Coop_cultura

American Art 1961-2001

Enti e teatri convenzionati

Spettacoli nel carrello

Fai la spesa e prenota il teatro!

Palazzo Strozzi presenta “American Art 1961-2001”, una grande mostra che celebra l’arte moderna degli Stati Uniti d’America attraverso oltre 80 opere di artisti come Andy Warhol, Mark Rothko, Louise Nevelson, Roy Lichtenstein, Claes Oldenburg, Bruce Nauman, Barbara Kruger, Robert Mapplethorpe, Cindy Sherman, Matthew Barney, Kara Walker, esposte a Firenze, alcune di esse per la prima volta in Italia, grazie alla collaborazione con il Walker Art Center di Minneapolis. L’esposizione propone uno straordinario percorso attraverso importanti e iconiche opere di personalità e movimenti che hanno segnato l’arte americana tra due momenti storici decisivi, l’inizio della guerra del Vietnam e l’attacco dell’11 settembre 2001: dalla Pop Art al Minimalismo, dalla Conceptual Art alla Pictures Generation, fino alle più recenti ricerche degli anni Novanta e Duemila.

A cura di Vincenzo de Bellis (Curator and Associate Director of Programs, Visual Arts, Walker Art Center) e Arturo Galansino (Direttore Generale, Fondazione Palazzo Strozzi), la mostra testimonia la poliedrica produzione artistica americana tra pittura, fotografia, video, scultura e installazioni, proponendo una inedita rilettura di quarant’anni di storia e affrontando tematiche come lo sviluppo della società dei consumi, la contaminazione tra le arti, il femminismo, le lotte per i diritti civili. Nel 1961 John F. Kennedy diviene presidente e l’11 dicembre inizia ufficialmente la Guerra del Vietnam, quando i primi elicotteri americani arrivano a Saigon; nel 2001 è presidente George W. Bush quando l’11 settembre quasi tremila persone muoiono nel più drammatico attacco sul suolo americano dopo Pearl Harbor. Questi due anni diventano date spartiacque che definiscono l’affermazione degli Stati Uniti come superpotenza politica ma segnano anche un’epoca di sperimentazione senza precedenti per l’arte di cui l’America diviene punto di riferimento a livello globale.

In un percorso che propone le opere di oltre 50 artisti, un’attenzione speciale è data ad alcune figure chiave di questi quarant’anni. Centrale è Andy Warhol, di cui sono presentate 12 opere tra cui la celebre “Sixteen Jackies” (1964), dedicata a Jackie Kennedy all’indomani della morte di JFK. Una sezione speciale della mostra è dedicata al padre della danza contemporanea, Merce Cunningham, la cui ricerca è presentata attraverso grandi installazioni nate dalla collaborazione con Robert Rauschenberg e Jasper Johns.

La grande stagione degli anni Sessanta è testimoniata da opere di maestri come Donald Judd, Robert Morris, Bruce Nauman, John Baldessari: figure che diventano punti di riferimento per le successive generazioni di artisti che ridefiniscono le nuove possibilità dell’arte. Tra queste emergono la riflessione sulla figura della donna di Cindy Sherman, le appropriazioni dal mondo della pubblicità di Richard Prince e Barbara Kruger, la denuncia dello stigma dell'AIDS di Felix Gonzalez-Torres o le inquietanti narrazioni ‘posthuman’ di Matthew Barney, di cui è presentata in maniera inedita per l’Italia l’installazione di “Cremaster 2” (1999), controversa opera dedicata a un assassino che richiese per se stesso la pena di morte.

Focus speciale della mostra è infine quello dedicato alle più recenti ricerche degli anni Novanta e Duemila, tra cui spiccano figure di riferimento per la comunità afroamericana quali Kerry James Marshall e Glenn Ligon o artisti che investigano in modo totalmente originale l’identità americana come Paul McCarthy, Mike Kelley, Jimmie Durham e Kara Walker, della quale è proposta un’ampia selezione di opere video e disegni che testimoniano la sua suggestiva ricerca tra storia e satira sociale intorno ai temi della discriminazione razziale.

