Indagine della ASL fiorentina sull'utilizzo delle cinture di sicurezza

L'utilizzo sistematico dei dispositivi di sicurezza in auto diminuisce sensibilmente la gravità dei danni alla persona conseguenti a incidenti stradali. Per sapere quanti a Firenze li utilizzano, il dipartimento di prevenzione della Asl 10 e il dipartimento di sanità pubblica dell'Università di Firenze hanno deciso di effettuare delle rilevazioni.

Nel dicembre 2003 e nel giugno 2004 sono state effettuate due campagne di rilevazione sull'utilizzo delle cinture di sicurezza da parte di conducenti e passeggeri di varie tipologie di veicoli in quattro punti di rilevazione, con caratteristiche di viabilità diverse (centro città, via a grande scorrimento, via prossima a centro commerciale).
Durante la campagna del dicembre 2003 sono stati presi in esame 6789 veicoli, occupati da 8803 soggetti; solo il 57,6% aveva la cintura di sicurezza allacciata. La percentuale d'uso è risultata pari al 60% nei guidatori, ma scende al 49,6% nei passeggeri (in particolare al 54,4% nei passeggeri anteriori e al 22,4% nei passeggeri posteriori). La percentuale scende al 42,4% nei conducenti di auto aziendali.
Nella campagna del giugno 2004 sono stati presi in esame 9387 veicoli, occupati da 12.288 soggetti, il 70,6% dei quali aveva la cintura di sicurezza allacciata. La percentuale d'uso è risultata pari al 72,9% nei guidatori e del 72% nei passeggeri anteriori mentre scende al 21,3% tra i passeggeri posteriori. La percentuale scende al 37,8% nei conducenti di veicoli privati aziendali e al 48,5% per i conducenti di veicoli pubblici.

In conclusione lo studio condotto ha evidenziato che l'utilizzo della cintura di sicurezza in auto non è ancora così diffuso, anche se la prevalenza di utilizzo è risultata nettamente aumentata tra la prima e la seconda rilevazione, passando dal 57,6% al 70,6%.