Nuovi strumenti per la tutela dei consumatori

Da oggetti a protagonisti
Da un anno e mezzo una legge nazionale tutela i loro diritti, e quelli delle associazioni che li rappresentano. Ma in questo nuovo millennio, che è appena iniziato, i consumatori potranno diventare ancora più protagonisti della nostra società. La normativa ha reso legittimi gli interventi delle associazioni per inibire atti e comportamenti che vanno contro gli interessi dei consumatori utenti; con la stessa legge è stato istituito il Consiglio nazionale dei consumatori. Inoltre la riforma delle Camere di commercio prevede, per la prima volta, che nei consigli di gestione siano presenti le associazioni dei consumatori. La Toscana non è da meno: la Regione ha approvato una nuova legge che recepisce la normativa comunitaria e statale e nel dicembre scorso le associazioni aderenti al Comitato regionale hanno costituito un Centro tecnico del consumo, per dare importanza, e un supporto concreto, alla voce dei consumatori.
Di questo impegno dobbiamo rendere atto alla Giunta regionale, così come alcune amministrazioni comunali, vedi Firenze, sono particolarmente sensibili alla tutela dei diritti dei consumatori, collaborando attivamente con le associazioni che li rappresentano.
Anche a livello nazionale vi è una crescente sensibilità, tant'è che la nuova legge Finanziaria prevede per il triennio 2000/2002 un piccolo ma significativo finanziamento pubblico.
La Federconsumatori regionale toscana, che dallo scorso febbraio ho l'onore di dirigere, è l'associazione più radicata sul territorio: 15 sportelli, 35 legali che collaborano assiduamente, commercialisti, architetti, medici, esperti assicurativi e bancari che settimanalmente forniscono consulenze alle migliaia di consumatori e utenti che si rivolgono all'associazione. Gli obiettivi su cui lavoriamo sono molteplici: rafforzare l'organizzazione, qualificare i servizi, aprire nuovi sportelli ma soprattutto dar vita ad una grande associazione di consumatori e utenti, capace di dare risposte ai cittadini e di diventare un punto di riferimento per le istituzioni pubbliche e per le controparti. Per questo, a livello nazionale, sta andando avanti un progetto di aggregazione tra più soggetti (Federconsumatori, Sunia, Apu) che potrebbe essere la vera novità, il nuovo soggetto con tutte le potenzialità per diventare protagonista nella vita democratica del nostro paese.