Numerose le specie che aiutano a pulire l’aria di casa. I consigli dell’esperta

Scritto da Càrola Ciotti |    Gennaio 2017    |    Pag. 42, 43

Fotografa. Collabora dal 1994 con l'Informatore, soprattutto realizzando immagini, ma ultimamente anche scrivendo testi. Ha iniziato a fotografare nel 1979 dedicandosi da subito allo sviluppo e alla stampa delle proprie immagini in bianco e nero. Nel 1987, dopo alcuni anni di collaborazione con professionisti, apre un proprio studio. Portata alla ritrattistica e alla moda, non trascura il reportage e la fotografia naturalistica. In varie esposizioni ha presentato il frutto di una ricerca sul corpo e sul volto femminile.
Ha partecipato come fotografa ufficiale al festival "France Cinéma". Sue fotografie sono apparse su libri, cataloghi e riviste.

piante

Foto F. Magonio

Piante da appartamento

Accogliere in casa alcuni tipi di piante ci aiuterà a rendere più piacevoli e belli i nostri appartamenti, ma anche a pulirli da alcuni inquinanti domestici - spesso annidati e nascosti dove meno immaginiamo -, proprio grazie alla facoltà di alcune specie di assorbirli e neutralizzarli.

Per aiutarci a individuare quali sono le piante più adatte allo scopo, quali necessità hanno e come valorizzarle in casa nostra, abbiamo intervistato Donella Bulleri, fioraia esperta e appassionata.


Per non restare delusi

«Prima di tutto - dichiara Donella - è bene sapere che le specie che ospitiamo in casa o in ufficio provengono da foreste e boschi, dove vivono allo stato selvatico. Perché si adattino a un ambiente “artificiale”, sono state modificate e trattate attraverso processi produttivi tipici del vivaismo. Quindi, perché vivano bene in casa nostra, dobbiamo creare condizioni consone al loro sviluppo e alla loro salute, garantendogli così una lunga vita».

Quando scegliamo una pianta, dobbiamo valutare molti aspetti per non rimanere delusi. Inutile farsi affascinare da un grande esemplare, se non abbiamo spazio sufficiente a ospitarlo, o innamorarsi di un’orchidea - che richiede buone doti di giardinaggio e cure costanti - se non abbiamo un pollice più che verde e il tempo minimo necessario per accudirla.

Foto F. Magonio


Felci delicate

«Ci sono specie molto comuni e belle, come le felci, che però non sono facilissime da mantenere - sottolinea la nostra fioraia -. Sono decorative, ma delicate. Hanno bisogno di un ambiente piuttosto luminoso, ma al riparo dai raggi diretti del sole. Nel periodo invernale, per esempio, soffrono il riscaldamento domestico e bisogna umidificare l’ambiente e mantenere sempre umido il terreno, stando attenti a non eccedere con le irrigazioni, specie se fa molto freddo. Sarà utile, per aiutare la felce a superare l’inverno, vaporizzarne spesso le foglie con acqua piovana o distillata, ponendo il vaso su una terrina con ciottolini, mantenuti sempre bagnati».

Questi ultimi accorgimenti sono utili per tutte le specie da appartamento. Usare i concimi idonei e con scadenze regolari (in genere ogni dieci-quindici giorni in primavera ed estate e una volta al mese nelle stagioni buie) è un’operazione cui dobbiamo abituarci: nel caso delle piante da appartamento, non si tratta neanche di fare grandi sforzi, poiché un comune nutrimento per piante verdi è valido sostegno per la maggioranza delle specie in commercio.

Ci dobbiamo occupare anche di rimuovere la polvere che si accumula sulle foglie. Evitiamo di usare spray che possono essere dannosi per noi e l’ambiente; va benissimo un panno - ideali quelli in microfibra - ben inumidito, meglio se con acqua distillata; se poi vogliamo un effetto lucido, del cotone imbevuto di latte dà un ottimo effetto.


