Come interpretare i codici sui pneumatici

Scritto da Silvia Gigli |    Gennaio 1998    |    Pag.

Giornalista E' nata e vive a Firenze ma è per metà senese. Ha iniziato a frequentare il mondo del giornalismo giovanissima, collaborando con quotidiani come La Città, Paese Sera e numerosi mensili toscani. Ha lavorato al quotidiano Mattina, allegato toscano dell'Unità, fino al '99, poi al Corriere di Firenze, infine caposervizio delle pagine dell'Unità in Toscana. Scrive sull'Informatore dal 1990.

Notoriamente, la catena da neve è vista come un oggetto strano, di difficile utilizzo, una specie di strumento di tortura con cui trascorrere lunghi pomeriggi immersi nella neve fino alle ginocchia. Casi estremi che potevano capitare qualche anno fa. Adesso le nuove generazioni di catene da neve si chiamano non a caso "No problem" e, nelle intenzioni delle case produttrici, dovrebbero risolvere all'istante qualsiasi problema di utilizzo anche da parte dell'automobilista più imbranato. «Nella rete dei supermercati Coop abbiamo deciso di inserire un solo tipo di catena da neve, ovvero quelle 'Zip No Problem' ad aggancio facile - spiega Paolo Volpi, dell'ufficio vendite settore extralimentari di Unicoop Firenze -. E' una scelta che viene incontro alle esigenze del consumatore che cerca oggetti semplici da montare e, possibilmente, anche non eccessivamente costosi». Nei supermercati extralimentari Unicoop di Poggibonsi, Borgo San Lorenzo, Figline Valdarno, Castelfiorentino, Pistoia, Prato, Sesto Fiorentino, Scandicci, Empoli, Fucecchio e Sansepolcro, si possono trovare le catene da neve ad aggancio facile nelle misure base, il cui costo varia dalle 69 mila alle 89 mila lire. Ad ogni misura corrisponde un tipo di autovettura o, più precisamente, un tipo di pneumatico. Sì, perché non è detto che un modello di catena consigliato per una certa marca di auto poi le vada a pennello se nel frattempo le gomme sono state cambiate e sono più grandi o più piccole di quelle originali.
A soccorrere l'automobilista di solito ci sono le etichette applicate al prodotto. Ma per modelli di auto vecchi, oppure quando si vuole sapere se le catene acquistate anni prima per un'auto possono andar bene per una nuova, allora non c'è altro verso che leggere ed interpretare gli strani numeri che le case produttrici sono solite stampare sulle ruote delle nostre auto. Oltre al marchio commerciale, ovvero al nome della ditta che fabbrica le gomme in questione, sulla superficie laterale del pneumatico si possono leggere alcune sigle. I codici per sapere se le catene vanno bene per i nostri pneumatici, sono quelli relativi alla larghezza e al diametro.
Facciamo l'esempio di una sigla come questa: 165 SR 13 82S Tubeless. Il primo numero, 165, indica la larghezza nominale del pneumatico, cioè la distanza in millimetri tra i fianchi della ruota. Se questo viene accompagnato da un /70 significa che il pneumatico è un ribassato e se c'è un /60 vuol dire che è un super ribassato. S è il codice di velocità, cioè la velocità massima ammessa per il pneumatico: S, per esempio, equivale a 180 chilometri orari. R vuol dire che il pneumatico è a struttura radiale. 13 è il diametro di calettamento misurato in pollici (si ricorda che un pollice corrisponde a 25.4 millimetri), 82 è il carico massimo sopportabile dal pneumatico montato sul cerchio. L'altra S è un altro codice di velocità, mentre Tubeless significa che il copertone può essere montato senza camera d'aria sui cerchioni. La scritta "Tube type" significa invece che il pneumatico deve essere montato soltanto con la camera d'aria.
Prima di partire per i picchi innevati, leggete le sigle dei vostri pneumatici. Forse trovare la catena da neve che fa per voi sarà davvero un gioco da ragazzi.