In 24 punti vendita è attivo il servizio di prenotazione e acquisto di biglietti per spettacoli ed eventi

Quasi 64.000 biglietti venduti con postazioni sparse in 24 supermercati e iper per un valore complessivo di 2,3 milioni di euro che si riversano su concerti, teatri, eventi culturali di ogni tipo. Le cifre della vendita del circuito box office nei negozi Coop nel 2010 hanno il carattere di un vero e proprio boom.
«Oggi è diventato un gesto usuale: soci e clienti arrivano con le borse della spesa, si fermano davanti al monitor e con sicurezza comprano i biglietti per gli eventi più vari», dice Gemma, una delle operatrici al box office del Centro*Gavinana.
Il settore più gettonato è quello degli eventi musicali (musical, ma anche concerti di richiamo) che attraggono soprattutto i giovani; i teatri sono richiesti invece dalle generazioni più mature. Tutti però sanno già con certezza cosa vogliono.
Ne è passato di tempo da quando il servizio ha cominciato a muovere sperimentalmente i suoi primi passi a Prato, all'inizio del 2003. Allora era un'opportunità che incuriosiva, ma veniva utilizzata da pochi: le vendite di biglietti erano appena poche centinaia.
Gradualmente la platea di coloro che fanno la spesa alla Coop, pensano alla cultura e acquistano il loro voucher si è ampliata sempre più.

«Lo sconto offerto ai soci Coop ha prodotto un effetto moltiplicatore non c'è alcun dubbio - dice Antonio Breschi, amministratore delegato di Prg - ma la presenza capillare del servizio di prevendita nel circuito di Unicoop Firenze è soprattutto un segnale dell'attenzione di Coop ai propri clienti. La cooperativa è un partner di grande valore nella cultura toscana».