Posti strategici

«Bisogna anche decidere il posto adatto in cui collocare le piante; la luce è elemento essenziale - spiega Donella -: quindi scegliamo una stanza dove ci sia una buona illuminazione per diverse ore al giorno, evitando le camere da letto. Utile e consigliato, invece, collocarne una vicino al computer, scegliendo per esempio una Tillandsia cyanea, che produce un unico fiore rosa, dalla forma bizzarra, da cui nascono piccoli boccioli lilla; o una comunissima Pothos, piantina ricadente adatta quindi anche a essere appesa in un cesto, anch’essa spazzina dell’aria domestica. Una specie depurativa meno nota, ma originale e decorativa è l’Areca palmata, che proviene dal Madagascar. È una piccola palma molto elegante, con foglie simili alla grande e più famosa Kentia, specie questa che necessita però di spazi piuttosto ampi».

In genere, tutte le palme si adattano alla vita in appartamento e assorbono bene le sostanze nocive: ricordiamo la Dracena marginata col suo tronco fine e slanciato che presenta, secondo le varietà, diverse sfumature colorate sui margini delle sue lunghe, eleganti foglie. La Dracena ha bisogno di luce diffusa e del rinvaso a primavera.

L’ideale sarebbe, per sfruttare al meglio gli spazi degli appartamenti moderni, riunire nello stesso punto più esemplari, anche di piccole dimensioni e preferibilmente di specie che crescano lentamente. Un gruppo di piantine crea un microclima nella stanza che aiuta il loro benessere e regala un effetto decorativo più spiccato, rispetto al singolo esemplare isolato.


Anche in bagno

«La stanza da bagno è un luogo molto adatto per ospitare piante da interno - suggerisce Donella -. Qualche idea? Scegliete una mensolina o un tavolino basso e ornateli con una Fittonia, sempreverde dalle foglie venate di bianco o rosa; un’Ederina, magari variegata, ricadendo darà movimento alla composizione; una Kalanchoe porta fiorellini graziosi dai tanti colori. E, perché no, anche una piccola Begonia, così da ampliare la presenza di fiori nel gruppo».

Ultimo consiglio della nostra fioraia; per completare l’effetto estetico, valutare l’acquisto dei porta vaso: si trovano ovunque, di ogni foggia, materiale e colore e sono un complemento essenziale all’allestimento di una zona verde. Sceglieteli in armonia con i colori della stanza e lo stile dell’arredamento. L’effetto sarà grandioso.


L’intervistata

Donella Bulleri

Ikebana, Poggibonsi (Si)

0577934793


Giardinaggio

Potatura in corso

Ecco i corsi di giardinaggio della Società toscana di orticultura, con lo sconto del 10% per i soci Coop.

Potatura olivi: dedicato a chi vuole apprendere o perfezionare la conoscenza sulle tecniche di potatura dell’olivo; dal 13 gennaio, per 4 giornate (venerdì e sabato) da 6 ore, divise in due di teoria a Villa Bardini (costa San Giorgio 2, Firenze) e due di pratica presso Osteria Nuova (piazza Fratelli Rosselli, Bagno a Ripoli - Firenze); quota di partecipazione 200 euro.

Potatura e innesto alberi da frutto: dal 27 gennaio, per 4 giornate (venerdì e sabato) da 6 ore, divise in due di teoria a Villa Bardini (costa San Giorgio 2, Firenze) e due di pratica presso Casa Elios (viale Pieraccini, Careggi – Firenze); quota di partecipazione 200 euro.

Corso base di giardinaggio: dal 4 febbraio, il sabato mattina dalle 9.30 alle 12.30; 18 lezioni per affrontare il tema del giardino con un approccio pratico in compagnia di professionisti del settore. A Villa Bardini (costa San Giorgio 2, Firenze); quota di partecipazione per modulo.

Info: corsi@societatoscanaorticultura.it – Tel. 05520066237


Notizie correlate

dizionario piante

Le piante dicono

Storie e segreti delle piante in un grande dizionario


giardino giapponese

Rinnovare il giardino

Tante le variabili per scegliere le piante e la loro giusta disposizione