Dal mare ai laghi: le proposte per una stagione balneare tutta toscana

Scritto da Giulia Caruso |    Luglio 2008    |    Pag.

Giornalista Si è formata professionalmente come collaboratrice stabile della cronaca toscana de l'Unità, redazione cultura e spettacoli, dal '90 al '97, per la quale si è occupata di musica - in prevalenza rock - moda, costume e cinema. Attualmente collabora con il Corriere di Firenze per il quale è corrispondente per la cronaca locale da Empoli, e per il mensile Rockstar. Esperta di linguaggi e culture giovanili, di viaggi e turismo, è inoltre appassionata di enogastronomia.

Sventola bandiera blu
Acqua azzurra acqua chiara… La canzone di Lucio Battisti si addice alle acque del litorale toscano che hanno conquistato anche per quest’anno il maggior numero di bandiere blu: 15 su 104 in tutta Italia, a pari merito con le Marche. La Bandiera Blu è il premio che la Fondazione per l’educazione ambientale assegna alle spiagge che si sono distinte per la qualità delle acque, dei servizi e per le misure di sicurezza, e ai comuni che hanno incentivato comportamenti virtuosi in materia ambientale. Come Porto Santo Stefano, che ogni anno organizza una grande operazione di pulizia delle spiagge e delle acque, coinvolgendo anche la cittadinanza, alunni delle scuole compresi. Per l’estate 2008 guida la classifica il comune di Capalbio, ma anche la Versilia si piazza bene, con Forte dei Marmi, Camaiore, Viareggio. E poi Marina di Pisa, Tirrenia, Calambrone e il tratto livornese, Antignano e Quercianella, Castiglioncello e Vada, Cecina-Gorette e Marina di Cecina, Marina di Bibbona, Castagneto Carducci, San Vincenzo, Riotorto e il parco naturale della Sterpaia. Più giù Follonica, Castiglione della Pescaia, Marina di Grosseto, Principina, l’Argentario. In tanto splendore, soltanto 5,3 km di costa – su un totale di circa 633 km, isole comprese – risultano inadatti alla balneazione.

Foto di D. Tartaglia


Mare sotto controllo
Il mare rappresenta una grande risorsa ambientale ed economica per la nostra regione. Il compito di tenerlo sotto osservazione per tutelarne l’ecosistema e consentire una balneazione sicura è affidato all’Agenzia regionale per la protezione ambientale toscana (Arpat), che dal 1° aprile al 30 settembre effettua un continuo monitoraggio delle acque tramite 366 punti di rilevamento dislocati lungo la costa. Le analisi di routine contemplano 11 parametri, di cui 4 microbiologici (coliformi totali, coliformi fecali, streptococchi fecali, salmonella) e 7 chimico-fisici (pH, ossigeno disciolto, colorazione, trasparenza, oli minerali, tensioattivi, fenoli). «I prelievi vengono eseguiti ogni 15 giorni per ogni singolo punto di campionamento e opportunamente distanziati durante il mese - spiega il dottor Antonio Melley dell’Arpat -. Le acque sono considerate idonee quando il 90% dei campioni presenta tutti i parametri nei limiti di legge (per i microbiologici è sufficiente l’80%, ndr) e quando i casi di non conformità per colorazione, pH, temperatura, fenoli, oli minerali e sostanze tensioattive, non superano il 50% dei limiti. Tutte le percentuali devono essere calcolate sul totale dei campioni, che sono generalmente 12 a stagione per ogni punto di prelievo. I prelievi si effettuano nei fondali non superiori ai 120 cm di profondità, in caso di coste sabbiose, oppure entro 5 m dalla costa, nel caso di scogliere. Tutte le zone devono essere prevalentemente adibite alla pratica ricreativa, in un microsistema costituito da acque prossime alla battigia, scarsamente influenzate dal regime delle correnti e dalle condizioni meteorologiche». Tutto per poterci tranquillamente tuffare in un mare davvero blu.

