Empoli

Dalla casa circondariale ai fornelli dello chef. E' dedicato alle ragazze del carcere di Empoli il progetto di educazione alimentare che la sezione soci Coop ha proposto al direttore della casa circondariale. Corsi per imparare a conoscere i prodotti e i loro segreti e corsi di cucina veri e propri tenuti da un esperto gastronomo. L'iniziativa è piaciuta al direttore della casa circondariale, che ha chiesto al magistrato l'autorizzazione per far uscire qualche ora dal carcere le detenute che parteciperanno al progetto. I corsi di educazione ai consumi si terranno a novembre presso il carcere di Empoli: cinque lezioni di due ore ciascuna per intraprendere un breve viaggio nei pregiudizi e negli errori alimentari, le diete e i tabù, i principi nutritivi e il modo di leggere correttamente le etichette dei prodotti. Le allieve del corso saranno anche accompagnate in un supermercato per mettere in pratica quanto avranno appreso nelle lezioni. E dopo le lezioni teoriche e la spesa guidata a gennaio inizieranno i corsi di cucina veri e propri, tenuti dallo chef Leonardo Romanelli presso il centro sociale Coop, in via Veronese. Tutto, ma proprio tutto, su come scegliere e cucinare carne, pesce, formaggi e dolci. Forse anche un augurio per un futuro migliore.