Le informazioni oltre che in etichetta sono nel libro e nel tablet

Scritto da Melania Pellegrini |    Settembre 2016    |    Pag. 15

Nata a Roma, si è laureata in Lettere moderne nel 1993. Comincia la sua attività giornalistica nel 1996 con il quotidiano on line Ultime Notizie che un anno dopo approda nelle edicole romane. Nello stesso periodo comincia a lavorare presso l’ufficio comunicazione e stampa dell’ass. di categoria Unione nazionale costruttori macchine agricole dove si occupa della rivista mensile MondoMacchina/MachineryWorld.

Nel 2001 si trasferisce a Firenze. Qui lavora come organizzatrice di congressi e eventi culturali al Convitto della Calza e comincia a scrivere per il settimanale locale Metropoli con cui collabora fino al 2011. Nel 2003 partecipa al concorso per entrare all’ipercoop di Sesto Fiorentino, passa tutte le selezioni e viene assunta come cassiera. Da questa sua esperienza lavorativa, che continua tutt’oggi, nel 2011 nasce “Diario di una cassiera”, una rubrica pubblicata sull’Informatore, la rivista mensile di Unicoop Firenze. Sempre nel 2011 scrive il volume “I nostri primi 30 anni. La sezione soci Coop di Campi Bisenzio fra impegno, solidarietà, socialità e partecipazione”. Da gennaio 2012 si occupa delle rubrica Guida alla spesa dell’Informatore.

Libro ingredienti

Prosciutto, insalata, orata, hamburger, macedonia, pecorino, schiacciata e cornetti. Ecco una lista della spesa, con prodotti presenti nei nostri banchi “serviti”. Alcuni, come l’insalata, sono mono ingredienti; altri, invece, sono lavorati e contengono più ingredienti. Per fare il formaggio ad esempio, oltre al latte, servono almeno sale e caglio; per la stagionatura del prosciutto crudo sono necessari sale e spezie.

Sapere esattamente cosa si sta acquistando è importante, soprattutto per conoscere la presenza di allergeni o di ingredienti che vogliamo evitare nella nostra dieta.

Per questi motivi, presso i punti vendita possiamo consultare il Libro degli ingredienti . Riguarda i nostri prodotti non confezionati venduti presso i reparti “serviti” di gastronomia, forneria (compresi bar, ristoro, gelateria e pasticceria), ortofrutta, pescheria e macelleria.

È un libro cartaceo diviso per reparto. Ogni prodotto è contraddistinto da un numero plu (price look up), un codice univoco che identifica sulla bilancia il prodotto che si sta acquistando presso i nostri banchi serviti, ad esempio un pezzo di schiacciata o 3 etti di prosciutto. Il plu viene richiamato sull’etichetta da banco, quella esposta vicino al prodotto dove è indicato anche il prezzo al chilo. La ricerca sul libro va effettuata tramite il numero plu.

Da qualche tempo in alcuni punti vendita un Libro ingredienti digitale affianca il libro cartaceo. È un mezzo di semplice e immediata consultazione per i nostri soci e clienti. La ricerca qui si può fare cercando il plu o scrivendo il nome del prodotto del quale si vuole conoscere la composizione degli ingredienti. Si sceglie un reparto dal menù posto in alto, si digita il nome del prodotto e poi si sceglie il prodotto specifico dalla lista che appare.

L’altezza a cui è sistemato il tablet con il libro degli ingredienti permette di consultarlo da parte di chiunque, senza problemi.

Come nel libro cartaceo anche qui si elencano gli ingredienti, e gli allergeni sono ben individuabili perché scritti in maiuscolo. Per una maggiore visibilità questi ultimi sono riportati una seconda volta, alla voce “allergeni”.

Un’altra caratteristica del libro ingredienti digitale è l’aggiornamento in tempo reale. «Attualmente – spiegano dall’Ufficio qualità – stampiamo il libro degli ingredienti periodicamente per tutti i nostri punti vendita e poi mandiamo gli eventuali aggiornamenti, da inserire di volta in volta, ai capi reparto dei punti vendita. Questo doppio passaggio può portare qualche rallentamento nella comunicazione. Il libro degli ingredienti digitalizzato permette invece di effettuare le modifiche in tempo reale, per i singoli punti vendita, direttamente dalla sede, evitando così ogni problema di gestione». Uno strumento, quindi, più preciso, funzionale e veloce.

Per dare a soci e clienti un servizio sempre più completo e utile, Unicoop Firenze sta pensando di riportare gli ingredienti e gli allergeni anche nelle etichette del prodotto pronto per la vendita.

L’etichetta completa può essere molto utile, soprattutto se si acquista per altre persone, se si vuole portare un prodotto a una festa, ad esempio la schiacciata a scuola o all’asilo, o per altre occasioni in cui è utile far conoscere gli ingredienti usati.

Un’altra possibilità su cui si sta lavorando è la stampa delle schede dei prodotti che il cliente vuole acquistare, direttamente dal libro digitale, per poterle portare via e farle consultare ai consumatori finali se ce ne fosse la necessità.


Notizie correlate

Materiali in etichetta

I materiali per gli imballaggi e la loro destinazione nella raccolta differenziata


Etichetta in evidenza

Vini in festa al super, con l'offerta di vini eccellenti


Oltre l'etichetta

Le caratteristiche dell'olio extravergine d'oliva a marchio Coop