Uno sportello per promuovere un turismo responsabile. Per i giovani opportunità di volontariato e nei campi di lavoro

Il turismo è oggi la prima industria del pianeta, capace di muovere ogni anno non solo milioni di persone, ma anche ingenti capitali. Peccato che a guadagnarci siano sempre i Paesi ricchi, mentre a farne le spese, a livello ambientale e culturale, siano per lo più i Paesi in via di sviluppo.

Come trasformare una potenziale risorsa in un vero e proprio volano di sviluppo? Da qualche anno esiste una nuova possibilità per i viaggiatori attenti allo sviluppo sostenibile della Terra: il turismo responsabile. Non lasciatevi spaventare dalla definizione: non è richiesto nessun impegno al vacanziere spensierato, tranne quello di avere un occhio di riguardo per il posto in cui si trova e la popolazione che lo ospita!

L'assessorato alle politiche giovanili del comune di Empoli, in collaborazione con l'associazione Gruppo empolese emisfero sud (Gees), ha dato vita alla fine di novembre del 2008 a uno sportello del turismo responsabile, denominato "Cambia Viaggio". L'associazione Gees si occupa da anni di promozione del commercio equo e solidale e gestisce una bottega del mondo, Nadir. Proprio affrontando il rapporto Nord-Sud del mondo e analizzando le cause dello squilibrio mondiale, si è resa conto della necessità di promuovere un altro tipo di turismo.

Niente villaggi turistici gestiti da multinazionali estere, ma piccole strutture locali; incontri con associazioni e progetti sociali; attenzione al risparmio energetico: questo e altro ancora propongono le agenzie di viaggio che promuovono turismo responsabile. Presso lo sportello è possibile reperire informazioni su ogni tipo di viaggio "leggero" in Italia e all'estero, e, per i più giovani, anche opportunità di volontariato e campi di lavoro. Lo sportello inoltre è disponibile a visitare le scuole e a realizzare delle lezioni di approfondimento sul tema.

"Cambia Viaggio" è aperto ogni mercoledì e venerdì dalle 15 alle 19 all'interno della Biblioteca Comunale di Empoli, via Cavour, 36; maggiori informazioni sul sito www.cambiaviaggio.it oppure scrivendo a cambiaviaggio@gmail.com


Notizie correlate


Turismo in maschera

Dalle atmosfere raffinate di Venezia, a quelle alternative di Cento, alla battaglia delle arance di Ivrea...