Un ambulatorio per individuare le cause delle cefalee e scegliere la giusta terapia

Cosa fare quando si soffre di cefalea e il mal di testa diventa un disturbo insopportabile? Una risposta pronta la può offrire l'Ambulatorio per cefalee e algie cranio-facciali, diretto dal professor Antonio Federico, responsabile dell'U.O.C. Neurologia e malattie metaboliche del policlinico Santa Maria alle Scotte. «Ci sono diversi tipi di mal di testa - spiega Federico - e, per individuare la tipologia, la causa e la giusta terapia, è necessario un approccio multidisciplinare».

L'ambulatorio predispone tre sedute a settimana durante le quali il professor Federico e il suo staff valutano in dettaglio le cause del mal di testa. «La cefalea - spiega Federico - è un sintomo che spesso nasconde cause che possono essere anche gravi. Tra i diversi tipi di cefalea c'è quella muscolo-tensiva, causata da stress (la forma più diffusa), quella ereditaria, l'emicrania, quella artrosica, causata da disturbi articolari di ossa, mandibola o colonna cervicale».

Anche la sinusite, i problemi di vascolarizzazione o le patologie della vista possono essere alla base del disturbo. «Le più colpite sono le donne - prosegue Federico - soprattutto per la correlazione tra cefalea e ormoni femminili. Ogni settimana visitiamo circa 20 pazienti».

C'è poi la cefalea a grappolo, un altro particolare tipo di mal di testa, «caratterizzato - spiega Federico - da crisi subentranti e spesso accompagnato da forme allergiche. Un'adeguata cura sul metabolismo della serotonina può permettere di guarire».

È molto importante valutare anche la storia del mal di testa e, proprio per questo, dopo la prenotazione della visita, il paziente riceve a casa un diario della cefalea, da compilare tre settimane prima della visita in modo da poter poi valutare l'evoluzione del disturbo prima e dopo la terapia.

La prenotazione della visita deve essere fatta presso il Cup, con un'attesa media di quattro settimane, tempo necessario per poter ricevere e compilare il diario clinico.
«Nel diario - conclude Federico - devono essere appuntati la descrizione del sintomo, l'intensità e la durata. Dopo la visita il paziente viene rimandato a casa con una terapia da seguire o resta in day hospital per ulteriori esami nel caso in cui siano necessari approfondimenti».

Info: 0577585858

www.ao-siena.toscana.it/notizie.htm

 

 

Salute
Corsi e consulenze

Dal 28 novembre inizierà un corso gratuito di formazione, finanziato dal Cesvot, promosso dalla Lila Toscana onlus sul tema della della salute sessuale e riproduttiva della donna.
Info: 0552479013 (dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 20). Le iscrizioni sono aperte fino al 20 novembre.

Un Centro di ascolto gratuito a Firenze, alQuartiere 4  per offrire consulenze in particolari momenti di disagio emotivo e psicologico. Lun. - ven. ore 16 alle 20 presso la sede della P.A. Humanitas Firenze,  in Via San Bartolo a Cintoia n°20.
Per informazioni e appuntamenti:  Dott. ssa Roberta Barsotti 3351527755


La prima foto a partire dall'alto è di Carola Ciotti


Notizie correlate

Quando il dolore è malattia

Intervista al dottor Donato Matera


Quando la testa "scoppia"

Non tutti i mal di testa sono uguali. Le cause, le cure