Fra le più diffuse riviste di cucina, nei punti vendita Coop

Scritto da Cecilia Morandi |    Gennaio 2017    |    Pag. 19

Da bambina voleva fare la giornalista, dopo la laurea in lettere a indirizzo storico, il sogno si avvera.

Giornalista professionista, spazia dalla televisione alla carta stampata, dalla produzione di documentari alla cura editoriale.

Collabora con emittenti locali (Rtv38) e nazionali (Tmc2-Videomusic, Raiuno, La7), occupandosi per programmi televisivi di argomenti vari, dall'attualità alla moda, dai viaggi all'alimentazione.

Docente a contratto dell'Università di Firenze, dall'anno accademico 2012-13 insegna agli studenti del Laboratorio di televisione e media digitali del corso di laurea magistrale in Teorie della comunicazione.

Fior fiore in cucina La rivista

Per cena orecchiette con radicchio, taleggio e aceto balsamico? Oppure spaghetti alla carbonara di zucca? Le ricette di “Fior Fiore in cucina” portano il ristorante a casa con pochi semplici passaggi e tante idee. Una rivista che rappresenta una perfetta mescolanza fra cucina contemporanea e rispetto della tradizione, con una veste grafica accattivante e foto che esaltano le pietanze.

L’avrete sicuramente notata: fra gli scaffali dei punti vendita Coop, ormai da quattro anni, ogni mese propone ai suoi lettori, da Bolzano alla Sicilia, tante facili soluzioni, per esaltare il gusto a tavola. E in questo lasso di tempo ha fatto davvero molte conquiste, visto che ormai tira centomila copie e appaia ai primi posti nelle vendite riviste di cucina blasonate, presenti in edicola da anni.

«I nostri soci apprezzano la facilità di riuscita delle ricette proposte - spiega Laura Stefanini, che si occupa del marchio Fior Fiore in Coop Italia -. Quando abbiamo deciso di dar vita alla rivista, fra gli obiettivi c’era quello di esaltare le caratteristiche di eccellenza dei prodotti Fior Fiore e ci sembrava interessante farlo attraverso proposte culinarie di alto livello».

“Fior Fiore in cucina” è realizzato dalla squadra di redattori e fotografi altamente specializzati del Gruppo Food, con sede a Parma, un’eccellenza nella produzione editoriale in campo enogastronomico.

«Presentiamo ricette con differenti complessità, perché fra i nostri lettori ci sono persone con diverse competenze in cucina - aggiunge Paola Binaghi, redattrice della rivista - e vogliamo soddisfare tutti. Con un’attenzione particolare al concetto di benessere, che sempre più persone cercano in tavola. Per questo ci focalizziamo anche sulle caratteristiche nutrizionali dei prodotti e sugli aspetti salutistici dell’alimentazione».

Infatti le proposte culinarie riportano l’attenzione anche su ingredienti dimenticati e strizzano l’occhio ai nuovi stili alimentari, dal vegetariano al vegano. Senza trascurare, con la proposta di ricette alternative, ma sempre gustose, il problema delle intolleranze e delle allergie alimentari, purtroppo in aumento nella popolazione.

Scorrendo le pagine, si trovano trucchi contro lo spreco o piccoli segreti per un miglior risultato ai fornelli. Ad esempio, come e quando usare la tecnica della vasocottura, versando gli ingredienti in piccoli vasetti, che vengono poi immersi nell’acqua. O ancora come preparare una torta multistrato con dischi perfetti, usando il filo interdentale.

Lo spazio dedicato ai più piccoli suggerisce ricette semplici e divertenti con una grafica colorata adatta a chef in erba, che si potranno divertire preparando e poi assaggiando pietanze ideate proprio per loro. Ci sono poi gli utili consigli del pediatra nutrizionista che su ogni numero analizza le caratteristiche di un diverso alimento, o dispensa suggerimenti per far crescere i bambini in salute e in forma.

Gli itinerari di impronta più gastronomica conducono il lettore alla scoperta delle diverse tradizioni culinarie regionali italiane, mentre i viaggi in paesi lontani aprono lo sguardo sul mondo, da Cipro alle Hawaii, raccontando usi e costumi dei popoli, senza scordare di segnalare specialità gastronomiche particolarmente appetitose.

E poiché ormai la cucina ha invaso il web e la Tv, non mancano le interviste ai personaggi degli spettacoli mediatici, ai food blogger più seguiti e ai cuochi più apprezzati.

“Fior Fiore in cucina” ci fa anche conoscere meglio i prodotti Coop della omonima linea, portandoci direttamente nei luoghi di produzione e facendoci conoscere le facce e le idee che stanno dietro al cibo che mangiamo, esaltando i valori di tipicità e territorialità. Come nel caso dei salumi artigianali del Chianti, preparati con carne di maiali allevati all’aperto vicino a Radda.

Ogni numero della rivista si conclude con la rubrica dedicata alle uscite in libreria e un giocoso oroscopo in stile culinario, perché chi ama la cucina non può non apprezzare il lato divertente della vita.


Notizie correlate

A pasta e gusto filante

Le mozzarelle, Vivi verde e Fiorfiore, e quelle toscane

Video

Nero con gusto

Arrivano le capsule del caffè Fiorfiore e la macchina da caffè