Curiosità, tradizioni e oltre 300 ricette. A marzo in tutti i punti di vendita della cooperativa, con il 40% di sconto

Un grande realizzatore di banchetti e il suo braccio destro, nonché moglie, raccontano in questo libro tutta la tradizione culinaria toscana: come le ricette siano nate, quali origini abbiano avuto i loro nomi, come si siano sviluppate nei secoli e quali aneddoti e curiosità vi siano legati.

«Di libri di cucina – spiegano Mauro Montanelli e Licia Lari, autori del volume – ce ne sono tanti ed un altro potrebbe essere inutile. Ma in questo, che non vuol essere un libro di ricette o, perlomeno, non solo, sono ricostruiti davvero tutti i modi e i fatti divertenti avvenuti nella Toscana antica intorno al “mangiare”, permettendo di conoscere anche le personalità di quelli che mangiavano e, con loro, le stesse civiltà del passato. Non un libro sulla storia del cibo quindi, ma piuttosto “sulle storie del cibo”».

Dopo aver ripercorso il modo di cucinare e di stare a tavola – naturalmente anche attraverso le ricette – dei primi abitanti dell’Etruria, della Toscana romana, medievale e rinascimentale, gli autori dedicano un’ampia sezione alla tradizione e alla cucina delle nostre nonne, dal brodo “del parto” alla minestra di centopelle, dalla lepre in dolceforte alla trippa castellana, dalle ciliegie cotte nel vino ai cavallucci e ai berriquocoli.

Arricchito e reso agevole da indici analitici e per epoca, il libro si avvale di un apparato di illustrazioni tratte da ricettari antichi e raccoglie, in tutto, oltre 300 ricette, rievocando in modo esaustivo la tradizione gastronomica toscana.

Licia Lari e Mauro Montanelli, Cucina del cuore della Toscana, edizioni Sarnus, pp. 280, 14 euro, per i soci 8,40