Dopo la scuola a Cittareale, una più grande a Norcia per 225 bambini

Scritto da Silvia Gigli |    Gennaio 2017    |    Pag. 4, 5

Giornalista E' nata e vive a Firenze ma è per metà senese. Ha iniziato a frequentare il mondo del giornalismo giovanissima, collaborando con quotidiani come La Città, Paese Sera e numerosi mensili toscani. Ha lavorato al quotidiano Mattina, allegato toscano dell'Unità, fino al '99, poi al Corriere di Firenze, infine caposervizio delle pagine dell'Unità in Toscana. Scrive sull'Informatore dal 1990.

Scuola Cittareale

La nuova scuola a Cittareale - Foto A. Fantauzzo

Terremoto

Ripartire dalle scuole per cercare di sanare le ferite del terremoto. E il prossimo impegno è realizzare una nuova scuola elementare per 225 bambini di Norcia, una fra le località più colpite dal sisma dello scorso ottobre, mentre quello di fine agosto aveva quasi risparmiato la cittadina umbra.

Coop Centro Italia, insieme a Unicoop Firenze, ha deciso di finanziare un progetto che prevede una struttura portante di 700 mq, con telaio di legno. L’impegno è di oltre 500.000 euro e il progetto di costruzione è a cura della Fondazione Francesca Rava Nph Italia Onlus, che consegnerà la scuola al Comune di Norcia entro gennaio 2017.

«Se il 30 e 31 ottobre abbiamo donato generi alimentari alle mense per i primi soccorsi alle popolazioni - ha spiegato Giorgio Raggi, presidente di Coop Centro Italia - oggi è tempo di pensare al futuro. La costruzione della scuola sarà sostenuta dai tanti contributi che nei punti vendita del Gruppo Coop Centro Italia e di Unicoop Firenze sono stati raccolti, e stiamo tuttora raccogliendo, grazie all’impegno dei soci e alla generosità di clienti e dipendenti. La prospettiva di tornare a una normalità avrà così una risposta in tempi brevi. Siamo un’impresa di persone e vogliamo essere al fianco dei nursini nella ripresa delle attività: per questo abbiamo valorizzato, e continueremo a valorizzare, l’attività degli imprenditori locali, acquistando e promuovendo la vendita dei prodotti del territorio nei nostri supermercati».

Anche il punto vendita di Norcia di Coop Centro Italia ha subito danni notevoli dal sisma: i venti dipendenti hanno ripreso il lavoro in un punto vendita provvisorio allestito nella zona industriale della cittadina.


Quella che c’è già

Lanciata il 26 agosto, la raccolta fondi alle casse di Unicoop Firenze è terminata il 4 dicembre con un risultato di 220.000 euro (114 dei quali sono stati già stanziati per la scuola di Cittareale). È poi proseguita con l’impegno della Fondazione Il Cuore si scioglie Onlus che, al progetto di costruzione, ha donato ulteriori fondi raccolti anche dalle sezioni soci Coop presso i banchini organizzati lo scorso dicembre.

La raccolta, come abbiamo già visto, ha portato al primo risultato concreto lo scorso 9 novembre: a Cittareale, Comune a 20 chilometri ad ovest di Amatrice, è stata inaugurata una nuova scuola, grazie all’impegno congiunto di Unicoop Firenze, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e Confederazione delle Misericordie e alla generosità di 30.000 soci e clienti della cooperativa che hanno effettuato una donazione alle casse dei supermercati.

Toscano anche il progetto di costruzione della struttura, edificata da una ditta di Poggibonsi che ha regalato ai bambini sei nuovi computer, mentre i kit scolastici sono stati donati insieme alla Misericordia di Empoli.

Con scheletro in acciaio, doppio isolamento termico e un costo di 264.000 euro, la nuova scuola antisismica è stata costruita in tempi record per offrire a 50 bambini di Cittareale e dei paesi vicini un tetto sicuro sotto il quale studiare, giocare e riprendere a sperare.

«Dalle scuole si può ricominciare a vivere. Se non c’è scuola non c’è comunità - spiega Daniela Mori, presidente del Consiglio di sorveglianza di Unicoop Firenze -. Un grande lavoro di cooperazione ha reso possibile realizzare in tempi così rapidi questo progetto tanto importante per i bambini e le loro famiglie».

«Questa inaugurazione è la dimostrazione che quando in Italia si vogliono fare le cose bene ci si riesce», sintetizza Francesco Nelli, sindaco di Cittareale, paese che ha il 60% delle proprie case inagibili e dove la scuola in muratura è stata chiusa dopo la scossa del 24 agosto scorso.

A cena per Norcia

Grande successo per la cena lo scorso 6 dicembre al Centro*Gavinana per Il Cuore si scioglie dai dipendenti del Coop.fi e del Centro commerciale, con la sezione soci Coop. Un servizio catering impeccabile e speciale con i ragazzi dell’associazione Trisomia 21. Grazie a tutti!


Il Cuore si scioglie

Progetti e progettisti cercasi

Aumentare la capacità di fare rete, condividere idee e iniziative solidali: con questi obiettivi la Fondazione Il Cuore si scioglie lancia un’iniziativa di raccolta fondi on line sulla piattaforma eppela.com che mira a finanziare nuovi progetti sul territorio e per il territorio. L’attività della Fondazione si arricchisce così di un nuovo strumento di finanziamento “dal basso”. Maggiori informazioni su: www.ilcuoresiscioglie.it.

C’è ancora qualche giorno per candidare il proprio progetto su eppela.com. Possono partecipare istituti, enti o organizzazioni non a scopo di lucro che perseguono esclusivamente finalità di solidarietà sociale o che svolgono un’attività nei confronti di “persone svantaggiate”.

I progetti dovranno riguardare: povertà (iniziative per senzatetto, emergenze alimentari, attività con migranti), emergenza abitativa (sistemazione per persone in difficoltà), marginalità/integrazione (corsi di lingua per migranti, corsi di reinserimento lavorativo, sostegno sociale per i disabili, attività di lotta all’esclusione), violenza di genere (attivazione o ripristino di sportelli di ascolto, iniziative di sensibilizzazione al tema).

I quattro progetti scelti saranno pubblicati per la campagna di raccolta fondi dal 16 gennaio.

Info: https://www.eppela.com/it/mentors/fondazione-css

Video


Notizie correlate

Scuola Cittareale

Una scuola per ricominciare

A Cittareale, la prima nuova costruzione nelle zone colpite dal terremoto

Video

Teatro del Giglio

Il Cuore ti accoglie

Tante iniziative su molti fronti: il terremoto, i migranti, i beni sottratti alle mafie, Burkina Faso


Pere per ricostruire

Fino al 31 marzo prosegue l'iniziativa di solidarietà per la regione devastata dal terremoto