DI COSA SI TRATTA

Il progetto mira a creare a Montopoli in Val d'Arno, all'interno di un'area lungo la superstrada Firenze-Pisa-Livorno precedentemente occupata da un allevamento, il primo bosco biosostenibile d’Italia realizzato su un ex terreno industriale. Il bosco sarà “bio”, in quanto incubatore di diversità naturalistica, e sarà sostenibile per l’assorbimento di anidride carbonica, ma anche perché sarà un modello funzionante di “polmone verde” con una proporzione tra costi e benefici della piantagione ripetibili nel tempo e nel territorio.

Un esperimento sul campo, insomma, di quanto si possa fare per cercare di salvare il nostro pianeta piantando alberi.
L’idea è quella di far nascere una nuova area boschiva, che sia a tutti gli effetti visitabile inserendo un percorso che impatti al minimo la superficie del suolo ma che permetta alle persone di vivere un’esperienza a contatto con la natura, con l’obiettivo di sensibilizzare e innescare comportamenti virtuosi verso l’ambiente e il territorio.

abbraccia un albero dai vita a un bosco

Il progetto prevede la messa a dimora di alberi e arbusti secondo tre modalità di intervento: con alberi di circonferenza dai 14 ai 18 cm, con circa 3000 piantine forestali in fitocella e con la messa a dimora di talee legnose.

Il percorso naturalistico si snoda lungo tutta la lunghezza dell’area e raccorda una serie di elementi tra cui una torre di osservazione, il recupero delle vasche esistenti nelle quali saranno inserite piante acquatiche, un anfiteatro naturale, il loop tra le fronde (un circuito ad anello con vari tipi di vegetazione) un deck di sosta e un'aula didattica.

L’intervento prevede il mantenimento degli alberi già esistenti mentre il resto della superficie è destinata al ripristino attivo di nuovi alberi: di media grandezza, piantine forestali e talee legnose di specie a rapido accrescimento.

abbraccia un albero dai vita a un bosco

abbraccia un albero dai vita a un bosco

abbraccia un albero dai vita a un bosco

LA BONIFICA DELL'AREA

L’area su cui si svilupperà il bosco è stata occupata in passato da un allevamento. Per questo è particolarmente rilevante la bonifica che viene fatta da Unicoop Firenze, e monitorata e rendicontata da Legambiente, e che prevede la rimozione e l’avvio al riciclo di 17.000 tonnellate di rifiuti solidi, fra cemento, asfalto, calcestruzzo.

In questo modo il suolo verrà restituito al ciclo naturale di fertilizzazione e assorbimento idrico e sarà possibile iniziare a piantare le tremila piante previste, di cui 800 ad alto fusto lungo, principalmente nella zona che confina con la strada di grande comunicazione Firenze – Pisa -Livorno e 2200 piante e talee forestali.

abbraccia un albero dai vita a un bosco

abbraccia un albero dai vita a un bosco

VIDEO

LA RIDUZIONE DELL'INQUINAMENTO

Il recupero di zone naturali degradate grazie alla riforestazione è uno degli strumenti più efficaci che abbiamo per contrastare il crescente rilascio di CO2 nell’aria e innescare una serie di benefici che vanno dal ripristino della biodiversità alla rimozione di inquinanti volatili.

Quantificare i benefici che danno le piante è uno straordinario strumento per capire quanto sia importante il nostro patrimonio naturale. Il verde è fondamentale, dal punto di vista energetico, ecologico, sociale ed economico e la mancata conoscenza dei benefici comporta il rischio di sottovalutarne l’importanza.


La scelta delle piante
, su indicazione del professor Stefano Mancuso e di Pnat, riguarda specie ad alto assorbimento di CO2 e rapido accrescimento del tronco.

Questo consentirà di avere importanti benefici per la qualità dell’aria, che aumenteranno esponenzialmente al passare degli anni:

  • - a 10 anni il bosco potrà assorbire 170 tonnellate CO2 e una mole importante di inquinanti (polveri fini, ossido di azoto, ecc);
  • - a 20 anni il “risparmio” di CO2 sarà di 600 tonnellate;
  • - a 30 anni di 1400 tonnellate.

abbraccia un albero dai vita a un bosco

abbraccia un albero dai vita a un bosco

VIDEO

Il prof. Stefano Mancuso spiega perché è fondamentale piantare alberi per ridurre la CO2

COME CONTRIBUIRE

Puoi contribuire a questo importante progetto nelle seguenti modalità:
- online su eppela
- alle casse dei punti vendita Coop.fi donando almeno 1 euro o 100 punti della Carta Socio
- tramite bonifico bancario sul conto corrente dedicato IT57D0503402801000000309251

Unicoop Firenze raddoppierà ogni donazione.
Inoltre, puoi sostenere l'iniziativa anche acquistando nei punti vendita Coop.fi i prodotti ViviVerde: parte del ricavato della vendita sarà destinato al progetto.

Piantati i primi alberi del bosco

Sabato 20 novembre 2021 a Montopoli in Val d'Arno

ABBRACCIA UN ALBERO, DAI VITA A UN BOSCO

Dal 23 settembre al 21 novembre 2021

DONA ONLINE