 

IL PERCORSO DELLA MOSTRA

Attraverso una importante selezione di opere proveniente dalle collezioni del Walker Art Center di Minneapolis, museo-culto dell’arte contemporanea, la mostra racconta quarant’anni di storia americana attraverso una moltitudine di espressioni artistiche – tra pittura, fotografia, video, scultura e installazioni – e affronta temi oggi fondamentali come la società dei consumi, il femminismo, le lotte per i diritti civili, la pena di morte.

Attraverso un andamento cronologico, la mostra ripercorre il periodo più intenso della storia artistica degli Stati Uniti e al contempo riflette su un periodo cruciale per le vicende mondiali. Nel 1961 John F. Kennedy diventa presidente e l’11 dicembre inizia ufficialmente la guerra del Vietnam con i primi elicotteri americani che arrivano a Saigon; l’11 settembre del 2001, sotto la presidenza di George W. Bush, quasi tremila persone muoiono nel più drammatico attacco sul suolo americano dopo Pearl Harbor. Queste due date segnano uno spartiacque nella storia degli Stati Uniti come superpotenza politica e caratterizzano anche un’epoca di sperimentazione senza precedenti per l’arte, di cui l’America diviene punto di riferimento a livello globale.

Ma è possibile seguire anche un itinerario per temi, attraverso percorsi che forniscono altrettanti spunti di riflessione, ad esempio, sull’idea di American Dream, sul ruolo delle donne nell’arte americana e sul tema della diversity e della rappresentazione di comunità e temi storicamente esclusi dal sistema dell’arte.

 

LE INIZIATIVE PER I SOCI

Visite guidate

Visite guidate alla mostra per singoli visitatori due volte alla settimana per tutta la durata dell’esposizione nelle giornate di giovedì ore 18 e di domenica alle ore 15.

Visita guidata gratuita, biglietto a pagamento, ridotto per i soci. Attività su prenotazione: per partecipare è richiesta la prenotazione con acquisto del biglietto di ingresso in prevendita, ridotto per i soci Coop (€ 12 anziché € 15). Info 055.2645155.

 

Kit famiglie 3+

Palazzo Strozzi porta avanti un approccio aperto al coinvolgimento delle famiglie con bambini, attraverso numerose attività come laboratori e speciali strumenti di visita. In particolare negli ultimi anni è stato progettato per le mostre uno speciale Kit per una visita in autonomia dei gruppi familiari, pensato per visitare le mostre e approfondire le opere con giochi da condividere tra bambini e adulti. Alla luce delle attuali condizioni di visita alla mostra, Palazzo Strozzi propone una nuova versione del Kit pensato come un pieghevole/leaflet, un percorso a tappe per esplorare una selezione delle opere della mostra con giochi e attività che potranno proseguire l’esperienza a casa.

Il kit è realizzato grazie al contributo di Unicoop Firenze, sarà in distribuzione gratuita a tutte le famiglie presso la biglietteria di Palazzo Strozzi e disponibile online per essere scaricato in formato digitale.

 

 

Tutte le date

Da: 28/05/2021

A: 29/08/2021

(Lunedì-venerdì 14-21; sabato, domenica e festivi 10-21.)

Palazzo Strozzi

Agevolazioni per i soci.

Contatti

Tel. 0552645155

www.palazzostrozzi.org

Prezzo per i soci: 12,00 €

Prezzo per i non soci: 15,00 €

(Si ricorda che in ottemperanza alle misure per il contenimento del rischio da contagio COVID-19 gli ingressi alla mostra sono contingentati per numero e per fascia oraria. Per garantirsi l’accesso diretto in mostra senza passare dalla biglietteria e per ridurre al minimo i tempi di attesa è fortemente raccomandato l’acquisto del biglietto online. )

Eventi in evidenza

American Art 1961-2001

28/05/2021 - 29/08/2021

R-Estate con l’arte!

01/06/2021 - 08/08/2021

La forza del destino

04/06/2021 - 19/06/2021

La forza del destino

04/06/2021 - 19/06/2021

La grande abbuffata

17/06/2021 - 20/06/2021