Dalla drogheria all'iper
Perché i surgelati e i latticini sono posizionati alla fine del percorso di vendita, e le verdure all'inizio? Perché non troverete mai le acque minerali all'entrata dei supermercati? A queste e altre domande risponde un volumetto, appena uscito nella collana Quaderni dei consumatori (Editrice Consumatori), scritto dalla docente di marketing Stefania Gabrielli, con la prefazione dell'esperto Luca Pellegrini.

"Il negozio: istruzioni per l'uso", questo il titolo, vuole fornire al consumatore un aiuto per capire cosa sia la distribuzione, dove nasce e cosa rappresenta oggi. Un percorso guidato attraverso l'evoluzione del negozio, da "C'era una volta la drogheria" al moderno ipermercato, dal tedesco discount all'inglese superstore, fino all'avveniristico negozio on line. L'autrice ci conduce direttamente dentro un punto vendita, a fare un giro per il negozio, per vedere come gli spazi vengono organizzati, spiegandoci il perché le merci sono dove sono. A proposito, ecco perché l'acqua sta sempre in fondo: altrimenti i consumatori riempiono subito il carrello, e poi non hanno posto per fare altri acquisti!

Per averlo: viene spedito a domicilio dietro versamento di 5 € sul conto corrente postale n. 27655406 intestato a Editrice Consumatori - Bologna. La ricevuta può essere inviata per fax (0516316908 ) o per posta (via Aldo Moro 16, Bologna) con il proprio indirizzo ben evidente. Per informazioni: tel. 0516316911.