Due “tappe” in più rispetto lo scorso anno: la via “salaiola” che porta a Volterra e a Pistoia, un tratto del Cammino che portava a Santiago

Scritto da Francesco Giannoni |    Marzo 2016    |    Pag. 29

Fiorentino da una vita, anche se con sangue maremmano e lombardo, laureato in lettere, è sposato con due figli. Si occupa di editoria dal 1991, prima come dipendente di una nota casa editrice della sua città, ora come fotografo e articolista free-lance. Collabora a riviste quali Informatore, Toscana Oggi, Calabria7, e a importanti case editrici.

Volterra - Foto F. Giannoni

Via Francigena

Dopo gli ottimi risultati dell’anno scorso, riprendono le visite lungo la via Francigena. Saranno 8 le “mosse”: inizieremo sabato 5 marzo per proseguire nei sabati 12 e 19 marzo, 2, 9, 16, 23 e 30 aprile, 7, 14, 21 e 28 maggio. Ogni sabato si svolgeranno tutte e otto le visite guidate, senza un ordine cronologico o geografico da rispettare.

Il prezzo per ogni giornata sarà di 48 euro per i soci Coop e di 200 per i non soci. Di seguito la descrizione delle due novità di quest’anno e brevi note per richiamare alla memoria le altre sei già conosciute.

Due badie e una città

Davvero interessanti la Badia a Pozzeveri, presso Altopascio, e la Badia a Pacciana, vicino a Pistoia.

Il ritrovo sarà alle ore 8 al parco Aldo Moro di Altopascio dove incontreremo la guida; ci trasferiremo in bus al Turchetto, per proseguire a piedi fino all’area archeologica dell’antico cimitero di Badia Pozzeveri, utilizzato dall’XI al XIX secolo.

Raggiungeremo la sala del volontariato di Badia a Pozzeveri, dove gli archeologi dell’Università di Pisa illustreranno i dati scientifici ricavati dallo studio degli scheletri e dei resti delle tombe medievali.

In bus arriveremo a Badia a Pacciana (Pistoia), dove a cura dei volontari del comitato della Festa storica, consumeremo il pranzo a buffet con prodotti forniti da Unicoop Firenze. Nel chiostro della Badia, gli armigeri dell’associazione Antichi popoli metteranno in scena un duello medievale.

Termineremo la giornata a Pistoia visitando la Cattedrale di San Zeno con l’altare d’argento di San Jacopo, l’Archivio Capitolare, e ammirando il Fregio robbiano dello Spedale del Ceppo.

Lucca - Fotografia di Francesco Giannoni

Le vie del sale

Il ritrovo sarà alle 8 a Poggibonsi Sud–Salceto nel parcheggio vicino alla Coop, accanto alla filiale del Monte dei Paschi. Dopo il trasferimento in bus a Volterra, con la guida visiteremo il centro storico: piazza dei Priori, Duomo, Battistero, San Francesco, Oratorio di Sant’Antonio Abate.

Seguirà una visita all’Archivio diocesano accompagnati dall’archivista. Durante il pranzo a buffet, a cura della Misericordia, gusteremo prodotti forniti dalla Coop.

Nel pomeriggio, in autobus, arriveremo a Gambassi Terme per un momento di relax alle terme della via Francigena: sauna, cascata di ghiaccio, bagno turco, piscina termale (i partecipanti dovranno arrivare muniti di costume da bagno, accappatoio e ciabattine). Quindi escursione in bus e a piedi ai Bollori, sorgente ipotermale sul greto del torrente Casciani: da un pozzo fuoriescono un getto di gas e acqua tiepida.

Lucca - Fotografia di Francesco Giannoni

Le altre “mosse”

  • Lucca. Un programma ricco e vario. Ritrovo alle 8.30 in piazza Caduti del Lavoro (nota ai lucchesi come parcheggio degli ex Macelli).
  • Da Altopascio a Fucecchio. Una giornata all’insegna di storia, arte e natura; navigheremo sui barchini nel suggestivo padule di Fucecchio.
  • Archeologia, letteratura e pittura. Inizieremo col sito archeologico di San Genesio; proseguiremo nella medievale San Miniato al Tedesco, per giungere a Certaldo, patria del Boccaccio, di cui saranno lette alcune novelle, e a Chianni (con la bellissima Pieve di Santa Maria). A Castelfiorentino il museo BeGo offrirà i capolavori di Benozzo Gozzoli.
  • Tuffo nel Medioevo. San Gimignano e i suoi tesori, Badia a Coneo (presso Colle di Val d’Elsa) e le musiche e i canti dei pellegrinaggi; Poggio Bonizio (Poggibonsi) e qualche ora di vita quotidiana nell’abitazione del signore carolingio.
  • Arte e falconeria. Dalla cerchia muraria di Monteriggioni alla rocca di Staggia, con esibizione dei falconieri.
  • Solo Siena. Un’intera giornata fra le bellezze della città del Palio. Rivivremo anche le sensazioni provate dai pellegrini all’arrivo nello Spedale di Santa Maria della Scala. Pranzo medievale.