L’isola dei Renai
Un’oasi per amanti della natura a due passi dalla città. È il Parco dei Renai di Signa, dotato di un vasto lago artificiale, di arenili in sabbia naturale, corsi d’acqua e boschetti. Un habitat ideale per specie protette in cui il Wwf ha creato un percorso naturalistico di grande interesse. Negli stagni  appositamente ricreati, vivono il tritone punteggiato, il tritone crestato e il raro rospo smeraldino. Vi nidificano cannaiole, usignoli di fiume, martin pescatori, tarabusini e garzette. Un’isola al centro del lago è stata scelta dai cormorani come dimora invernale. Nella zona più isolata, un boschetto protetto da un canale ospita gli aironi (info e prenotazione visite: 3383994177).

Il parco, gestito dalla società Isola dei Renai, è  anche in grado di soddisfare la voglia di sole, sport e divertimento di chi non ha tempo per andare al mare. C’è il Big Sur, stabilimento balneare con 120 m di spiaggia, cabine e spogliatoi e noleggio di barche a remi. La Lega Navale di Prato (info 3357507250) organizza corsi di vela. Corsi di windsurf con Kia Orana (info 3473541068) e  spettacolari esibizioni di  kitesurf  (info 3337468800).
Una navetta elettrica ad otto posti permette di spostarsi gratuitamente da una sponda all’altra del lago. Tante le attività sportive. Corsi di mountain bike ed escursioni in bici. In fase di progettazione, una piscina speciale per corsi di sub. In via di costruzione, discese artificiali per il kajak. Nello zona “lotto zero” c’è la pista da skateboard gratuita, la piscina semi-olimpionica, una parete per free climbing, campi di beach volley, calcetto e tennis e  giochi gonfiabili per bambini. Anche quest’anno funziona il simpatico “Chiringuito” dei Renai, ristorante, pizzeria e  music bar, e la boutique “Il Cormorano”, con i gadget del parco. Si può diventare anche cittadini dello “Stato Libero dei Renai”, con  tanto di “passaporto” che dà diritto a sconti, promozioni e accesso alla zona verde e agli eventi  per la stagione estiva, feste  e spettacoli.

Tuffi a Bilancino
Altra meta preferita dai vacanzieri in cerca di refrigerio, l’invaso di Bilancino, in Mugello, che vanta acque pulite e sicure per la balneazione. Il lago, una delle  più significative risorse ambientali del territorio fiorentino, dotato di aree attrezzate e spiagge, attira ogni estate schiere sempre più numerose di bagnanti. Anche quest’anno i due stabilimenti – che si trovano uno in località Nebbiaia, l’altro a Moriano – funzioneranno regolarmente con ombrelloni, sdraio e servizi di ristorazione (chi preferisce può comunque scegliere gli ampi spazi di spiaggia libera). Il lago di Bilancino offre anche una vasta area dedicata alla nautica gestita dal Circolo Nautico Mugello, e probabilmente già a partire dal prossimo anno tutti (e non più solo i soci del circolo) potranno navigare sul lago in barca a remi e vela. Sulla sponda nord-est del lago di Bilancino si trova l’oasi di Gabbianello, un’area protetta di 25 ettari, di cui 8 allagati. L’oasi si colloca in un contesto paesaggistico tipicamente toscano, circondata da ampie zone boschive, pascoli e zone coltivate principalmente col metodo biologico, in un’area pianeggiante protetta dai monti dell’Appennino tosco-romagnolo e dal rilievo dalla Calvana. Intorno all’Oasi sorgono numerose opere architettoniche di grande interesse storico: i castelli medicei del Trebbio e Cafaggiolo, la Villa delle Maschere, la Pieve romanica di San Giovanni in Petroio, la strada romana Flaminia militare. La gestione dell’area è affidata alla cooperativa Ischetus, sotto l’egida del Wwf. A luglio e agosto le visite guidate domenicali sono sospese: riprenderanno regolarmente a settembre (in questo mese l’oasi è aperta anche di sabato). Info: tel. e fax 0555535003 (orario d’ufficio), www.ischetus.com.
Nei mesi estivi il lago ospita anche numerosi eventi: il programma aggiornato per la stagione estiva 2008 è su www.bilancinolagoditoscana.it

Lo stato delle acque si può consultare al sito www.arpat.toscana.it

 

Il libro
Una guida per conoscere la Toscana dei laghi
Di E. Rossetti-L. Valenti: Laghi e specchi d’acqua di Toscana. Ed. Le Lettere, pagg. 316, € 18,50. Nello scaffale “Toscana da leggere”