Visite organizzate per i soci,al Museo statale alla mostra "Il Duomo della Madonna"

Scritto da Edi Ferrari |    Aprile 2010    |    Pag.

Giornalista. Dal 1988 nel magico mondo della comunicazione (uffici stampa, pubbliche relazioni, editoria, eccetera), e con una quasi (senza rimpianti) laurea in Lettere, collabora con Unicoop Firenze anche per l'aggiornamento dei contenuti del sito internet, per le pagine del tempo libero. Ha lavorato anche nella redazione di Aida (attuale Sicrea), dove si è occupata principalmente della realizzazione di trasmissioni televisive, fra le quali anche InformaCoop. Per l'Informatore si occupa delle pagine degli "Eventi".

Alla scoperta di Arezzo, della sua complessa vicenda artistica e della grande ricchezza della sua storia culturale, in un percorso che parte dal Museo statale d'arte medievale e moderna e termina alla mostra "Il Duomo della Madonna", nella ex chiesa della Madonna del Duomo. Sono le visite guidate che i soci Coop (e i loro figli minorenni) potranno effettuare fra aprile e maggio, scegliendo fra ben 15 date.

Il Museo si trova nel rinascimentale Palazzo Bruni Ciocchi. Istituito come museo statale nel 1972, si è formato grazie alla fusione di collezioni di diversa provenienza, frutto degli interessi di collezionisti, eruditi e artisti, e dell'attività delle maggiori istituzioni civili e religiose aretine.

Al piano terreno sono le sale dedicate alla scultura medievale ed alle trecentesche Madonne delle porte della cinta muraria del tempo della signoria dei Tarlati. Uno scalone monumentale seicentesco porta al primo piano e alle sale con i capolavori della pittura aretina del Medioevo, da Margarito a Spinello Aretino e a Parri di Spinello, mentre nelle vetrine sono esposte le oreficerie dal Medioevo e tardo Rinascimento. Ci sono poi opere di Bartolomeo della Gatta, Luca Signorelli, Domenico Pecori ed una selezione di armi bianche; e ancora le collezioni di bronzi e placchette, ma soprattutto una splendida collezione di maioliche istoriate, tra le più importanti d'Italia. Il grande corridoio di questo piano è dominato dalla monumentale tavola del Vasari raffigurante il Convito di Ester e Assuero.

Le sale del secondo piano proseguono con l'esposizione dei dipinti del Cinquecento con opere di Luca Signorelli, Giorgio Vasari, Alessandro Allori, Ludovico Carracci e del Sei e Settecento, tra cui Salvator Rosa, fino alle opere dell'Ottocento.

La visita guidata si sposta poi nella ex chiesa della Madonna del Duomo, che ospita la mostra "Il Duomo della Madonna", che riunisce alcune opere d'arte normalmente esposte proprio presso il Museo che abbiamo appena lasciato, attorno all'affresco rappresentante la Madonna della Rosa, che le fonti antiche, a cominciare dal Vasari, attribuiscono a Spinello Aretino.

Si tratta di cinque affreschi attribuiti a Parri Spinelli, quanto ci resta di un tabernacolo affrescato dal pittore attorno al 1440, e della statua rappresentante San Sigismondo, opera del Maestro di San Michele, anonimo scultore aretino della seconda metà del XIV secolo, provenienti tutti dall'area cittadina del Pionta, dove sorgeva il Duomo Vecchio, costruito nella prima metà dell'XI secolo e distrutto nel 1561 per volontà di Cosimo I de' Medici. Da questa demolizione è stato preservato proprio l'affresco della Madonna della Rosa, per la grande devozione di cui godeva presso la popolazione aretina: fu staccato con grandi spese e traslato nel luogo in cui, alla fine del XVI secolo, fu eretta per custodirlo la chiesa della Visitazione a Sant'Elisabetta, o della Madonna del Duomo.

Orari e date

Le visite guidate al Museo statale d'arte medievale e moderna e alla mostra "Il Duomo della Madonna" si tengono ad aprile il 21, 24 e 25; a maggio il 5, 8, 9, 12, 15, 16, 19, 22, 23, 26, 29 e 30. Orari: il mercoledì alle 18, il sabato alle 17 e la domenica alle 10.30. Il costo è di 10 € (maggiori di 65 anni 8 €), mentre per i minori di 18 anni accompagnati la visita è gratuita. I soci possono anche acquistare il catalogo della mostra "Il Duomo della Madonna" a 9,00 € anziché 10,00. Info e prenotazioni presso Argonauta Viaggi, via Erbosa 19 (Centro*Gavinana) a Firenze, tel. 0556800452.

Fotografie di Andrea Fantauzzo


Notizie correlate


Le grandi mostre

Mantegna a Padova, Verona e Mantova. L'armata cinese in terracotta a Roma