L’esplosione della primavera festeggiata con canti e fiori

Scritto da Valentina Vespi |    Maggio 2018    |    Pag. 13

Maggiolata lucignanese

Maggiolata lucignanese - Foto D. Neri

Tradizioni

I canti che celebrano l’arrivo del maggio in Toscana hanno radici antichissime. Non si hanno notizie certe, ma probabilmente risalgono al medioevo. Dalla fine del 1800 si hanno testimonianze sia scritte che orali di vecchi “maggiaioli” e della loro arte nel Mugello. E proprio a Barberino di Mugello ogni anno si celebra con numerose iniziative l’arrivo del mese che preannuncia l’estate. Quest’anno si festeggia dal 10 al 13 maggio quando nella giornata di domenica alcuni gruppi provenienti da diverse località della provincia si avvicenderanno nelle strade di Barberino con i loro stornelli. Ma l’attività del gruppo dei maggiaioli di Barberino comincia già l’ultimo giorno d’aprile con una serata di canti nel Val di Bisenzio. Il “cantà maggio” è espressione di una tradizione contadina molto sentita. Il gruppo dei maggiaioli partiva a piedi l’ultimo giorno di aprile e bussava a ogni casolare per cantare l’arrivo del maggio: si auspicava così un buon raccolto e rapporti di pace e armonia fra le persone. E sono proprio questi i temi dei canti, degli stornelli e della simbologia che accompagnava il canto dei maggiaioli.

In passato, e ancora oggi, portavano con sé un alberello sui cui rami venivano legati una pannocchia di granoturco, un mazzolino di fiori e un ramo di ulivo. Il canto dei maggiaioli spesso, se non sempre, veniva accolto con gioia dalle famiglie e nell’aia cominciava una vera e propria festa, al termine della quale la famiglia ospitante donava ai maggiaioli cibo, caciotte o vino - oggi è più frequente un’offerta in denaro -, e veniva salutata da uno stornello di ringraziamento da parte del gruppo di cantori. Alla fine degli anni ’50, con l’abbandono delle campagne da parte dei contadini, che preferivano andare a vivere nelle città e lavorare nelle industrie, il rito del “cantà maggio” fu abbandonato e anche Barberino non festeggiò più l’evento. Nel 1967 la tradizione riprese vita, a Barberino ma anche nella valle del Bisenzio, ancora popolata da contadini, e diventò una manifestazione che riempie soprattutto piazze e strade di paese. Negli anni la tradizione si è rafforzata, ha coinvolto le giovani generazioni, ha subìto interruzioni ma oggi è una festa che coinvolge tutta la città; il “cantà maggio” è accompagnato dai giochi del Palio, stand gastronomici e novità per tutte le età. Grande merito va a un gruppo di giovani barberinesi che dal 2005 organizzano l’evento nel Mugello e hanno ridato nuova vita ad una festa che vede sempre una grande partecipazione di pubblico ed è vissuta come un importante momento di aggregazione e socialità.

Altra località, altra festa. In un battito d’ali siamo a Lucignano, in provincia di Arezzo. Qui si festeggia domenica 20 e 27 maggio, e in notturna martedì 22 maggio. Protagonisti sono i fiori: in un tripudio di colori e profumi, si svolgono i cortei e le sfilate dei carri allegorici. Anche la maggiolata lucignanese affonda le sue origini nella tradizione popolare che celebra la primavera, con tutto quello che si porta dietro: l’esplosione della natura, i futuri raccolti, le giornate più lunghe e soleggiate.

Se si parla di fiori, ecco “Casole fiorita e il senso dei fiori per le api”, in programma il 5 e 6 maggio a Casole d’Elsa, quando nel paese in provincia di Siena arrivano vivaisti, apicoltori e artigiani da tutta la Toscana. Fra fiori, piante da frutto e per l’orto, barattoli di miele, la primavera si fa sentire con tutti i suoi profumi e colori. Durante la manifestazione vengono organizzati anche concerti e laboratori didattici per i bambini.

“Da lontano siam venuti e guidati dalle stelle vi portiam tanti saluti e tante altre cose belle...” “E così siamo giunti a oggi... c’è chi ci ha lasciato, chi si è aggiunto; […] ma soprattutto c’è tanta, tanta voglia di cantare, divertirsi, di portare il Maggio, insomma, nelle case e nelle piazze. E se non ve lo portiamo noi Maggiaioli, chi ve lo porta?”

www.cantamaggiobarberino.it

Facebook Comitato Cantà Maggio

http://maggiolatalucignanese.it/

 

 

Video

"La festa dei Fiori", a Lucignano va in scena la Maggiolata


Notizie correlate

fiori maggio

Mese della Madre Terra

Fiori e uccelli, stornelli e infiorate, un periodo dell’anno da vivere all'aperto

Video

Tulipani

Fiori a primavera

I lavori del mese di marzo in giardino e sul terrazzo