in azienda una ventina di varietà diverse - con una gamma di colori che parte dal bianco puro fino al rosa, attraversando tutto lo spettro dei rossi e dei viola, fino al blu notte. È delicatamente profumata e per questo attira insetti diversi, farfalle innanzitutto, che si posano numerose sulle sue belle pannocchie fiorite, che ricordano, per forma, quelle del lillà. È di facile coltivazione, adattabilissima a vari tipi di terreno, cresce in fretta e non richiede anni prima di ammirarla in fiore; ama il sole e spazi aperti, ed è una pianta che mi sento di consigliare ogni volta che mi chiedono cosa mettere in giardini a bassa manutenzione».

Un tocco esotico

Seducente, coloratissimo e con una fioritura prolungata nel tempo è anche l’Hibiscus: il genere syryacus regala fiori piccoli ma con una gamma di colori dal bianco puro al blu, passando per rosa tenui o rossi cupi. Inizia a fiorire a giugno e fino a settembre inoltrato si adorna in modo generoso. L’ibisco è una pianta robusta, bellissima come cespuglio isolato, adatta anche a formare siepi. In un bel vaso, invece, potremo coltivare uno stupendo Leopoldii con fioritura minuta, fittissima e di color rosa tenue. «Carex elata "Aurea" è una specie davvero adattabile che consiglio volentieri - conclude Kety - anche se, essendo una graminacea, fiorisce solo in aprile e maggio con sottili pannocchie brune; vive bene in diversi tipi di terreno, e possiede una rusticità elevatissima dato che resiste a temperature che superano i meno quindici gradi. È una bella pianta a sviluppo denso, con foglie lunghe quaranta centimetri, di colore giallo-verde: illumina elegantemente le zone semi ombrose del giardino che sono le migliori per il suo sviluppo. L'altezza della pianta è contenuta – non supera i cinquanta centimetri – e possiamo coltivarla anche in vaso».

 

L’intervistata

Kety Cialdi, vivaista

www.pollicirosa.com

Tel 3295940067

 

Video

Fiori d’estate


Notizie correlate

Io, tu… e le rose

Abbinamenti inaspettati per valorizzare la regina dei fiori

Photogallery

camelia

Le camelie

Originarie dell’Estremo oriente, hanno trovato l’habitat ideale in alcune zone della Toscana


 Clematidi

Colorate e vigorose

Rampicanti o erbacee, hanno fioriture abbondanti e appariscenti che decorano giardini e recinzioni

Photogallery