Un prodotto artigianale ottenuto dall’olio d’oliva, non inquinante

Scritto da Giulia Caruso |    Settembre 2008    |    Pag.

Giornalista Si è formata professionalmente come collaboratrice stabile della cronaca toscana de l'Unità, redazione cultura e spettacoli, dal '90 al '97, per la quale si è occupata di musica - in prevalenza rock - moda, costume e cinema. Attualmente collabora con il Corriere di Firenze per il quale è corrispondente per la cronaca locale da Empoli, e per il mensile Rockstar. Esperta di linguaggi e culture giovanili, di viaggi e turismo, è inoltre appassionata di enogastronomia.

Nasce tra gli olivi e i vigneti di Vicchio, frutto di sapienti alchimie, erede di una tradizione secolare. È un sapone artigianale, concepito pensando al buon vecchio sapone della nonna ma realizzato con un occhio al futuro e soprattutto nel pieno rispetto dell’ambiente. È il prodotto d'eccellenza della Saponeria rurale del Mugello, un’azienda giovane, anzi giovanissima (ha aperto i battenti nel 2006) e che si sta guadagnando  un posto al sole tra gli estimatori di prodotti naturali.

Il sapone artigianale del Mugello, risultato dell'esperienza di un chimico, Tiziano Panchetti e dell’arte di un maestro saponiere, Piero Calderazzo, è in vendita nei supermercati e negli ipermercati di Unicoop Firenze già dal mese di maggio di quest'anno. A settembre si presenterà al consumatore in un’accattivante pochette trasparente contenente un dispenser da mezzo litro, una ricarica da un litro e un mini asciugamano bianco in omaggio.

Ottenuto dall'olio d'oliva, è biodegradabile al 100%, non contiene metalli né tensioattivi chimici. È realizzato in una caldaia artigianale a temperatura controllata attraverso la combinazione di materie prime naturali e pregiate, con una lavorazione che prevede l'attento dosaggio di oli esclusivamente vegetali e un processo di saponificazione che rispetta ritmi e tempi delle vecchie saponerie di una volta e che mescola insieme acqua e grassi vegetali (olio di oliva e cocco) e potassa caustica. Un mix di sostanze che ha come ingrediente principe l’acido oleico, molto importante per la sua affinità allo strato lipidico cutaneo.
«Il nostro sapone è prodotto usando la stessa reazione chimica utilizzata nell'antichità, quando venivano impiegati largamente i grassi vegetali, derivati dall’olio di oliva - spiega Tiziano Panchetti -. In questo modo le eventuali molecole indesiderate si separano naturalmente al momento della saponificazione, trattenute dai polifenoli presenti. Per questo motivo il sapone così ottenuto risulta essere purificato automaticamente al momento della sua produzione, con la garanzia di una maggiore qualità».

Il risultato finale è un sapone dal delicato potere sgrassante adatto alle pelli più sensibili, grazie al fatto che a differenza della maggior parte dei detergenti di uso comune non contiene tensioattivi di sintesi, sostanze aggressive che abitualmente danneggiano le difese naturali dell’epidermide intaccando la sua pellicola idrolipidica, esponendola così all'azione dei batteri e microrganismi responsabili di fastidiose dermatiti.
Altro ingrediente che gioca un ruolo importante nella composizione del sapone del Mugello è la glicerina, che svolge un’azione ammorbidente e idratante.

L’acido oleico di cui è ricco svolge un’azione tensioattiva meno energica rispetto ai comuni detergenti, il sapone produce quindi meno schiuma ed è quindi meno inquinante rispetto ad altri saponi.

Infine, un valore sociale aggiunto: la Saponeria rurale del Mugello, nella fase di confezionamento dei suoi prodotti, si avvale della prestazione d'opera del personale messo a disposizione dalla cooperativa Archimede. Nata nel 1994, la cooperativa rivolge una particolare attenzione all'inserimento lavorativo di persone in situazione di difficoltà e alle problematiche del disagio giovanile.

In promozione nei supermercati Coop dal 18 settembre al 1° ottobre al costo di 8.75 per i non soci e 4.37 euro (50% di sconto) per i soci