• 12/01/2012

I Funghi lardaioli

(estate-autunno)

I lardaioli in Toscana sono meritatamente apprezzati,perché sono funghi consistenti, compatti e lardosi, da cui deriva il loro nome.
Questi esemplari tipici dell’autunno sono molto ricercati, in particolar modo nei boschi misti di latifoglie (quercia, leccio, corbezzolo), preferibilmente nelle zone mediterranee. Comprendono il lardaiolo bianco (Hygrophorus penarius), e il lardaiolo rossoo paonazzo (Hygrophorus russula).

Nascono in gruppi formati da numerosi esemplari formando un vero e proprio ricamo naturale nel sottobosco.

Per i loro tessuti particolarmente resistenti si prestano ad essere conservati sott’olio e per farne ottimi contorni di vari preparati alimentari. Molto diffusi nel territorio senese e nella Maremma grossetana, fino al tardo autunno.

Da non dimenticare tra i funghi commestibili nella tarda estate-autunno l'ottimo e raro ordinale o cimballo (Clitocybe geotropa) e la fragile e buona moretta (Tricholoma terreum), la cui abbondante presenza nei boschi si potrae fino all'inverno.


Didascalia foto :lardaiolo bianco (Hygrophorus penarius)