Continua inalterato l'interesse per il priore di Barbiana

Don Milani in quattro 1
Don Milani è stato non solo un prete scomodo,
ma anche un personaggio al centro dell'attenzione dei media e delle istituzioni dell'epoca. Eppure gli scritti pubblici del priore di Barbiana furono pochi. Pochi ma capaci di segnare le coscienze di più di una generazione. Per la prima volta tutti i testi minori e pubblici di don Milani - da "L'obbedienza non è più una virtù" alle lettere polemiche apparse su diversi periodici - sono raccolti in un libro, edito da Stampa alternativa-Nuovi equilibri e curato da Carlo Galeotti (L'obbedienza non è più una virtù, 8,50 euro, nel settore Toscana da leggere degli Ipercoop). Sempre nel settore dedicato agli editori toscani è presente il volume La scuola di don Lorenzo Milani, di Mario Lancisi (edizioni Polistampa, 14,50 euro). Introdotto da un testo dell'ex cardinale di Firenze Silvano Piovanelli e da una breve biografia di don Milani, il volume racconta l'esperienza della scuola di Barbiana, ricostruendone la vicenda. Sono riportate, inoltre, le lettere del priore a Gian Paolo Meucci e Mario Gozzini e infine l'autore racconta, attraverso un viaggio a Barbiana, cosa è rimasto della scuola e di quello che rappresentò. Nella seconda parte prendono la parola i ragazzi di Barbiana, la professoressa cui era indirizzata la famosa Lettera, e alcuni amici: E. Balducci, G. Falossi, G. P. Meucci, L. Pavolini. Infine l'autore intervista, sull'attualità dell'esperienza milaniana per l'istruzione italiana di oggi, importanti personaggi politici.
Don Milani in quattro 2
Sempre su don Milani,
sempre di Mario Lancisi, il terzo libro che segnaliamo, questa volta sul tema del pacifismo: No alla guerra! (Edizioni Piemme, 12,50 euro). Si parte dalla lettera scritta l'11 febbraio 1965 ai cappellani militari della Toscana (riproposta integralmente), le critiche che essa suscitò, la denuncia, il processo per apologia di reato e il documento che il priore di Barbiana inviò ai giudici in sua difesa. Una storia che ripropone il tema della guerra, del pericolo di un conflitto nucleare, della difesa popolare non violenta, dell'obiezione di coscienza e del ruolo dei civili nei conflitti armati. Completano il volume la riflessione critica di testimoni di primo piano del nostro tempo. Infine, il lavoro di un altro giornalista: Fabrizio Borghini, Lorenzo Milani: gli anni del privilegio, Jaka Book, 14 euro. Il libro prende in esame soprattutto l'infanzia e l'adolescenza di don Milani e i primi anni di sacerdozio. Una parte della sua vita poco conosciuta, anche per la ritrosia del protagonista a parlare degli "anni del buio". Borghini raccoglie e propone con immediatezza le testimonianze di chi conobbe Lorenzo Milani.
Prenotati da casa
Basta collegarsi al sito www.ipercooptoscana.it, registrarsi e si accede ad un catalogo di 50 mila titoli. I libri scelti saranno disponibili dopo due settimane al punto informazioni dell'Ipercoop che si frequenta abitualmente, senza spese e con lo sconto del 15% sul prezzo di copertina.