I rimedi contro questo diffuso inestetismo, dalla dieta ai prodotti per bocca o da spalmare sulla pelle

Scritto da Cristina Ceccarelli |    Aprile 2004    |    Pag.

Farmacista Fiorentina, classe 1974. Laureata in Farmacia presso l'Università di Firenze nel 2000, nel 2003 ha conseguito la specializzazione in Farmacia ospedaliera. Ha lavorato presso farmacie private per circa due anni, e attualmente ha un rapporto di collaborazione con la ASL 10 Firenze. Collabora da circa due anni con L'Informatore, coniugando la passione per la scrittura con l'informazione sanitaria, con uno stile semplice e diretto, acquisito dal costante rapporto che un farmacista ha con il pubblico.

Cellule con la buccia
La cellulite è un inestetismo
definito scientificamente come "pannicolopatia-edemato-fibro-sclerotica", questo significa che l'antiestetico aspetto a "buccia d'arancia" assunto dalla pelle è causato da un'alterazione locale del tessuto che si trova sopra la fascia muscolare, nel quale si verificano problemi circolatori, ristagno e rigonfiamento delle cellule adipose (quelle che contengono goccioline di grasso).
E' bene chiarire che la cellulite può presentarsi sia in soggetti magri che in persone un po' più rotonde (anche se essere normopeso aiuta!) in quanto la sua formazione è dovuta principalmente all'azione di ormoni femminili (gli estrogeni) che favoriscono la ritenzione di liquidi e il naturale deposito di tessuto adiposo su cosce, fianchi e glutei: le donne quindi, per loro natura, sono più esposte al fenomeno, tuttavia concorrono alla formazione della cellulite anche familiarità, vita sedentaria, alimentazione disordinata e scorretta, fumo, alcool e l'abitudine di indossare tacchi alti e abiti molto stretti (si pensi ai jeans aderenti), che comprimono troppo e causano il ristagno di liquidi.

Che fare? Una sana alimentazione ed un buon esercizio fisico sono indispensabili.
E' bene quindi incrementare frutta, verdura, fibre, bere tanta acqua, ridurre l'apporto di sale e dedicarsi con costanza ad una attività fisica di tipo aerobico, che permetta al muscolo di lavorare in piena ossigenazione con sforzi di bassa intensità, ma di lunga durata: nuoto, bicicletta e corsa in piano a ritmi lenti ma costanti, camminata svelta, possono andar bene.
Per chi ha tempo e denaro una valida soluzione possono essere i massaggi effettuati da mani esperte, il mercato ci offre inoltre molti prodotti che vantano efficacia contro gli inestetismi della cellulite, principalmente capsule o flaconcini da prendere per bocca, oppure creme, spume e gel da applicare localmente nelle zone colpite. Ecco come funzionano.

Prodotti da assumere per bocca: contengono in genere estratti di piante che aiutano a drenare e migliorare la circolazione ( tarassaco, centella, pilosella, betulla, ribes, rusco, gingko biloba, ippocastano, gambo d'ananas ), quindi a ridurre il ristagno di liquidi e riattivare la corretta irrorazione sanguigna alle cellule. Talvolta contengono sostanze che servono a favorire il dimagrimento ( fucus ed altri estratti di alghe ).

Gel, creme e spume: sono prodotti da applicare con un bel massaggio sulla zona interessata. Il massaggio aiuta a far penetrare il prodotto ed ha esso stesso un effetto benefico sulla circolazione locale. Contengono le medesime sostanze favorenti il drenaggio presenti nelle preparazioni per bocca, e in molti casi anche sostanze capaci di attivare il metabolismo delle cellule, per far sì che brucino di più ( caffeina, escina, estratti di alghe ).

Per avere risultati evidenti entrambi gli approcci non possono essere scissi dalla dieta e dall'esercizio fisico, e soprattutto prima di iniziare una terapia di supporto con questi prodotti è bene considerare:
• richiedono tempo e costanza : a seconda dei prodotti utilizzati servono dalle 4 alle 6 settimane per vedere i primi reali risultati
• valutare il costo, soprattutto se l'uso deve protrarsi nel tempo: per una crema (150 - 200 ml) delle linee acquistabili in farmacia si spende fra i 17 ed i 30 euro, 20 fiale ad azione urto costano intorno ai 40 euro. I prodotti della grande distribuzione hanno costi inferiori.
• attenzione ai componenti : chi ha problemi cardiaci, di fegato, di tiroide, circolatori, assume costantemente farmaci, deve consultare il medico specificando il tipo di prodotto che desidererebbe utilizzare. L'uso in gravidanza è sconsigliato.

Nell'acquisto di preparati per bocca affidarsi sempre a case produttrici conosciute ed affidabili: una buona, ed economica alternativa per chi avesse problemi con alcuni dei componenti, può essere l'uso di preparati a base di un singolo estratto fitoterapico.