Il nido di una coppia di cicogne su un traliccio

Scritto da Andrea Marchetti |    Maggio 2014    |    Pag.

Dopo gli studi giuridici, si è occupato di ambiente ed energie rinnovabili: scrive per www.greenme.it, www.greenews.info e per alcune riviste del Gruppo Tecniche Nuove S.p.A. Collabora, inoltre, con la redazione di Pontedera (Pisa) de La Nazione e, dal 2010, con l'Informatore. Ha frequentato il Master in "Scrittura e Storytelling" della Scuola Holden di Alessandro Baricco e oltre a scrivere per i giornali si cimenta come sceneggiatore per cinema e fumetti.      

A Prato è tornata la cicogna, un animale da sempre considerato beneaugurante e portatore di fecondità. Da ormai quattro anni, infatti, una coppia di cicogne ha scelto di stabilirsi nei pressi di Prato, nella zona del Lago Ombrone, e ha costruito il proprio nido su un traliccio dell’alta tensione.

L’ultima volta che a Prato è stata documentata la presenza della cicogna risale a circa 300 anni fa. Si tratta di un evento molto importante per il territorio, anche perché la coppia di cicogne lo scorso anno ha avuto 4 pulcini.

«Segno - dice Saverio Tozzi, presidente dell’Associazione volontari del Centro di scienze naturali di Prato - che sono migliorate le condizioni ambientali delle zone umide della nostra pianura: le cicogne, infatti, si stabiliscono dove trovano sicurezza e cibo, specie nel periodo dello svezzamento».

«Vogliamo sensibilizzare le persone - continua Tozzi - sull’importanza di avere di nuovo le cicogne a Prato. Abbiamo installato una web cam a debita distanza che riprenderà il nido fino ad agosto. Le immagini in tempo reale saranno visibili sul sito www.volontaricsn.it.

Con Terna, proprietaria del traliccio su cui le cicogne hanno fatto il nido, abbiamo ideato un concorso fotografico, la cui premiazione si svolgerà a settembre, diviso in due sezioni: una “Il nido di cicogna”, premierà la foto più bella sul nido di Prato. L’altra, “Tralicci e biodiversità”, è allargata a tutta la Toscana e premierà la foto che meglio documenta il modo in cui gli animali si sono adattati a tralicci e strutture metalliche, usandoli come rifugio e luogo di riproduzione.

Inoltre, grazie alla sensibilità sui temi della salvaguardia ambientale e della biodiversità dimostrata da Unicoop Firenze e, in particolare, dalla sezione soci di Prato, per il 24 maggio (nell’ambito della “Giornata dei Parchi”) è stato possibile organizzare “Un pomeriggio con la cicogna”, evento riservato ai soci Coop che prevede l’osservazione del nido, senza disturbare le cicogne, e un’escursione nella zona del Lago Ombrone, riqualificata grazie ai fondi europei del progetto “Life”. Qui nidificano anche specie palustri come il Cavaliere d’Italia e, a metà marzo, abbiamo assistito al passaggio di 60 bellissimi fenicotteri».

«In una città industriale come Prato - dice Fiorella Astori, presidente della sezione soci Coop di Prato -, il ritorno delle cicogne è un vero successo. Per questo abbiamo aderito di buon grado alla proposta dei volontari del Centro di scienze naturali, che ci mettono tanta passione e non hanno scopo di lucro. A Prato si parla sempre e solo dei capannoni e della realtà industriale.

È bene, quindi, porre l’attenzione su un evento come il ritorno delle cicogne, che è una felice eccezione. Ci è piaciuta, poi, la possibilità di sensibilizzare bambini e ragazzi. Speriamo che i nidi si moltiplichino e che sempre più cicogne tornino a Prato. Come soci Coop, vogliamo divulgare il più possibile la necessità dell’attenzione all’ambiente».

L’appuntamento è dunque per il 24 maggio, alle ore 15, presso la saletta soci del Parco Prato di via delle Pleiadi. Enrico Zarri parlerà della cicogna bianca e della sua presenza in Toscana. Quindi è previsto lo spostamento in bus nella zona in cui le cicogne nidificano, dove sarà allestito un punto di osservazione con cannocchiali e telescopi.

Sarà possibile poi visitare la zona del Lago Ombrone con il personale del Servizio aree protette della Provincia di Prato. Il rientro al Parco Prato è previsto per le 18.30.

La prenotazione per i soci è obbligatoria con il costo di 3 euro e può essere fatta presso Agenzia c.t.c. del Parco*Prato via delle Pleiadi (057442215).
Il ricavato sarà devoluto alla Fondazione Il Cuore si scioglie.

Un pomeriggio con la cicogna il 24 maggio evento riservato ai soci Coop

Gli intervistati:

  • Saverio Tozzi, presidente dell’Associazione volontari del Centro di scienze naturali di Prato
  • Fiorella Astori, presidente della sezione soci Coop di Prato

 Nel sito http://www.volontaricsn.it si possono vedere le immagini in diretta della cicogna

Foto di F. Marmugi